Formula1.it News http://www.formula1.it Formula1.it - News / - Articoli, Speciali, Approfondimenti, Statistiche, Tecnica, Video it-it Fri, 26 Nov 2021 19:50:50 +0000 Tue, 10 Apr 2012 00:00:00 +0000 http://blogs.law.harvard.edu/tech/rss Vida Feed 2.0 redazione@formula1.it (Redazione) dmuscarella@formula1.it (Ing.Daniele Muscarella) Aggiornamenti sportivi Formula 1 http://www.formula1.it/image/f1logosmall.png Formula1.it News http://www.formula1.it In Brasile cambiate le regole in corsa. Per Sainz ed altri piloti serve chiarezza https://www.formula1.it/news/7744/1/in-brasile-cambiate-le-regole-in-corsa-per-sainz-ed-altri-piloti-serve-chiarezza I piloti hanno incontrato i funzionari della FIA, tra cui il direttore di gara Michael Masi, prima del Gran Premio del Qatar per discutere le regole di gara dopo la controversa difesa di Max Verstappen contro Lewis Hamilton in Brasile.

Il pilota della Red Bull è andato fuori pista per difendere il suo vantaggio su Hamilton alla curva 4 del circuito di Interlagos, un evento per il quale la Mercedes ha anche chiesto il diritto di revisione dopo che Verstappen non è stato indagato dai commissari durante il Gran Premio.

Hamilton dopo l'incontro con Masi ha detto che le regole di gara sono rimaste poco chiare, anche se Masi ha dichiarato in Qatar che le regole erano state "rese chiare" ai piloti, ammettendo però che alcuni non erano d'accordo.

Il pilota della Ferrari Sainz si è unito al gruppo di piloti che credono che le regole siano ancora un po' confuse, ma ritiene che ci saranno ulteriori discussioni dopo la stagione per rendere le cose migliori.

"In termini di approccio alle corse non è ancora molto chiaro. Penso che ci abbiate già sentito parlare di questo perché non sappiamo esattamente cosa succederà gara per gara. Ma come ho detto ai media, sembra che in inverno ci sarà una conversazione più profonda sul modo in cui correremo che, si spera, dovrebbe chiarire un po' di più le cose".

Il pilota della McLaren Lando Norris ha invece detto che mentre alcuni aspetti delle regole di gara sono stati chiariti, altri rimangono ancora vaghi.

"Penso che alcune cose siano un po' più chiare, altre no. Penso che ciò che è chiaro è che... non ogni incidente sarà unico, anche se sembra identico quindi è difficile sapere quali sono le diverse circostanze. Ma penso che la maggior parte delle cose siano state chiarite. Ma è difficile mettere un punto definitivo e dire che questo è ciò che si può o non si può fare".

Alla domanda se cambierà il suo approccio nelle battaglie in pista dopo l'incontro, Norris ha detto: "Voglio dire, no. Un po'. Ci sono un paio di cose che forse aggiusteresti. Non penso che cambieresti il modo o noi cambieremmo il modo in cui corriamo o qualsiasi altra cosa, ma sì, forse regoleresti solo un paio di cose che potresti eventualmente fare ora, o non fare. Non credo che cambieresti molto".

Fernando Alonso della Alpine, uno dei piloti che è stato critico sull'incoerenza dei commissari quest'anno, ha detto che la F1 ha bisogno che le regole siano "bianche e nere".

"Penso che siamo tutti d'accordo su questo, abbiamo bisogno di più coerenza, abbiamo bisogno di regole in bianco e nero, perché quando sono grigie, a volte senti che stai avendo un vantaggio, e a volte sei stato di nuovo il cattivo o l'idiota in pista. È meglio quando è in bianco e nero. Vediamo se possiamo migliorare complessivamente. Penso che non sia solo un problema della FIA, sono piloti, squadre, FIA, tutti dobbiamo lavorare insieme per avere regole migliori".

Articolo originale su autosport.com

]]>
Fri, 26 Nov 2021 19:50:50 +0000 https://www.formula1.it/news/7744/1/in-brasile-cambiate-le-regole-in-corsa-per-sainz-ed-altri-piloti-serve-chiarezza http://www.formula1.it/admin/foto/in-brasile-cambiate-le-regole-in-corsa-per-sainz-ed-altri-piloti-serve-chiarezza-7744-1.jpg
GP Arabia Saudita, la Safety Car si rifà il look per Jeddah? https://www.formula1.it/news/7742/1/gp-arabia-saudita-la-safety-car-si-rifa-il-look-per-jeddah La prossima settimana andrà in scena il Gran Premio dell'Arabia Saudita, penultimo appuntamento del Mondiale di Formula 1. C'è grande attesa per assistere ad un altro capitolo della lotta Mercedes-Red Bull, con Hamilton e Verstappen protagonsiti assoluti della vicenda. In questi giorni di attesa, intanto è arrivata un'indiscrezioni riguardante la Safety Car che sfilerà tra le strade di Jeddah. Ecco quanto postato dal fotografo e giornalista Kym Illman:

“Al Gran Premio dell’Arabia Saudita aspettatevi la Safety Car Aston Martin avvolta nella bandiera dell’Arabia Saudita. La bandiera – verde con scritte bianche – si abbinerà bene al normale colore verde dell’Aston Martin. La vettura tornerà poi alla sua normale livrea per il finale di stagione ad Abu Dhabi”.

Il post

]]>
Fri, 26 Nov 2021 14:55:08 +0000 https://www.formula1.it/news/7742/1/gp-arabia-saudita-la-safety-car-si-rifa-il-look-per-jeddah http://www.formula1.it/admin/foto/gp-arabia-saudita-la-safety-car-si-rifa-il-look-per-jeddah-7742-1.jpg
Alonso: F1 mondo a volte falso. Raikkonen? Vi racconto il vero Kimi https://www.formula1.it/news/7741/1/alonso-f1-mondo-a-volte-falso-raikkonen-vi-racconto-il-vero-kimi Con il terzo posto ottenuto in Qatar, sul circuito di Losail, Fernando Alonso è tornato sul podio 2674 giorni dopo l'ultima volta,diventando così il primo pilota nella storia con due podi distanziati da più di cento gare. Lo spagnolo è ormai un pezzo di Formula 1! E da tale, intervenuto al podcast "Beyond the grid", ha raccontato il suo rapporto con un'altra leggenda del circus, Kimi Raikkonen, soffermandosi anche sulla falsità dell'ambiente della massima categoria motoristica. Di seguito le dchiarazioni.

Alonso, Raikkonen e la Formula 1

Le parole di Fernando Alonso sul rapporto con Raikkonen

"Ci siamo incontrati alcune volte negli aeroporti, fuori dal paddock, nei ristoranti e anche alle feste. È uno dei piloti che non vedi l’ora di vedere, soprattutto dopo le gare. È qualcuno con cui puoi parlare di diversi argomenti, va dritto al sodo. Quando esordisci in F1, non hai un’idea chiara di quello che ti riserva il futuro. Kimi e io abbiamo vissuto stagioni esaltanti in Formula 1, siamo stati entrambi campioni del mondo, un risultato di cui non si può mai essere sicuri nel momento in cui si approda in questa categoria. Sono molto felice di aver condiviso così tanti anni con lui. È un grande personaggio per la Formula 1 e ci mancherà l’anno prossimo. È onesto e trasparente, indossa la maschera della persona fredda e taciturna, ma fuori dai circuiti è decisamente ‘caliente’. Solo in quelle occasioni si conosce il vero Kimi".

