Formula Irriverente - Attenti a quei due: Charles Leclerc e Carlos Sainz
Tempo di lettura: 6 minuti

Con la stagione 2022 in archivio è già ora di pensare al prossimo mondiale che prenderà il via il 5 marzo in Bahrain. Il Tilkodromo di Sakhir ospiterà una Formula 1 in grande spolvero, stando al Domenicali pensiero, col nuovo format che sembra piacere un po' a tutti. Piloti, team e appassionati esclusi, s'intende. 

Ma non vogliamo essere polemici: la Formula 1 è ancora lo sport più bello al mondo, se si escludono le sprint race, i propulsori centellinati, il parco chiuso al sabato, il DRS, il budget catering, i test privati aboliti, i motori silenziosi con tecnologia Dyson, le vie di fuga Eminflex, i track limits, l'assenza incomprensibile delle ragazze in griglia, la felliniana applicazione dei regolamenti, i 5 secondi a Vettel per aver abbandonato la Formula 1 e un presidente che dorme con la scimitarra sotto al cuscino.


Per nostra fortuna rimangono loro, i piloti, a dare spettacolo in pista e fuori con dichiarazioni forti e convivenze difficili, improbabili impegni nel sociale, velocità e piedi pesantissimi.

È a loro, vero cuore pulsante della Formula 1, che dedichiamo questa rubrica. Ecco i nomi degli eroi che porteranno in pista le macchine più veloci del mondo nel 2023. In chiave tutt'altro che seria.

Ferrari: Charles Leclerc e Carlos Sainz

Chi sia l'uomo su cui puntare sembra ormai chiaro. L'ha capito anche Binotto, a sue spese: si vocifera che appena dopo il siluramento sia stato mandato in Giappone a studiare l'antica cultura dei Samurai, per essere reintegrato successivamente a Maranello come istruttore di harakiri.

La coppia Sainz-Leclerc ha dimostrato scarso affiatamento nella scorsa stagione, complice una situazione (politica?) all'interno del team a tratti poco chiara, di sicuro poco redditizia in termini di risultati.

Se papà Carlos non deciderà di sfondare i cancelli di Maranello con la Celica GT-Four ST185, con ogni probabilità il 2023 rosso parlerà monegasco. E sempre se la Scuderia non decida di perseverare nella sua deriva nippo-suicida.

Ma siccome in Ferrari, oltre alle scellerate strategie anche i condizionali sembrano non avere mai fine, siamo costretti ad aggiungerne un'altro: Charles sarà prima guida se qualcuno avrà il buon cuore di spiegargli che i punti vengono assegnati alla domenica. Al netto dei sei week end in cui andrà in scena, al sabato, La Corazzata Potëmkin, al secolo Sprint Race

Aggiornamento dell'ultim'ora: un WhatsApp di Binotto inviato direttamente dal Sol Levante segnalerebbe alla GeS un certo Yuki Tsunoda. Dati i trascorsi del pilota tascabile di Sagamihara, che da infiltrato (ma non troppo) avrebbe tenuto corsi di harakiri agli uomini in rosso per tutto il 2022, peraltro con ottimi risultati, si vocifera che Vasseur abbia inserito il contatto del buon Mattia in lista nera.


La Restaurazione di Vasseur

Si dice che il transalpino discenda direttamente dai reazionari che soffocarono nel sangue le rivolte di chi, al grido di Libertè, Egalitè, Fraternitè, tentava di portare aria nuova nella rigidissima Francia di Luigi XIV. A suon di ghigliottina. E si dice che a Maranello abbiano scelto il suo curriculum per riportare in Ferrari una governance ispirata ai monarchici e gloriosi tempi di Alvaro Vitali, conosciuto al di là delle Alpi come Jean Todt

La rivoluzione giapponese in corso a Maranello sembra quindi destinata a svanire, in favore di un assetto probabilmente meno democratico ma, si spera, più efficiente. Informatori di cui per ovvi motivi dobbiamo mantenere l'anonimato ci dicono inoltre che Vasseur nasconda una ghigliottina portatile nel cofano della sua Giulietta nera, recentemente sequestrata dai Carabinieri di Campobello di Mazara nel corso di vicende giudiziarie minori. 

Metodi motivazionali poco comuni se vogliamo, ma probabilmente molto efficaci nel momento in cui Frédéric chiederà a piloti e strateghi il massimo della concentrazione: uno dei due driver dovrà perdere il vizio di combattere "a gratis" col suo team mate, accogliendo serenamente lo status di seconda guida, mentre a un personaggio di spicco del muretto pare sia stato chiesto di cambiare empujador (pusher). 

Sembra inoltre, ma quest'ultima è una notizia non confermata, che i militari abbiano rinvenuto un libretto di istruzioni del letale strumento in lingua spagnola. Dovesse rotolare qualche testa scommettiamo due franchi che quella di Leclerc non sarà nella lista del boia.

Leggi anche: Formula Irriverente - Attenti a quei due: Tsunoda-De Vries

Leggi anche: Formula Irriverente - Attenti a quei due: Hamilton-Russell

Leggi anche: Formula Irriverente - Attenti a quei due: Bottas-Zhou

Leggi anche: Formula Irriverente - Attenti a quei due: Albon-Sargeant

Leggi anche: Formula Irriverente - Attenti a quei due: Norris-Piastri


Tag
leclerc | sainz | ferrari | vasseur | binotto | tsunoda |


Commenti
-
Formula1.it

La brutale rubrica di formula1.it va a importunare i piloti フェラーリ. La scelta del nipponico ...

Lascia un commento

Per commentare gli articoli è necessario essere iscritti alla Community F1WM.

Inserisci i dati del tuo account dal link "Log In" in alto, se non sei ancora un utente della nostra Community, registrati gratuitamente qui.

Registrati



Community Formula1.it