8
155
182
McLaren Honda F1 Team

McLaren International Ltd
Unit 22, Woking Business Park, Albert Drive, Woking, Surrey, GU21 5JY
Tel: +44 (0)1483 728211 - Fax: +44 (0)1483 720157


Stagione 2017
Foto McLaren
Titolare: Eric Boullier
Direttore tecnico: Tim Goss
Primo Pilota: Alonso Fernando
Secondo Pilota: Vandoorne Stoffel
Collaudatore: -

Monoposto: MCL32
Motore: Honda
Gomme: Pirelli

Stagione 2017

La nuova McLaren MCL32 è stata presentata pochi minuti dopo la Ferrari, il 24 febbraio.

Link: Analisi tecnica McLaren MCL32

Storia

La McLaren Racing Limited è una scuderia automobilistica di Formula 1, con sede a Woking in Inghilterra. Fondata il 2 settembre 1963 dal pilota neozelandese Bruce McLaren (1937 - 1970), esordì nel 1966 ed è, insieme alla Williams, una delle più prestigiose scuderie britanniche della massima formula ancora in attività.

Il team è parte del McLaren Group, holding che comprende anche le società McLaren Automotive che produce le vetture stradali, McLaren Electronic Systems che realizza le componenti elettroniche, fornite anche ad altre case nel Campionato Mondiale Rally e tra le sue produzioni c'è anche la centralina MES con cui Mclaren ha vinto l'appalto per la fornitura obbligatoria per tutti i team di F1, c'è poi McLaren Applied Technologies che fornisce consulenze tecniche, McLaren Marketing, Absolute Taste. La proprietà del gruppo è così divisa: il 25% ciascuno appartiene a Ron Dennis e al suo socio storico Mansour Ojjeh, mentre il rimanente 50% è della società di investimenti Bahrain Mumtalakat Holding, presente dal 2007 nel capitale Mclaren.

La McLaren Racing è una delle più titolate scuderie della storia del campionato di Formula 1, con 8 titoli costruttori, e 12 titoli complessivi vinti dai suoi piloti Emerson Fittipaldi, James Hunt, Niki Lauda, Alain Prost, Ayrton Senna, Mika Häkkinen e Lewis Hamilton.

In passato, vetture McLaren hanno corso in altre categorie automobilistiche, dominando completamente il campionato CanAm, tra il 1967 e il 1972, con cinque campionati costruttori consecutivi, ottenendo tre vittorie alla 500 Miglia di Indianapolis negli anni settanta, e vincendo la 24 ore di Le Mans nel 1995.

La McLaren è pertanto ad oggi l'unica scuderia al mondo, oltre alla Mercedes, ad aver ottenuto almeno una vittoria in ciascuna delle tre più prestigiose competizioni automobilistiche (campionato di Formula 1, 500 Miglia di Indianapolis e 24 ore di Le Mans).

Al termine della stagione 2009 di Formula 1, la Mercedes-Benz ha annunciato l'acquisizione della maggioranza della scuderia Brawn GP, che diventa Mercedes GP a partire dal 2010; contestualmente, la Mercedes cederà gradualmente la propria quota in McLaren, che ricomprerà il 40% delle azioni attualmente in possesso al costruttore tedesco entro il 2011. Tuttavia, Mercedes continuerà a fornire i motori gratuitamente alla McLaren almeno fino al 2015, e la scuderia continuerà a chiamarsi "Vodafone McLaren Mercedes".

Il team è rimasto in lotta per il titolo costruttori fino al Gran Premio del Brasile 2010, dove la Red Bull Racing (grazie ad una doppietta) ha conquistato il suo primo titolo costruttori.

Per la stagione 2011 il team di Woking ha realizzato una nuova monoposto (MP4-26), sempre a motore Mercedes, presentata a Berlino il 4 febbraio 2011. I piloti rimangono Lewis Hamilton e Jenson Button, il ruolo di collaudatore e terzo pilota sarà ricoperto da Gary Paffett, al quale si aggiunge poi Pedro de la Rosa.

La stagione si rivela molto interessante per il team, che riesce ad essere competitivo in molte gare, non riuscendo però a vincere alcun titolo in palio.

Nel 2012 la scuderia schierò la nuova MP4/27 motorizzata Mercedes, confermando nuovamente Hamilton e Button. Quest'ultimo vinse la gara di apertura della stagione a Melbourne. Dopo un lieve appannamento delle prestazioni nella parte centrale di campionato, nella quale comunque Hamilton riuscì a vincere il Gran Premio del Canada, a partire dal Gran Premio d'Ungheria la vettura tornò molto competitiva, tanto che Hamilton e Button conquistarono quattro pole position consecutive.