La chiosa finale sul mondo della Formula 1

"Viviamo in una bolla, non abbiamo una vita normale. Viaggiamo su aerei con tutti i comfort, alloggiamo in hotel a cinque stelle, ma la domenica sera siamo persone normali. Io e Kimi condividiamo diverse idee sulla F1 e tendiamo a ridere di quanto a volte questo mondo diventi falso".

]]>
Fri, 26 Nov 2021 14:07:55 +0000 https://www.formula1.it/news/7741/1/alonso-f1-mondo-a-volte-falso-raikkonen-vi-racconto-il-vero-kimi http://www.formula1.it/admin/foto/alonso-f1-mondo-a-volte-falso-raikkonen-vi-racconto-il-vero-kimi-7741-1.jpg
Perez contraddice la Red Bull: Gasly merita un'altra possibilità in un grande team https://www.formula1.it/news/7740/1/perez-contraddice-la-red-bull-gasly-merita-un-altra-possibilita-in-un-grande-team Il messicano Sergio Perez della Red Bull ha affermato a Canal + che il pilota francese Pierre Gasly merita un'altra possibilità in un grande team dopo le prestazioni di alto livello ottenute dall'attuale pilota AlphaTauri.

Perez su Gasly

"Dopo alcune gare, i miei capi sono venuti da me per dirmi che erano contenti di me e che volevano che continuassimo. Per quanto riguarda Pierre, si esibisce ad alto livello e merita di avere un'altra possibilità in una grande squadra", ha affermato Sergio Perez che In un certo senso ha contraddetto la sua stessa scuderia che retrocesse il francese nell'allora Toro Rosso per far posto a Max Verstappen.Prima del Gran Premio dell'Arabia Saudita (penultimo round della stagione 2021 che si svolgerà dal 3 al 5 dicembre), Sergio Perez occupa il quarto posto nel Campionato Mondiale Piloti con 190 punti realizzati dall'inizio dell'anno.

Il pensiero del francese

Qualche settimana fa, Pierre Gasly ha espresso il suo stupore al microfono di Canal+ quando la Red Bull ha annunciato il rinnovo del contratto di Sergio Perez per la stagione 2022, mentre il messicano ha avuto un inizio di stagione piuttosto complicato quando è arrivato a Milton Keynes nel 2021.Pierre Gasly - che ha corso per la Red Bull gran parte della stagione 2019 prima di essere "retrocesso" in Toro Rosso in vista del GP del Belgio a causa dei suoi risultati - non ha mancato di sottolineare che le prestazioni di Perez per il suo primo anno in Red Bull erano ben al di sotto il ritmo del compagno di squadra Max Verstappen: “La Red Bull preferisce continuare con Sergio, ma è vero che quando vedi le prestazioni a Zandvoort quando viene eliminato in Q1 ed è ottavo con un giro dietro al compagno di squadra, ci sono alcune cose che non capiamo bene". Gasly ha detto nel settembre di quest'anno ai microfoni di Canal +.

]]>
Fri, 26 Nov 2021 12:56:25 +0000 https://www.formula1.it/news/7740/1/perez-contraddice-la-red-bull-gasly-merita-un-altra-possibilita-in-un-grande-team http://www.formula1.it/admin/foto/perez-contraddice-la-red-bull-gasly-merita-un-altra-possibilita-in-un-grande-team-7740-1.jpg
Binotto: Leclerc prima guida. Lui come Schumi, Alonso e Villeneuve. E Sainz si accoda agli elogi https://www.formula1.it/news/7739/1/binotto-leclerc-prima-guida-lui-come-schumi-alonso-e-villeneuve-e-sainz-si-accoda-agli-elogi Ci sono grandissime aspettative in casa Ferrari per il 2022. Dopo un orrendo 2020 e un 2021 di transizione, infatti, nella prossima stagione, la scuderia di Maranello sembrerebbe avere tutte le carte in regola per lottare per il titolo mondiale. Sono diversi i fattori che lasciano ben sperarare, come qualche giorno fa abbiamo scritto nella nostra analisi. E come Mattia Binotto, team principal, della Rossa ha lasciato intendere in un'intervista rilascata recentemnte. Oggi, proprio l'ingenere di Losanna ha invece parlato di Charles Leclerc, eleggendolo come caposquadra in caso di lotta per il primo posto costruttori nel 2022. Di seguito le sue parole rilasciate a GP Racing.

Binotto su Leclerc: "Sarà il prossimo campione del mondo"

"Abbiamo investito su di lui a lungo termine perché siamo pienamente convinti che sarà l’uomo che diventerà il prossimo campione del mondo. Se e quando la Ferrari produrrà una macchina capace di battagliare per il titolo, sarà Leclerc a guidare questa campagna. Per prima cosa lo conosciamo sin dall’inizio della sua carriera, parliamo di un pilota molto talentuoso e questa è la priorità. È molto veloce e non solo sul giro singolo. Quando è in gara, la sua capacità di difendersi e attaccare senza perdere il ritmo è qualcosa di eccezionale. Ho sempre in mente Monza 2019 e la sua difesa su Hamilton, o quella contro Max a Silverstone. Charles è molto bravo a gestire la pressione, è capace di vincere grazie alla sua mentalità vincente richiesta quando si è in testa, gestendo la situazione. Ha un talento fantastico. Il modo in cui gestisce le gomme adesso è incredibilmente diverso rispetto a quando ha iniziato. Ha sviluppato in maniera significativa la sua sensibilità in macchina e sulle gomme. Questo distingue i talentuosi dai buoni piloti. Se hai talento sei capace di tirar fuori tutto dalla macchina, mettendo insieme un giro fantastico. Questo era il caso di Michael e Fernando. Se pensiamo ai tifosi, certamente Charles riflette lo spirito di Gilles Villeneuve. E questo sarà ancor più vero quando inizierà a vincere i campionati. Leclerc è stato con noi sin dall’inizio e per la Ferrari è stato grandioso scoprire un talento del genere".

Non solo Binotto, anche Carlos Sainz ha parlato ai microfoni del media britannico. Il pilota spagnolo ex McLaren a sua volta ha voluto elogiare il monegasco, soffermandosi sulla sua abilità nella sessione di qualifiche.

 Le parole di Sainz

"Penso che Charles sia il migliore in qualifica. È uno dei più grandi, se non il più grande presente oggi in F1. Me ne sto rendendo conto solo ora, dato che lo vedo esprimersi ad altissimi livelli. Non parlo solo della velocità, ma anche del fatto che possiede un’etica del lavoro molto buona. È bravo a collaborare con la squadra e, ad essere onesto, ha un sacco di punti di forza che lo rendono un pilota così forte. È una sfida che mi piace. E so che, probabilmente, non c’è nessuno più talentuoso di Charles nel giro secco con una Ferrari".

