Guida alla stagione 2021 - Cosa è cambiato e cosa ci aspetta
La nuova stagione di F1 è alle porte. Il 2021 vedrà nuovi piloti, nuove squadre, nuovi regolamenti e un calendario decisamente particolare. Spieghiamo le nuove regole, analizziamo i nuovi protagonisti, e vediamo cosa cambia realmente.

By:
4112

Se la F1 riuscirà a superare i problemi causati dal COVID-19 in tutto il mondo, quest'anno avremo un calendario record di 23 gare, incluso il ritorno del Gran Premio d'Olanda a Zandvoort e il nuovo appuntamento del Gran Premio dell'Arabia Saudita sul circuito stradale di Jeddah.

La pandemia globale ha anche avuto un effetto importante sul regolamento 2021: la nuova era tecnica prevista per questa stagione è stata spostata di 12 mesi per ridurre i costi in un momento in cui le squadre sono sotto enorme pressione finanziaria.

Detto questo però anche piccole modifiche al regolamento potrebbero aver avuto un grande impatto sulle gerarchie a cui siamo abituati, e l'introduzione del budget cap, delle limitazioni aerodinamiche e la probabile introduzione delle gare sprint rappresentano cambiamenti giganteschi nel DNA della F1.

Anche le squadre stesse hanno apportato cambiamenti abbastanza radicali: sette dei 10 costruttori iniziano il 2021 con nuove formazioni di piloti, e due squadre sono state completamente ribattezzate.


Qui puoi consultare l'elenco completo delle scuderie e dei piloti F1 2021, i nuovi loghi, le livree e le schede tecniche delle nuove monoposto, le statistiche e la storia del team, i video di presentazione ed il raffronto tra le prestazioni dei compagni di squadra

 

Le formazioni piloti 2021

Il sette volte campione del mondo Lewis Hamilton a febbraio ha messo fine a mesi di speculazioni firmando un'estensione del contratto di un anno con la Mercedes, che da al 36enne la possibilità di vincere l'ottavo titolo record nel 2021. Guiderà insieme al compagno di squadra Valtteri Bottas per la quinta stagione consecutiva, con l'attuale accordo del finlandese che scadrà alla fine di questa stagione.

In Red Bull - candidata ad essere la squadra da battere nella nuova stagione dopo le impressionanti prestazioni nei test pre-stagionali in Bahrain - Alex Albon è stato sostituito da Sergio Perez, che sembrava destinato a perdere del tutto un sedile in F1 dopo che la Racing Point aveva deciso di scaricarlo. Perez ha accettato un accordo di un anno con la Red Bull per il 2021, mentre Albon disputerà una campagna parziale nel DTM quest'anno.

Il vecchio posto di Perez è stato preso da Sebastian Vettel, che ha firmato per il nuovo team Aston Martin dopo la decisione della Ferrari di non rinnovare con il quattro volte campione del mondo. Lance Stroll mantiene il suo posto (nella scuderia di papà) dopo una stagione 2020 comunque di tutto rispetto, in cui ha ottenuto un podio a Monza e la pole position nel Gran Premio di Turchia.

Al posto di Vettel, la Ferrari ha ingaggiato Carlos Sainz Jr per affiancare Charles Leclerc. Lo spagnolo ha impressionato nelle ultime due stagioni, con costanti piazzamenti a punti e un paio di podi per la McLaren che gli hanno fatto guadagnare un accordo biennale con la scuderia.

Il passaggio di Sainz alla Ferrari ha anche visto Daniel Ricciardo firmare per la McLaren. La forma non sempre brillante della Renault nella scorsa stagione ha convinto l'australiano a guardare altrove per il 2021, e i due podi per la squadra francese nel 2020 hanno dimostrato che Ricciardo non ha perso il suo talento e la voglia di vincere dopo la sua decima stagione completa in F1.

La decisione di Ricciardo ha aperto la porta a Fernando Alonso, che torna in F1 dopo una pausa di due anni. Il doppio campione del mondo di F1 inizia la sua terza avventura con il team di Enstone - ribattezzato Alpine per il 2021 - insieme a Esteban Ocon, al quale scadrà il contratto alla fine della stagione.

La sorellina della Red Bull, il team AlphaTauri ha salutato Daniil Kvyat per la seconda volta, sostituendo il russo con il rookie Yuki Tsunoda, che ha finito terzo nel campionato F2 nel 2020. Kvyat è senza un sedile per il 2021, ma ha firmato con Alpine come pilota di riserva.

L'unica squadra a cambiare entrambi i suoi piloti per il 2021 è la Haas, che ha salutato Kevin Magnussen e Romain Grosjean alla fine del 2020, anche a causa dei vincoli finanziari causati dal COVID-19. Il campione di F2 2020 Mick Schumacher - figlio del sette volte campione del mondo Michael e membro della Ferrari Driver Academy - farà il suo debutto in F1 per la squadra statunitense in Bahrain. Il suo compagno di squadra sarà il collega di F2 Nikita Mazepin, il figlio del miliardario Dmitry Mazepin, che è arrivato quinto in F2 l'anno scorso, ma ha suscitato polemiche durante l'inverno dopo aver pubblicato un video in cui sembra toccare una donna in modo inappropriato in una macchina ad Abu Dhabi.

