Power unit 2026, Horner vuole delle garanzie dalla FIA: «Ci serve un 'paracadute'»
Tempo di lettura: 4 minuti

La Red Bull si sta preparando ad affrontare una grande sfida, forse la più ardua da quando è entrata in Formula1. Aver deciso di mettere in piedi un reparto addetto alla progettazione, produzione e gestione delle power unit non è cosa da poco, soprattutto se fatto nel contesto attuale, con i tecnici che si stanno mettendo al lavoro sui nuovi propulsori che vedremo debuttare in categoria nel 2026.

Una prova enorme se consideriamo che gli uomini Red Bull, a meno di colpi di scena, dopo aver abbandonato lo scenario di collaborazione con la Porsche, si ritroverà a dover affrontare da sola il cambiamento regolamentare.

Le preoccupazioni Red Bull

Nonostante la casa austriaca sia famosa per intraprendere e vincere questo genere di sfide, in un’intervista riportata da ‘GpFans.com’, il team principal non ha nascosto qualche preoccupazione. Anche se è vero, che presentandosi come nuovo produttore il team austriaco godrà di un bonus di 10 milioni di dollari da poter investire nel 2023-2024 e di 5 milioni di dollari nel 2025, è giusto ricordare che nel 2014 e 2015, malgrado la partecipazione di grandi case produttrici, tranne la Mercedes, tutti gli altri brand si sono trovati in grande difficoltà dal punto di vista delle prestazioni.


GP Italia 2022, Red Bull, Horner

Richiesto un 'paracadute'

Ferrari, Renault e Honda hanno dovuto faticare parecchio per raggiungere il livello del propulsore teutonico. Dunque, quel che chiede Christian Horner alla FIA è che venga istituito una sorta di ‘rete di sicurezza’, un ‘paracadute’ tale da non permettere che vengano a generarsi delle grosse disparità di prestazioni tra le varie power unit che vedranno la luce nel 2026.

“Chiediamo che venga garantita una certa parità di condizioni. Non vogliamo alcun privilegio in più, ma essere nelle condizioni di poter stare sullo stesso livello degli altri. Credo che la ‘rete di sicurezza’ presente all’interno dei regolamenti debba essere rivista per tempo, ha affermato il manager britannico.

“Se un produttore manca l’obiettivo, avrà dei margini di intervento? Potrà provvedere a colmare il gap prestazionale in caso di eccessive disparità, come ad esempio quelle viste all’alba dell’era V6 nel 2014? Sono tutti al lavoro adesso. Non solo Nikolas Tombazis, anche il presidente è stato fortemente coinvolto”. Secondo quanto riportato da ‘GpFans.com’ il riferimento sarebbe al presidente FIA, Mohammed Ben Sulayem.


 

Leggi anche: Horner sul concetto zero-sidepod Mercedes: «Sapevamo non avrebbe funzionato»

Leggi anche: Ferrari, Binotto: «Potenziale maggiore di quel che appare. Ci sono cose da rivedere»

Foto: Red Bull Racing

Tutte le news, le foto, il meteo, gli orari delle sessioni ed i tempi del Gran Premio di Singapore 2022


Tag
power unit | horner | red bull | honda | f1 | formula1 | stagione 2022 |


Commenti
-
Formula1.it

La Red Bull si sta preparando ad affrontare una grande sfida, forse la più ardua da quando è entrata ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it