]]>
Fri, 26 Nov 2021 12:52:30 +0000 https://www.formula1.it/news/7739/1/binotto-leclerc-prima-guida-lui-come-schumi-alonso-e-villeneuve-e-sainz-si-accoda-agli-elogi http://www.formula1.it/admin/foto/binotto-leclerc-prima-guida-lui-come-schumi-alonso-e-villeneuve-sainz-si-accoda-agli-elogi-7739-12.jpg
UFFICIALE - GP Spagna F1, rinnovato l'accordo con il Circuito di Barcellona fino al 2026 https://www.formula1.it/news/7738/1/ufficiale-gp-spagna-f1-rinnovato-l-accordo-con-il-circuito-di-barcellona-fino-al-2026 Ora è ufficiale. come preannuciato nei giorni scorsi, il Circuit de Barcelona-Catalunya ha firmato accordi con Formula 1, che garantiscono la continuità del Gran Premio di Spagna sul tracciato catalano fino al 2026. Il nuovo contratto prevede lo svolgimento del Gran Premio di Spagna all'interno del calendario FIA Formula 1 per un periodo di 5 anni. Inoltre, con questo accordo, il Circuito rafforza la sua solidità internazionale e la posizione di punto di riferimento sportivo.

Ufficiale l'accordo per il GP di Spagna in Catalogna fino al 2026

Roger Torrent, ministro catalano degli affari e del lavoro e presidente del Circuit de Barcelona-Catalunya, ha dichiarato: “Accogliamo con favore il rinnovo di questo contratto, che include una clausola di impegno reciproco per aiutarci a trasformare il Circuit de Barcelona-Catalunya in un modello e punto di riferimento mondiale di sostenibilità applicato a questo tipo di strutture. Vogliamo che il circuito diventi un esponente della trasformazione verde e dell'adeguamento delle infrastrutture alle esigenze dell'emergenza climatica” .

Stefano Domenicali, Presidente e CEO della Formula 1: “Siamo lieti di annunciare questo accordo con Circuito di Catalogna. Voglio ringraziare il promotore e le autorità per il loro entusiasmo e impegno nel mantenere la Formula 1 a Barcellona, ​​con miglioramenti che verranno apportati alla pista e alle strutture, e per continuare la nostra lunga storia insieme. La squadra ei piloti non vedono l'ora di correre sul circuito e visitare Barcellona, ​​ei tifosi spagnoli continueranno a vedere da vicino i loro eroi nazionali, Fernando Alonso e Carlos Sainz”.

Siamo contenti per la conferma di uno dei circuiti storici della Formula 1, ormai sempre più zeppa di moderne piste extraeuropee. 

]]>
Fri, 26 Nov 2021 10:46:03 +0000 https://www.formula1.it/news/7738/1/ufficiale-gp-spagna-f1-rinnovato-l-accordo-con-il-circuito-di-barcellona-fino-al-2026 http://www.formula1.it/admin/foto/ufficiale-gp-spagna-f1-rinnovato-l-accordo-con-il-circuito-di-barcellona-fino-al-2026-7738-1.jpg
Haas, test per Shwartzman ad Abu Dhabi. Mick e Mazepin insidiati? https://www.formula1.it/news/7736/1/haas-test-per-shwartzman-ad-abu-dhabi-mick-e-mazepin-insidiati È di oggi la notizia che Robert Shwartzman, pilota russo classe '99 della Ferrari Academy, debutterà in F1 a bordo della Haas nei test di fine stagione ad Abu Dhabi. Questo l'annuncio della scuderia americana:

"Robert Shwartzman, membro della Ferrari Driver Academy, salirà al volante dell'Uralkali Haas F1 Team VF-21 a fine stagione Test per giovani piloti di Formula 1 al circuito di Yas Marina, Abu Dhabi".

Sul circuito di Yas Marina, appunto, l'attuale guida della Prema in Formula 2 (è al secondo posto in classifica generale dietro Piastri), coglierà l'occasione per accumulare un po' di esperienza con la classe regina delle quattroruote, palcoscenico che un giorno sembrerebbe proprio destinato a calcare. Queste le parole del ragazzo per esprimere la sua soddisfazione:

"Per prima cosa ci tengo a ringraziare la Haas, la Ferrari e la Ferrari Driver Academy per avermi concesso questa opportunità. Sarà il mio primo test con la Haas F1 e sono contento di poter conoscere un nuovo ambiente, una squadra e di imparare da loro. Guidare per un team di F1 è semplicemente incredibile e non vedo l'ora arrivi il momento dei test per lavorare con tutti".

La posizione di Mick Schumacher e Mazepin a rischio?

Al momento, probabilmente, no. I due rookie sono appena stati riconfermati per la stagione 2022 e godono di un'ampia protezione. Oltre ad essere discreti piloti, infatti, uno è il figlio di Michael, sette volte campione del mondo, l'altro è figlio di Dmitry, magnate russo che praticamente provvede al sostentamento del team. Non si prevedono, dunque, ribaltoni a breve periodo. Tra l'altro è anche normale che a fine anno vengano effettuati test facendo esordire giovani profili interessanti. 

Tuttavia, l'affacciarsi in casa Haas di Robert Shwartzman potrebbe aprire scenari preoccupanti per Nikita Mazpein e Mick Schmacher che, al netto di una vettura abbastanza "imbarazzatante", di certo non hanno stupito nella loro prima stagione in Formula 1. Se dovessero ancora stentare a decollare...

]]>
Thu, 25 Nov 2021 17:19:48 +0000 https://www.formula1.it/news/7736/1/haas-test-per-shwartzman-ad-abu-dhabi-mick-e-mazepin-insidiati http://www.formula1.it/admin/foto/haas-test-per-shwartzman-ad-abu-dhabi-mick-e-mazepin-insidiati-7736-1.jpg
Barcellona, chiuso l'accordo fino al 2026: vicino il ritorno dei test invernali nel 2022 https://www.formula1.it/news/7737/1/barcellona-chiuso-l-accordo-fino-al-2026-vicino-il-ritorno-dei-test-invernali-nel-2022 Molto si è detto negli ultimi anni sulle difficoltà che il Circuit de Barcelona-Catalunya potrebbe avere nel rinnovare i suoi contratti con le categorie regine del motorsport e del motociclismo, F1 e MotoGP. Sebbene sia per il 2020 che per il 2021 hanno dovuto prolungare la loro relazione con il Circus per un solo anno, hanno insistito sul fatto che era solo una misura provvisoria da prendere mentre si continuava a sviluppare un piano per mantenere la il Gran Premio di Spagna di F1 al Montmeló a lungo termine, con un rinnovo dell'accordo con Liberty Media fino al 2026.

Il circuito di Barcellona può tornare ad ospitare i test invernali nel 2022

"Tutto ciò è stato confermato con l'autorizzazione del governo della Generalitat de Catalunya affinché il circuito possa rinnovare i contratti di promozione di F1 per gli anni dal 2022 al 2026, con l'obiettivo di avviare un periodo di transizione verso un modello più sostenibile legato al territorio. Un altro Circuit de Catalunya è possibile". Lo ha rivelato la portavoce dell'esecutivo catalano, Patrícia Plaja. Ma non è tutto. Il Montmelò è molto vicino a tornare ad ospitare i test invernali nel febbraio 2022 dopo non averli ospitati l'anno scorso, lo annuncia il direttore generale, Josep Lluís Santamaría. "In linea di massima li avremo qui per tre giorni a febbraio, ci serve solo la spinta finale per arrivare ad un accordo economicoDopo aver ospitato il precampionato ininterrottamente ed esclusivamente dal 2015, il Circuito non ha ospitato i test lo scorso anno per motivi logistici, quando l'inizio del Mondiale si è spostato dall'Australia al BahrainPer ridurre i costi e sfruttare le migliori condizioni meteorologiche, le squadre hanno deciso di girare nel paese mediorientale dal 12 al 14 marzo, invece che dal 2 al 4 marzo al Montmeló. Il rinnovo di questi contratti è legato a un ripensamento dell'infrastruttura, adattandola ai "nuovi valori e principi della mobilità per il ventunesimo secolo".