Nella pausa tra il Gran Premio di Singapore ed il Gran Premio del Giappone la scuderia annunciò l'ingaggio di Sergio Pérez in sostituzione di Hamilton, che sarebbe passato alla Mercedes nella stagione successiva.

Nelle prime gare il team non riesce ad ottenere risultati di livello ottenendo come miglior risultato un 5º posto in Cina. Inoltre, dopo 64 gare, in Canada nessuna delle vetture arriva in zona punti (Sergio Perez 11° e Jenson Button 12°). Il resto della stagione è analogo alle prime gare, terminando il campionato costruttori al quinto posto con 122 punti, ottenendo come miglior piazzamento un quarto posto di Button nell'ultima gara in Brasile. La scuderia di Woking termina per la prima volta dopo 32 anni una stagione senza podi, inoltre la stagione 2013 è la peggior stagione degli ultimi 47 anni.

Per la stagione agonistica 2014 la coppia di piloti titoli sarà Jenson Button e Kevin Magnussen che sostituisce Sergio Pérez. Il 21 gennaio 2014 la McLaren ha da poco confermato che la Mp4-29, vettura destinata a prendere parte al mondiale di Formula Uno 2014, ha passato tutti i crash test previsti per poter partecipare al prossimo campionato. Nei giorni precedenti infatti la vettura non aveva superato i crash test e negli ultimi giorni, erano sorti dubbi sull’effettiva presenza della McLaren ai test di Jerez de la Frontera, fissati dal 28 al 31 gennaio.

Il ritorno della McLaren honda (2015)

Nel 2015 la McLaren passa ai motori Honda, rinnovando una collaborazione che aveva portato grandi successi tra fine anni 1980 e inizio anni 1990. Sul fronte dei piloti, Button viene confermato per la sesta stagione consecutiva; al suo fianco arriva il rientrante Fernando Alonso.

Nei test pre-stagionali la monoposto percorre pochi km e palesa diversi problemi tecnici e di affidabilità. Nel corso delle prove sul Circuit de Catalunya, Alonso è vittima di un incidente dalle cause e dagli esiti non chiariti, che lo costringe a saltare la gara d'esordio in Australia: al suo posto viene richiamato Kevin Magnussen. Si rivela sin dall'inizio una stagione complicata per la McLaren-Honda. All'Albert Park di Merlbourne le vetture di Woking si qualificano nelle ultime due posizioni. In gara Magnussen è vittima di un guasto meccanico già durante il giro di formazione, mentre Button chiude 11º (su 11 piloti arrivati al traguardo), a due giri dal vincitore Lewis Hamilton, con tempi sul giro attorno a 1'37" (contro la media di 1'32" tenuta dalle Mercedes). Nel GP successivo in Malesia, Alonso e Button sono costretti al ritiro per problemi tecnici. Non va meglio in Cina: Alonso è dodicesimo, Button è costretto al ritiro. In Bahrain e Spagna i due piloti non riescono a marcare punti cosa che avviene inaspettatamente nel Gran Premio di Monaco dove Jenson Button ottiene l'ottavo posto. Per Fernando Alonso invece arriva l'ennesimo ritiro avvenuto al 41º giro per problemi al motore. Nel Gran Premio di Canada i due piloti patiscono l'ennesimo ritiro mentre in Gran Bretagna Button si ritira per una collisione con Grosjean mentre Alonso ottiene il decimo posto. Nel Gran Premio d'Ungheria, che diventa la 350º gara per la Honda come fornitrice di motori, arriva il miglior risultato della stagione ottenuto finora, proprio prima della pausa estiva: Alonso ottiene un 5º posto, mentre Button chiude 9º. È inoltre la prima volta per la McLaren-Honda, che entrambi i piloti riescono ad entrare in zona punti.Tuttavia dal Belgio in poi ci saranno solo risultati deludenti e fuori dalla zona punti,con migliore risultato l'undicesimo posto di Alonso a Suzuka,dove l'asturiano via radio si lamentò dicendo di avere un motore da GP2.Button torna a punti negli Stati Uniti,sesto.La stagione si conclude con appena 27 punti,penultimo posto nei Costruttori

(fonte Wikipedia)

Debutto:

Gran Premio di Monaco del 1966


Prima vittoria:

Gran Premio del Belgio 1968 (Bruce McLaren)


Registrati



Community Formula1.it