Budget cap, Horner: «Richiesta una sanzione draconiana per un paio di centomila dollari»
Tempo di lettura: 4 minuti

Gli appassionati di Formula1 stanno attendendo con ansia di sapere l’esito prodotto dalle conversazioni avvenute tra il team principal della Red Bull, Christian Horner, e il presidente della FIA, Mohammed Ben Sulayem, durante il weekend degli USA.

La casa di Milton Keynes avrebbe dovuto rivelare ad Austin la cifra effettiva dello sforamento del tetto di spesa, registrato dalla Federazione come una ‘violazione minore’ del regolamento finanziario per aver superato la soglia imposta dal budget cap 2021 (145 milioni di dollari) ed essere rimasta al di sotto del 5%.

Horner si era preso un altro po’ di tempo venerdì, poi con la perdita di Mateschitz è passato tutto giustamente in secondo piano. Per rispetto è stato deciso di concedere alla squadra qualche altro giorno.


Horner: è stata fatta una campagna a voler screditare la Red Bull

Nell’attesa di conoscere i dettagli, interessante conoscere il pensiero del team principal in merito al superamento della soglia del budget: Rientrare nel 5% dello sforamento è un aspetto del regolamento. La situazione adesso deve soltanto essere esaminata”, ha affermato minimizzando gli effetti che una decisione simile possa aver avuto sulla vettura 2021 ma anche sul progetto 2022.

GP USA 2022, Brown, Horner

Ovviamente, in attesa di conoscere il valore effettivo della cifra, ci sono molte speculazioni su quelle che potrebbero essere le sanzioni a cui andrà incontro la squadra austriaca. Indiscrezioni che Horner ha così commentato: “Le sanzioni sono completamente oggettive. Fa tutto parte di una campagna a richiedere una sanzione draconiana nei confronti della Red Bull per un diverbio avuto con la FIA che alla fine risulterà essere di un paio di centomila dollari, riporta 'GpFans.com' (secondo indiscrezioni però la cifra sarebbe molto più alta di 200'000 dollari, leggi qui).

Riguardo alla lettera di Brown...

Parlando poi delle tante critiche ricevute ha concluso: Più avanti spiegherò perché la nostra posizione fosse diversa rispetto agli altri competitor. Siamo però delusi da come è stato gestito tutto. C’è stata una fuga di notizie che ha dato origine ad un processo nei nostri confronti che ci ha visto per tre settimane vittima di effettivi abusi. Ciò che ha fatto Zak, accusandoci di aver barato e di aver avuto una condotta fraudolenta non è giusto. Questo deve finire”.

 

Leggi anche: Budget cap, Brown scrive alla FIA: «Chiediamo sanzioni sportive». Le proposte della McLaren


Leggi anche: Verstappen vince e la FIA allontana un direttore di gara. La storia si ripete

Foto: Red Bull Racing

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio Stati Uniti 2022


Tag
horner | fia | budget cap | red bull | brown | f1 | formula1 | stagione 2022 |


Commenti
-
Formula1.it

Gli appassionati di Formula1 stanno attendendo con ansia di sapere l’esito prodotto dalle conversazioni ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it