]]>
Thu, 25 Nov 2021 17:06:54 +0000 https://www.formula1.it/news/7737/1/barcellona-chiuso-l-accordo-fino-al-2026-vicino-il-ritorno-dei-test-invernali-nel-2022 http://www.formula1.it/admin/foto/barcellona-chiuso-l-accordo-fino-al-2026-vicino-il-ritorno-dei-test-invernali-nel-2022-7737-1.jpg
Ocon snobba Hamilton: Alonso leggenda della Formula 1 come Senna e Schumacher https://www.formula1.it/news/7735/1/ocon-snobba-hamilton-alonso-leggenda-della-formula-1-come-senna-e-schumacher Esteban Ocon è uno dei quattro piloti diversi da Verstappen ed Hamilton ad aver vinto un Gran Premio in questa stagione. Il francese dell'Alpine ha vinto la sua prima gara in Formula 1 trionfando in Ungheria davanti all'inglese della Mercedes anche grazie al lavoro di squadra del compagno Fernando Alonso che è riuscito a rallentare la rimonta del britannico. Ocon ha provato a ricambiare il favore allo spagnolo nell'ultimo Gran Premio, riuscendo a farlo salire sul podio dopo sette anni, rallentando la Red Bull di Perez. Il francese ha descritto il buon momento in casa Alpine, rivitalizzata dopo l'arrivo del due volte campione del mondo.

Ocon sul momento dell'Alpine e di Alonso

Siamo molto migliorati dall’inizio dell’anno. Vedo una squadra trasformata, unita e nella quale sono coinvolti anche Laurent Rossi e Luca de Meo, che sono competitivi quanto noi e ci sono di supporto. Le sensazioni positive, stiamo spingendo tutti - spiega il francese - nella stessa direzione e questo crea sicuramente un ambiente perfetto in cui lavorare. Come dice Fernando, la squadra deve crescere per puntare a podi e vittorie più spesso in futuro. Vedo lavorare Fernando e conosco quanta motivazione ha alla sua età, è davvero impressionante. Penso che sia una leggenda della Formula 1, come Senna e Schumacher e rimarrà sempre lì, perché sa pensare fuori dagli schemi. Sono contento di essere il suo compagno di squadra e orgoglioso di lavorare insieme per il nostro obiettivo comune”.

Esteban Ocon non cita il sette volte campione del mondo Lewis Hamilton. Semplice dimenticanza o omissione voluta? E voi cosa pensate?

]]>
Thu, 25 Nov 2021 16:26:46 +0000 https://www.formula1.it/news/7735/1/ocon-snobba-hamilton-alonso-leggenda-della-formula-1-come-senna-e-schumacher http://www.formula1.it/admin/foto/ocon-alonso-leggenda-della-formula-1-come-senna-e-schumacher-7735-1.jpg
Binotto rivela: Mai pensato a sviluppare la vettura di quest'anno. Tutti i nostri sforzi per il 2022 https://www.formula1.it/news/7734/1/binotto-rivela-mai-pensato-a-sviluppare-la-vettura-di-quest-anno-tutti-i-nostri-sforzi-per-il-2022 Dopo un 2020 nettamente deludente, il 2021 è stato un anno di transizione per la Ferrari. A due gare dal termine del campionato, la Rossa è al terzo posto della classifica costruttori con 39.5 punti di vantaggio sulla McLaren. L'obiettivo stagionale è stato, dunque, quasi centrato. Ma la soddisfazione non può essere troppa a Maranello, considerato soprattutto la storia leggendaria del Cavallino. Lo sanno bene i tifosi, che attendono ormai sconsolati un titolo iridato, e lo sa bene anche Mattia Binotto, che sta lavorando sodo per far tornare il team ai fasti di un tempo. Ed è stato proprio il team principal a far intendere che il 2022 potrebbe essere l'anno buono, svelando un retroscena riguardante lo sviluppo dell'auto. Di seguito le sue parole rilasciate ai microfoni di Motorsport-Total.com.

La confessione di Binotto (che fa ben sperare per il 2022)

Binotto ha rivelato che nel corso del 2021 è stato fatto poco o nulla per quanto riguarda gli sviluppi alle monoposto di Leclerc e Sainz. Il motivo? Tutti gli sforzi si sono concentrati sulle vetture del 2022. Ecco le sue parole:

"Non abbiamo mai sviluppato veramente la vettura di quest’anno. Sono stati introdotti alcuni sviluppi a inizio anno e stop. Tutti i nostri sforzi sono stati concentrati sulla monoposto del 2022 fin dall’inizio. Non abbiamo mai fatto compromessi da questo punto di vista. Quindi non c’è mai passato per la testa di penalizzare la prossima stagione in favore di questa, nemmeno per la conquista del terzo posto del 2021".

La considerazione

Come abbiamo anche scritto recentemete, il 2022 sarà un anno storico, di rivoluzione, per la Formula 1. Il fatto che la Ferrari abbia deciso di concentrare tutte le proprie energie verso la "nuova era" non può che far ben sperare. Soprattutto se poi l'obiettivo del 2021, il terzo posto, è praticamente lì, ad un passo, in attesa di essere agguantato.

Qui gli spunti per essere ottimisti in vista del 2022.

]]>
Thu, 25 Nov 2021 12:04:54 +0000 https://www.formula1.it/news/7734/1/binotto-rivela-mai-pensato-a-sviluppare-la-vettura-di-quest-anno-tutti-i-nostri-sforzi-per-il-2022 http://www.formula1.it/admin/foto/binotto-rivela-7734-1.jpg
Lauda punge Wolff ed Horner: Sono infantili. Più maturi Max e Lewis https://www.formula1.it/news/7733/1/lauda-punge-wolff-ed-horner-sono-infantili-piu-maturi-max-e-lewis Quando siamo a due gare dal termine della stagione 2021, il Mondiale di Formula 1 è ancora apertissimo sia per quanto riguarda il titolo piloti sia per quanto riguarda quello costruttori. Protagoniste della lotta la Mercedes e la Red Bull con le rispettive punte di diamante, Lewis Hamilton e Max Verstappen. Attualmente, sono cinque le lunghezze di vantaggio del team anglo-tedesco su quello austriaco, mentre il sette volte campione del mondo britannico insegue l'enfant terrible olandese staccato di otto punti. A Jeddah e Abu Dhabi si preannunciano due GP infuocati, come del resto è stato nell'arco di tutta la stagione, contrassegnata da grandi duelli tra i due piloti, ma anche da screzi, scaramucce e dispetti tra le due scuderie.