 

Le novità nelle scuderie 2021

Ancora una volta 10 squadre si contenderanno il campionato costruttori di F1 nel 2021, ma due scuderie hanno subito un importante rebranding alla fine della scorsa stagione.

Racing Point - precedentemente nota come Force India - è stata trasformata ancora in Aston Martin per il 2021. Il team è stato acquistato da un consorzio guidato dal miliardario Lawrence Stroll nel 2018, e un accordo di investimento separato con Aston Martin nel 2020 ha visto Stroll diventare presidente della società britannica, in cui ora è un importante azionista. Il risultato è il ritorno del nome Aston Martin in F1 per la prima volta dal 1960, e la livrea in gran parte rosa della squadra è stata sostituita con uno schema verde per il 2021.

Nel frattempo, Groupe Renault - il gruppo multinazionale dietro il team Renault F1 - ha rimosso il nome Renault dalla F1 per il 2021 e lo ha sostituito con Alpine; il suo marchio automobilistico ringiovanito. Il nuovo CEO della società Luca de Meo vuole usare la F1 per promuovere il nome Alpine in tutto il mondo, e come tale la livrea gialla e nera del team ha fatto posto a un design in gran parte nero e blu che sfoggia elementi rossi e bianchi nella parte posteriore.

La McLaren è l'unica squadra ad aver cambiato fornitore di motori durante l'inverno, con il team di Woking che termina il suo rapporto con Renault tre anni dopo aver abbandonato la Honda come partner per i motori. Il team utilizzerà nuovamente i motori Mercedes nel 2021, dopo averlo fatto per l'ultima volta alla fine della stagione 2014.

Nell'ottobre 2020 Honda ha annunciato che avrebbe terminato il suo programma di motori di F1 alla fine del 2021, mettendo in pericolo i piani futuri di Red Bull e AlphaTauri. Dopo aver ottenuto un accordo con tutte e 10 le squadre per congelare lo sviluppo del motore a partire dal 2022, Red Bull ha poi annunciato che assumerà il progetto del motore Honda alla fine di questa stagione fino all'introduzione della prossima generazione di power unit.

Haas ha rivelato il nuovo title sponsor, il produttore russo di fertilizzanti Uralkali, che è anche di proprietà di Dmitry Mazepin. L'accordo ha ispirato la nuova livrea bianca, blu e rossa del team, anche se la sua somiglianza con la bandiera russa ha portato a un'indagine dell'Agenzia mondiale antidoping (WADA). La Russia è stata bandita dagli eventi del campionato del mondo per i prossimi due anni dopo le i fatti di doping alle Olimpiadi invernali del 2014, ed è per questo motivo che Nikita Mazepin deve correre sotto una bandiera neutrale.

La scuderia Ferrari inizia la stagione 2021 con l'idea di cancellare la pessima stagione 2020. Per tornare nella parte alta della griglia ha sviluppato un nuovo motore che dovrebbe ridare alla monoposto la giusta potenza e velocità di punta, in una stagione che comunque sarà ancora di forte transizione in attesa della rivoluzione 2022. 

 

Le novità del calendario Formula Uno 2021

Nonostante la pandemia di COVID-19 sia ancora in corso, la F1 prevede di tenere un calendario record di 23 gare nel 2021. Il Gran Premio d'Australia, che apre la stagione, è stato posticipato a novembre, e la prima gara dell'anno si svolgerà in Bahrain tra qualche giorno, due settimane dopo i test pre-stagionali nella stessa sede.

Per il secondo anno consecutivo il Gran Premio della Cina è stato annullato, e il suo posto è stato preso dal Gran Premio del Portogallo come terza prova del campionato. Imola è di nuovo presente dopo il grande successo della scorsa stagione (anche se tenuto a porte chiuse senza tifosi), per sostituire il Gran Premio del Vietnam.

L'anno scorso sembrava che il Gran Premio del Brasile poteva spostarsi a Rio de Janeiro per il 2021, tuttavia questo progetto è caduto e la F1 ha firmato un accordo quinquennale per mantenere la gara a Interlagos.

Due nuove gare sono state aggiunte al calendario: La F1 si recherà per la prima volta in Arabia Saudita per il penultimo round del campionato 2021, con un nuovo circuito stradale costruito a Jeddah. Con i suoi 6,175 km, la pista sarà la seconda solo a Spa-Francorchamps in termini di lunghezza, con simulazioni che prevedono una velocità media di 250km/h (155mph) su un singolo giro.

Il Gran Premio d'Olanda a Zandvoort è la seconda nuova aggiunta al calendario, con la pista pesantemente aggiornata che presenta due curve in pendenza due volte più ripide di quelle di Indianapolis. Inserito l'ultima volta nel calendario del 1985, il Gran Premio d'Olanda doveva riapparire nel 2020, ma i piani sono stati scartati a causa della pandemia da COVID-19 perché la gara era insostenibile senza i fan.