A dire la sua riguardo la vicenda è Mathias Lauda, figlio del leggendario Niki, che ha bacchettato i team principal, Toto Wolff e Christian Horner, per i tanti "scontri" avuti tra di loro nel corso dell'anno. Di seguito un estratto delle dichiarazioni rilasciate a Servus TV:

Le parole di Mathias Lauda

Così il quarantenne pilota figlio d'arte ha voluto brevemente commentare il clima di tensione tra Toto Wolff e Christian Horner:

"Penso che i piloti siano più maturi dei loro team principal. Max e Lewis non hanno mai avuto problemi seri nel corso della stagione, nemmeno dopo l’incidente di Silverstone. A differenza di loro, Horner e Wolff si stanno dimostrando infantili".

 

]]>
Thu, 25 Nov 2021 11:09:35 +0000 https://www.formula1.it/news/7733/1/lauda-punge-wolff-ed-horner-sono-infantili-piu-maturi-max-e-lewis http://www.formula1.it/admin/foto/lauda-7733-1.jpg
Piastri: Avrei meritato una chance in F1. Ma non è colpa di Zhou https://www.formula1.it/news/7732/1/piastri-avrei-meritato-una-chance-in-f1-ma-non-e-colpa-di-zhou Oscat Piastri è sicuramente uno dei prospetti più interessanti del mondo delle corse. Attualmente in testa al campionato di Formula 2, ha già la certezza che nella stagione 2022 sarà il pilota di riserva dell'Alpine. Un traguardo importante per un ragazzo appena ventenne, che però è rimasto con l'amaro in bocca per il mancato approdo come "titolare" all'Alfa Rome Racing. Il team di Hinwill, come è noto, gli ha preferito il cinese Zhou, anch'egli oggi impegnato in 'cadetteria'. 

L'australiano è intervenuto ai microfoni di Motorsport per parlare di questa vicenda e tanto altro ancora. Di seguito le sue parole.

Le parole di Oscar Piastri

Sul mancato approdo da 'titolare' in F1

"L’ufficialità mi è stata comunicata una o due settimane fa, ma già a Silverstone sapevo tutto. Ero consapevole già prima della pausa estiva che le mie possibilità di diventare un pilota ufficiale in F1 erano poche".

Sull'accanimento mediatico nei confronti di Zhou

"Ho cercato di far comprendere come la promozione di Zhou in F1 non fosse una sua colpa. Sono consapevole del supporto economico che può garantire, ma non è una sua colpa se qualcuno ha deciso di sostenerlo. Inoltre può aprire un nuovo mercato alla Formula 1. Certo, si può discutere del fatto che sia alla terza stagione in Formula 2, ma sta ottenendo dei risultati. Ha conquistato delle vittorie, è secondo in classifica e non sta faticando nell’ottenere i punti per la superlicenza. Ovviamente io sono consapevole che avrei meritato una possibilità in F1, ma non credo che mi abbia soffiato il posto come hanno affermato in molti”.

Sulla futura esperienza da pilota di riserva dell'Alpina

"Sarò al volante dell’auto di quest’anno grazie al cambio di regolamenti. Certo, la monoposto del 2022 sarà totalmente differente, ma non sarà così tanto diversa in termini di velocità e tempi sul giro. I test saranno utili per prendere confidenza con il lavoro richiesto dagli ingegneri, con tutte le procedure e le regolazioni da effettuare tramite i manettini presenti sul volante. La cosa importante sarà essere coinvolto in un team di Formula 1. Ad ogni modo credo sia positivo far parte di un programma simile piuttosto che correre in un’altra categoria che mi avrebbe allontanato dalla F1”.

Sulla sua situazione nel mondiale 2021 di Formula 2

“Io sono un ragazzo molto calmo, e credo che questo aiuti molto in situazioni stressanti come quelle vissute a fine stagione. Quest’anno arrivo agli appuntamenti conclusivi del campionato con un margine in classifica più importante rispetto a quanto visto in passato. Nel 2019 avevo 13,5 punti di vantaggio all’ultima gara, mentre nel 2020 soltanto 7. Non credo che con il format attuale ci sarà la possibilità di chiudere i giochi già a Jeddah, ma spero che l’ultimo appuntamento sia meno stressante rispetto a quanto accaduto negli ultimi due anni. Ad ogni modo non penso che avrò molta pressione addosso. So già cosa farò il prossimo anno ed ho già dimostrato quello che sono in grado di fare in macchina. Lo scorso anno è stato un po' strano non riuscire ad esprimermi al meglio in qualifica dato che in Eurocup avevo ottenuto 6 o 7 pole durante la stagione ed era uno dei miei punti di forza. Quest’anno ho una maggiore comprensione della vettura. Credo che abbia aiutato aver avuto a disposizione 6 giorni di test invece di 3, e soprattutto nei test di Barcellona ci siamo concentrati sul migliorare le performance in qualifica. Sono state delle prove preziose per capire come riuscire ad estrarre tutto il potenziale. Come pilota voglio soltanto vincere. Anche se dovessi portare a casa il titolo in F2 non credo che questa vittoria dimostrerebbe ulteriormente le mie qualità".

Sulla poca considerazione ricevuta dopo le vittoria in Eurocup e Formula 3

“Credo di aver notato questa cosa lo scorso anno, ma penso che sia stata dovuta al fatto che correndo con Prema tutti si aspettavano soltanto la vittoria. Forse sono stato un po' “invisibile”, ma quest’anno la situazione è cambiata, specie a partire da Silverstone. La stampa ha parlato molto di me ed anche i fan mi hanno notato".

Sui sacrifici che comporta il mestiere di pilota

“Per un ragazzo come me, nato in Australia, l’unica possibilità di poter arrivare in Formula 1 è quella di trasferirsi in Europa. Ormai vivo qua da circa 5 anni e mi sono abituato a questa nuova realtà. I primi anni però sono stati difficili e tornavo spesso in Australia, circa 4 o 5 volte l’anno. Adesso non torno a casa dalla mia famiglia da gennaio. Devo dire, però, che anche se non avessi fatto il pilota avrei scelto di andare lontano da casaNon credo che la stampa ci metta pressione da questo punto di vista, ma forse vengono sottovalutati i sacrifici che siamo costretti a fare per inseguire questo sogno".

Sul tracciato di Jeddah

"Sarà un tracciato molto difficile e incredibilmente veloce. Non è paragonabile a nulla di quanto visto in precedenza. Ci sono alcune parti del tracciato che ricordano Silverstone. Inoltre l’aderenza dell’asfalto sarà bassa, ci sarà molto caldo e dovremo gestire le mescole Pirelli più morbide. Sarà una bella sfida".

Sui suoi sogni

"Credo che lottare con Hamilton sarebbe bello. È un pilota con moltissima esperienza in Formula 1 e sa come vincere un titolo. Battere Lewis sarebbe qualcosa di speciale e credo che la stessa cosa la pensi anche Max quest’anno".

]]>
Thu, 25 Nov 2021 10:27:00 +0000 https://www.formula1.it/news/7732/1/piastri-avrei-meritato-una-chance-in-f1-ma-non-e-colpa-di-zhou http://www.formula1.it/admin/foto/piastri-7732-1.jpg
Il graffio del Drago - Toto e Christian desperate housewives, i segreti della pit lane https://www.formula1.it/news/7731/1/il-graffio-del-drago-toto-e-christian-desperate-housewives-i-segreti-della-pit-lane Alonso 10: Il ragazzino bara con la carta d’identità ma a differenza di alcuni calciatori africani e brasiliani aumenta la sua età invece di togliersi anni. Ne sentiremo parlare ancora in futuro. ERIBERTO

Alpine 9: Alonso la esalta al massimo livello possibile ma il weekend di Losail certifica l’ottimo stato di forma della monoposto francese confermato dal buon Ocon (7). ALLONSANFAN

Verstappen 8: Penalizzato quando le qualifiche erano già entrate nei libri di storia, recupera in tre giri il secondo posto. Da lì in poi iniziano le schermaglie a distanza con Hamilton. Porta a casa l’importantissimo punto del giro veloce. STARTER

Stroll 7: Il canadesino ogni tanto si accende e sfodera grandi prestazioni. Cercasi costanza adesso. AAA

Perez 6: Stecca la qualifica mancando la Q3, ma può così scegliere la mescola gialla e recuperare fino al podio, ma al box Red Bull (5) si fanno incantare dall’impresa di Alonso e lo aiutano fermando una volta di troppo Checo. CALIMERO

Ferrari 5: Disastri e sfortune McLaren (5) la collocano ad un quasi certo terzo posto nel mondiale ma le prestazioni non decollano. Male nelle prove con Leclerc (6) col telaio rotto, in gara il monegasco e Sainz (6) guadagnano posizioni con una strategia molto conservativa. CHI VA PIANO…

Bottas 4: Come Max fatica a vedere le bandiere gialle, ma a differenza dell’olandese parte ancora una volta col freno a mano tirato annaspando in mezzo al gruppo, tanto che lo stesso Toto Wolff gli suona la sveglia. Quando sembra essersi messo in sesto dopo caffè e lavata di faccia viene messo fuori causa da una foratura. MORFEO

Schumacher 3: Ignorato sempre nelle pagelline cerca di farsi notare con un rientro in pista da codice penale, ma a differenza del papà non aveva un avversario per il titolo da mettere fuori gioco. NON È ADELAIDE

Ricciardo 2: Monza sembra lontana una vita. Da allora naviga tra Alfa Romeo, Williams e Haas. Alla McLaren stanno mancando i suoi punti nella lotta con Ferrari. CERCASI DANIEL DISPERATAMENTE 

Wolff e Horner 1: Mentre i loro alfieri in pista ci regalano un duello memorabile, i manager dei due top team in conferenza stampa offrono uno spettacolo pietoso tra accuse e veleni. GOMBLODDO 

Drago 0: Il ritardo nello stilare queste pagelline è degno dei tempi biblici dei commissari di Losail. MATUSALEMME

Lo so, nelle pagelle manca Lewis (7), il capolavoro del weekend lo compie in qualifica. In gara, complice la penalizzazione di Verstappen si limita a controllarlo a distanza marcando stretto anche la strategia dell’olandese. Tra gli altri da notare il ritrovato Norris (7) in lotta per il podio fino ad una sfortunata foratura, la mezza debacle Alpha Tauri (5) con un Gasly (6) brillante in qualifica, meno allo start. Ancora una volta a punto Vettel (6) ma questa volta oscurato dal compagno di scuderia.

]]>
Wed, 24 Nov 2021 22:40:47 +0000 https://www.formula1.it/news/7731/1/il-graffio-del-drago-toto-e-christian-desperate-housewives-i-segreti-della-pit-lane http://www.formula1.it/admin/foto/il-graffio-del-drago-toto-e-christian-desperate-housewives-i-segreti-della-pit-lane-7731-1.jpg
Alfa Romeo Racing, ufficiale il rinnovo con Orlen: confermato anche Kubica https://www.formula1.it/news/7730/1/alfa-romeo-racing-ufficiale-il-rinnovo-con-orlen-confermato-anche-kubica Poche ore fa è arrivata la notizia ufficiale che Orlen, azienda petrolifera polacca, e l'Alfa Romeo Racing hanno deciso di prolungare la loro collaborazione. Il connubio, lo ricordiamo, dura ad oggi da due anni ma continuerà almeno per un'altra stagione.

Ecco il comunicato della scuderia di Hinwil:

"L’Alfa Romeo Racing darà continuità ad uno dei legami più distintivi nel mondo della Formula 1 prolungando la propria partnership con il gigante polacco PKN ORLEN, insieme ad Alfa Romeo, per una terza stagione consecutiva".

Il comunicato di Orlen e l'ufficializzazione di Kubica

L'annuncio ufficiale di Orlen, invece, è stato affidato ad un video su Twitter con protagonista Robert Kubica, pilota portato proprio dall'azienda polacca alla guida dell'Alfa (come riserva). Anche l'ex Williams è stato confermato nel ruolo di terza guida.

Zostajemy w #F1! PKN ORLEN pozostanie sponsorem tytularnym zespołu Alfa Romeo Racing ORLEN w sezonie 2022! Mamy dla Was komentarz Roberta Kubicy pic.twitter.com/MLiHCUkRtb

— ORLEN (@PKN_ORLEN) November 24, 2021

 

Le parole di Kubica

E infatti, Kubica ha personalmente annunciato il proseguimento della propria esperienza con il team italo-svizzero ai microfoni di Sports Eleven:

"Nel prossimo anno sarò ancora un pilota di riserva in F1, ma la priorità sarà correre al più alto livello possibile. Nelle gare di Endurance della stagione 2022 resterò nella categoria LMP2, questa sarà la soluzione migliore per me".

]]>
Wed, 24 Nov 2021 19:39:52 +0000 https://www.formula1.it/news/7730/1/alfa-romeo-racing-ufficiale-il-rinnovo-con-orlen-confermato-anche-kubica http://www.formula1.it/admin/foto/alfa-romeo-racing-ufficiale-il-rinnovo-con-orlen-confermato-anche-kubica-7730-1.jpg
Alonso e il 2022: Sogno di lottare per il titolo. Ritiro? Ho altri 2 o 3 anni https://www.formula1.it/news/7729/1/alonso-e-il-2022-sogno-di-lottare-per-il-titolo-ritiro-ho-altri-2-o-3-anni Fernando Alonso, pilota Alpine, con il terzo posto ottenuto al Gran Premio del Qatar è tornato sul podio in Formula 1 dopo più di sette anni e più di cento gare, battendo il record precedentemente detenuto da Nick Heidfeld. Il pilota spagnolo ha parlato ai microfoni del sito ufficiale Formula 1.com, soffermandosi sul suo momento positivo e sulla possibilità di vincere il suo terzo titolo mondiale, dopo quelli vinti con la Renault nel 2005 e 2006. L'ex pilota della Ferrari non nasconde la sua ambizione di poter tornare sul tetto del mondo, dato che nel 2022 ci saranno alcune modifiche nel regolamento e tutti potranno partire, in teoria, alla pari.

Alonso sogna il suo terzo titolo mondiale

Sarà difficile prevedere cosa accadrà in futuro ma a me piacerebbe lottare per il titolo con Verstappen, Hamilton o chiunque avrà una buona macchina. L'anno prossimo sarà un reset per tutti e spetterà a noi costruire una macchina veloce. Non sarà come quest'anno una continuazione del precedente, ma nel 2022 tutti avranno le stesse carte quindi dovremmo giocarle nel modo più intelligente e se siamo nelle posizioni di vertice sarei pronto a battagliare. Non è qualcosa del quale ho un disperato bisogno e che cambierebbe tutta la mia carriera o il mio modo di vedere lo sport. Sono una persona competitiva, come detto, in ogni cosa che faccio. Non importa se hai 19 anni o 42 o 43, è un modo di vivere e di piena dedizione verso lo sport. Questa è probabilmente la cosa più grande tra tutte del vincere un eventuale terzo titolo mondiale: quel tipo di eredità e di messaggio alle future generazioni. Sicuramente ho voglia di continuare ancora dopo il 2022 e anche se la macchina non sarà così buona. Il piano è di restare perlomeno due o tre anni ancora".