Il nuovo CEO della F1 Stefano Domenicali ammette che la serie dovrà essere "flessibile" per ospitare con successo 23 gare quest'anno. Le stagioni più lunghe della F1 fino ad oggi sono state caratterizzate da 21 gran premi, che sono stati completati senzai problemi associati a una crisi sanitaria globale. La sfida del COVID-19 detterà anche quando (e in che numero) i fan potranno assistere alle gare durante la stagione, con alcuni eventi più a rischio di altri se le vendite dei biglietti soffriranno come nel 2020.

Qui potete consultare il calendario completo della Formula Uno 2021, i circuiti, le tabelle dei tempi, gli orari delle sessioni, le statistiche ed i record dei tracciati.

 

Le novità regolamentari F1 2021

Una grande revisione del regolamento F1 era stata pianificata per il 2021, ma il COVID-19 ha gravemente colpito le entrate delle squadre nel 2020. Quindi, al fine di ridurre i costi per questa stagione, il grande cambiamento del regolamento è stato rimandato al 2022, permettendo alle squadre di risparmiare denaro sullo sviluppo (che è stato ulteriormente limitato con un rigido sistema a gettoni). Le auto di quest'anno sono effettivamente versioni 'B-spec' delle macchine della scorsa stagione, anche se i cambiamenti minori potrebbero avere cambiato le carte in tavola per quanto riguarda le principali gerarchie.

La più grande differenza è una riduzione al fondo delle monoposto, che - insieme alle modifiche al diffusore e ai condotti dei freni - è destinato a ridurre la deportanza di circa il 10%. La regola dovrebbe evitare anche che si ripetano le forature che hanno rovinato ad esempio il Gran Premio di Gran Bretagna, dove le mescole Pirelli sono state spinte oltre i loro limiti.

Pirelli ha introdotto una nuova gamma di pneumatici per il 2021 che dovrebbe dimostrarsi più durevole, e nonostante le previsioni iniziali che vedevano le monoposto 2021 circa un secondo più lente, dopo i test pre-stagionali Mario Isola, capo della sezione F1 Pirelli, ha detto che le auto di quest'anno saranno veloci come quelle del 2020.

Il sistema di sterzo a doppio asse (DAS) della Mercedes - che permetteva ai suoi piloti di modificare l'angolo di convergenza delle ruote anteriori tirando il volante avanti e indietro - è stato bandito per il 2021. Anche le pratiche di reverse engineering che hanno permesso a Racing Point di copiare efficacemente la Mercedes 2019 la scorsa stagione sono state rese illegali.

Anche se la revisione integrale dei regolamenti è stata ritardata, il tanto atteso budget cap della F1 è stato finalmente introdotto. Nel 2021 le squadre saranno limitate a un budget di 145 milioni di dollari, escluso gli stipendi dei piloti, i contratti di fornitura dei motori o i salari dei tre membri più redditizi di ogni squadra. Anche il marketing, i bonus per i dipendenti e i costi di viaggio sono esenti dai limiti del cost cap.

Il tetto dei costi è stato progettato per rendere più facile per le squadre più piccole di competere con le grandi, e ulteriori riduzioni del limite di spesa sono destinate ad essere introdotte nel corso delle prossime stagioni. Riduzioni che comunque devono ancora essere concordate.

Un'altra misura che dovrebbe ridurre il gap è una ulteriore limitazione "a scalare" sulla quantità di tempo che le squadre possono spendere per sviluppare le loro auto nella galleria del vento. Poiché la Williams è arrivata ultima nel campionato costruttori nel 2020, può fare più test aerodinamici di chiunque altro nel 2021. In Mercedes, come campioni, sono autorizzati a usufruirne meno di tutte le 10 squadre.

Poiché questo è il primo anno del nuovo sistema, le differenze sono relativamente piccole per ora, con la Williams autorizzata a trascorrere il 22,5% di tempo in più rispetto alla Mercedes nella galleria del vento e il resto delle squadre distribuite uniformemente tra questi due estremi. Tuttavia dal 2022 la disparità crescerà al 45%; una cifra che potrebbe avere un effetto molto più importante sul campionato.

L'ultimo grande cambiamento è la prevista introduzione di gare sprint in tre gran premi nel 2021. In questi eventi, le qualifiche si svolgeranno il venerdì, stabilendo la griglia per una gara sprint di 100 km il giorno seguente. I risultati di quest'ultima stabilirebbero poi la griglia per il gran premio della domenica. Una decisione finale sul formato e quali gare saranno selezionate è prevista prima dell'inizio della stagione.

Articolo originale su autosport.com


Tag
stagione f1 2021 | regolamento 2021 | piloti 2021 | scuderie 2021 |


Commenti
- Formula1.it
La nuova stagione di F1 è alle porte. Il 2021 vedrà nuovi piloti, nuove squadre, nuovi regolamenti ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it