A voi piacerebbe vedere ancora Alonso sul tetto del mondo?

]]>
Wed, 24 Nov 2021 15:43:12 +0000 https://www.formula1.it/news/7729/1/alonso-e-il-2022-sogno-di-lottare-per-il-titolo-ritiro-ho-altri-2-o-3-anni http://www.formula1.it/admin/foto/alonso-sogno-di-lottare-per-il-titolo-il-prossimo-anno-punto-a-restare-in-f1-per-altri-2-3-anni-7729-1.jpg
Fiorio sicuro sul duello mondiale: Hamilton più maturo di Verstappen https://www.formula1.it/news/7728/1/fiorio-sicuro-sul-duello-mondiale-hamilton-piu-maturo-di-verstappen Mancano due gare alla fine di questo entusiasmate e incerto Mondiale 2021 di Formula 1. Protagonisti di questo duello sono Max Verstappen della Red Bull e il sette volte campione del mondo Lewis Hamilton della Mercedes. I due sono divisi da soli otto punti, un vantaggio esiguo visto che il vincitore viene premiato con 25 punti, sette in più del secondo. Dopo le due vittorie consecutive di Hamilton, il mondiale si è riaperto e l'inerzia ora sembra tutta dalla parte dell'inglese. Cesare Fiorio, ex direttore sportivo della Ferrari dal 1989 al 1991, ha commentato il duello fra i due piloti ai microfoni del Corriere dello Sport, indicando il suo favorito per la vittoria del titolo iridato 2021.

Fiorio commenta il duello mondiale fra Verstappen ed Hamilton

"La FIA fa bene a non intervenire, perché il duello riguarda solo piloti e team. In realtà il reclamo costa ed espone al rischio d’immagine, se lo perdi, così si preferisce alzare il livello di tensione con altri stratagemmi. Io francamente una tale intensità verbale non l’ho mai conosciuta, per quanto in quarant’anni di motorismo abbia avuto rivalità sportive e tecniche molto accese. Ai miei tempi tra me e Ron Dennis c’era tensione, ma mai a questi livelli. Nel 1989 in Portogallo non riuscii a contenere l’aggressività di Mansell nei confronti di Senna, Dennis raggiunse il mio box protestando vivacemente e io lo mandai a quel paese; dissero anche che gli avevo indirizzato un gestaccio, cosa che francamente non ricordo di aver fatto. C’era rivalità, ma anche rispetto. Horner e Wolff si stanno entrambi spingendo al limite, ma i loro comportamenti sono correlati alla maturità dei piloti. Hamilton è molto intelligente ed è in grado di suggerire alla squadra come muoversi, cosa fare e cosa non fare. Verstappen non è meno dotato di lui come guida ma non è altrettanto maturo e saggio, dunque Horner lo deve in qualche modo gestire. Un problema che Wolff nei confronti di Lewis non ha. Da questo punto di vista Horner è più bravo, perché il suo compito è più difficile. Wolff dal canto suo ha un’altra qualità: aver saputo mettere al lavoro tecnici di grande valore, ognuno nel ruolo migliore, ottenendo il meglio".

Il favorito di Fiorio

"Per il Mondiale sarà decisiva la capacità tecnologica della Mercedes. Ho l’impressione che in alcuni momenti abbia tralasciato lo sviluppo quasi con supponenza, sentendosi più forte. Messa sotto scacco dalla Red Bull, però, ha recuperato tutte le sue abilità tecniche, compatibilmente con i limiti posti dal regolamento. Salvo rotture o imprevisti che potrebbero insorgere per ognuno dei due, ritengo che Hamilton grazie alla squadra e al suo talento possa puntare a vincere sia in Arabia Saudita sia ad Abu Dhabi, ciò che gli procurerebbe l’ottavo Mondiale. Ha già dimostrato di essere irresistibile nei finali di stagione e non sarà facile per la Red Bull contrastarne la supremazia. Certo però che a Jeddah, un budello stretto con velocità altissime, sarà un super rischio per entrambi. In quelle circostanze basta una toccata. E chiaramente favorirebbe Verstappen, che ha il vantaggio in classifica".

Voi che ne pensate? Fiorio ha ragione sul duello mondiale?

]]>
Wed, 24 Nov 2021 13:31:51 +0000 https://www.formula1.it/news/7728/1/fiorio-sicuro-sul-duello-mondiale-hamilton-piu-maturo-di-verstappen http://www.formula1.it/admin/foto/fiorio-sicuro-sul-duello-mondiale-hamilton-piu-maturo-di-verstappen-7728-1.jpg
Hamilton: Voglio essere il pilota più corretto. Poi la stoccata a Max: Con lui serve molta prudenza https://www.formula1.it/news/7727/1/hamilton-voglio-essere-il-pilota-piu-corretto-poi-la-stoccata-a-max-con-lui-serve-molta-prudenza Quando siamo a due gare dalla fine del campionato 2021, la battaglia per i titoli piloti e costruttori è ancora apertissima, con Mercedes e Red Bull impegnate in un testa a testa senza esclusione di colpi. Si tratta di un duello che sta suscintando grande entusiasmo ed anche molte polemiche tra gli appassionati di questo sport. Stavolta a dire la sua è il sette volte campione del mondo, nonché principale protagonista della vicenda, Lewis Hamilton.

Le parole di Hamilton

Il pilota britannico della Mercedes ha rilasciato una lunga intervista alla stampa (presente anche Motorsport.com che ne ha riportato le parole) in cui ha parlato della lotta per il titolo con Max Verstappen. Innanzitutto, Lewis ha sottolineato che il suo primo obiettivo è sempre quello di gareggiare lealmente:

"È il modo in cui mio padre mi ha cresciuto. Mi ha sempre detto di far parlare la pista. Da bambino sono stato vittima di bullismo. Sia a scuola che in pista. Per questo volevo battere i miei avversari nel modo giusto, non con una collisione o cose di questo tipo. Se si evitano collisioni, nessuno può negare che sei uno dei migliori. Se hai degli incidenti, invece, possono dire: "Oh sì, ma ha fatto quella manovra. Questa è una tattica che usa spesso quel pilota". Invece io voglio essere il più puro dei piloti, lo voglio essere attraverso la velocità, attraverso il duro lavoro, la determinazione. Se fai questo, nessuno può negare ciò che alla fine sei riuscito a realizzare".

Poi, si è soffermato più esplicitamente su Max Verstappen:

"Come ci si avvicina a piloti come Max? Devi essere molto, molto prudente. Più prudente che mai. Piuttosto che dare a qualcuno in beneficio del dubbio, devi sapere che è quello che succederà. Devi sempre essere pronto a evitare una collisione a tutti i costi, anche se significa andare largo, perché alla fine l'obiettivo è chiudere la gara, giusto? Se sei testardo e mantieni la tua posizione andrai a sbattere, quindi questo è ciò che ho cercato di fare. Ho cercato di assicurarmi di evitare la collisione. Penso di essere stato abbastanza decente nel fare questo, almeno nella maggior parte degli scenari. Non si può sempre essere perfetti, ma poi ci sono altri piloti con cui sei in pista che sono aggressivi e rispettosi in modi diversi. Max non è l'unico pilota contro cui ho corso che è fatto in quel modo. Ho corso contro tanti piloti nella mia carriera e sono stati tutti molto diversi nel loro modo di comportarsi. E' sicuramente interessante. Ora che sono più vecchio, guardo un po' di più dento al loro carattere e ho più informazioni su di loro, sull'educazione".

Infine ha concluso chiosando:

"La nostra educazione è il motivo per cui agiamo nel modo in cui agiamo e ci comportiamo nel modo in cui ci comportiamo. Bene o male. Quindi cerco di capire, in modo da poter apprezzare di più che è il personaggio contro cui sto gareggiando".

]]>
Wed, 24 Nov 2021 12:30:19 +0000 https://www.formula1.it/news/7727/1/hamilton-voglio-essere-il-pilota-piu-corretto-poi-la-stoccata-a-max-con-lui-serve-molta-prudenza http://www.formula1.it/admin/foto/hamilton-7727-1.jpg
Sospetti, polemiche e pregiudizi. La soluzione di Masi: sarà rotazione dei commissari https://www.formula1.it/news/7726/1/sospetti-polemiche-e-pregiudizi-la-soluzione-di-masi-sara-rotazione-dei-commissari Quello che si concluderà il 12 dicembre a Dubai, qualunque sarà il verdetto, verrà ricordato come uno dei campionati di Formula 1 più discussi della storia. Nel corso della stagione, infatti, in pista e fuori, sono stati molteplici gli episodi che hanno scatenato sospetti, polemiche, scaramucce e pregiudizi infiammando il circus e tutta l'opinione pubblica. Grandi protagoniste soprattutto Mercedes e Red Bull, contrapposte in un epico testa a testa sia per il titolo piloti che per quello costruttori. Le ultime due gare, in particolare, a Interlagos e Losail, sono state contrassegnate da una crescente tensione. Al fine di stemperare un po' gli animi, Michael Masi, direttore di gara della F1, ha deciso di adottare un particolare provedimento: la rotazione dei commissari. Di seguito i dettagli.

Masi: "Ascolterò il consiglio di una persona molto sagggia"

Dopo i controversi episodi degli ultimi GP, al fine di cancellare qualsiasi dubbio sulla regolarità del campionato, Michael Masi ha deciso che ci sarà alternanza tra gli steward impegnati nel valutare le situazioni di pista e non:

"Avere gli Stewards a rotazione garantisce un aspetto che a suo tempo una persona molto saggia mi aveva fatto notare. Di fronte a giurie sempre diverse non può sussistere il dubbio che ci siano dei pregiudizi nei confronti di un pilota".

Queste le sue parole riportate dalla testata racefans.net. Tale provvedimento basterà a spegnere le polemiche e (soprattutto) i sospetti?

]]>
Wed, 24 Nov 2021 11:39:37 +0000 https://www.formula1.it/news/7726/1/sospetti-polemiche-e-pregiudizi-la-soluzione-di-masi-sara-rotazione-dei-commissari http://www.formula1.it/admin/foto/sospetti-polemiche-e-pregiudizi-la-soluzione-di-masi-sara-rotazione-dei-commissari-7726-1.jpg
Montoya: La mia McLaren si guidava di m***a. Ferrari magica. Max-Lewis? C'è troppa politica https://www.formula1.it/news/7724/1/montoya-la-mia-mclaren-si-guidava-di-ma-ferrari-magica-max-lewis-c-e-troppa-politica Juan Pablo Montoya è una delle figure più rappresentative del mondo delle quattro ruote. Campione della F3000 Internazionale (1998), della Formula CART (1999), della 500 Miglia di Indianapolis (2000, 2015), della 24 Ore di Daytona (2007, 2008, 2013), della Race of Champions (2017) e del campionato IMSA SportsCar WeaterTech (2019), ha trascorso diverse stagioni anche in Formula 1. Alla guida della Williams e della McLaren, tra il 2001 e il 2006, è stato protagonista, assieme a Michael Schumacher, di grandi battaglie che hanno regalato infinte emozioni agli appassionati di questo sport.

Sono passati circa quindici anni da quando il colombiano ha abbandonato la massima categoria motoristica, ma l'indissolubile legame col circus non si è mai spezzato. Così come nel corso del tempo non si era mai spezzato un suo particolare sogno: mettersi al volante di una Ferrari. Tale "desiderio proibito" è stato finalmente esaudito ieri in occasione delle Finali Mondiali Ferrari in corso di svolgimento al Mugello. Motorsport.com ha lo ha intervistato per raccogliere le sue sensazioni. E non solo, perché il pilota di Bogotà si è lasciato andare ad un'intervista a tutto campo tra passato e presente della Formula 1. Di seguito un estratto delle dichiarazioni.

Le parole di Juan Pablo Montoya

Sull'esperienza alla guida di una Ferrari

"È strano essere qui a guidare una F1 al Mugello: non c’è niente di meglio di questo! Quando correvo in Formula 1, bisognava battere la Ferrari ogni fine settimana, erano il riferimento. L'obiettivo era quello specialmente quando si arrivava in Italia, e devo dire che quando mi è riuscito a Monza è stato speciale. Ferrari ha una tradizione spaventosa, mi sono sempre ripromesso di provare una un giorno ed è finalmente successo. Ogni macchina è differente: non mi sarei mai aspettato di trovare una McLaren che si guidava così di m...a quando lasciai la Williams. La Ferrari invece è magica, davvero: vuoi guidarla al massimo, ma sai che è la vettura di qualcun altro, quindi sei un po' spaventato e non riesci a dare subito tutto quello che può offrire. Sei intimorito perché sai che ha un grande margine".

Sulla battaglia Verstappen-Hamilton per il titolo mondiale

"C'è una gran bella battaglia tra Max e Lewis, solo che ora è anche molto politica. Tutto è dannatamente complicato: bisogna che qualcosa venga fatto per chiarire alcuni aspetti. A volte vediamo penalità per una manovra che la settimana dopo non viene sanzionata. Quanto successo a Silverstone ha condotto ad una penalità per Hamilton: perché Vestappen invece ne è uscito pulito in Brasile? Solo perché si sono evitati? Quando guidi, soprattutto in situazioni come queste, devi essere chiaro: non è solo l'incidente che deve causare una penalità. E sono convinto che quello che succederà in Qatar andrà a definire il risultato finale della stagione".

Sul confronto tra le vetture di un tempo e quelle più moderne

"Quando guidi una di queste monoposto e sei avvolto dal suono del V12, è un'esperienza mistica. Ieri ero dietro ad una 412 T2 del '95, sul rettilineo non riuscivo a superarlo con una monoposto del 2008, e lui anzi mi distanziava! Manca questo, alle attuali monoposto".

]]>
Wed, 24 Nov 2021 10:52:32 +0000 https://www.formula1.it/news/7724/1/montoya-la-mia-mclaren-si-guidava-di-ma-ferrari-magica-max-lewis-c-e-troppa-politica http://www.formula1.it/admin/foto/montoya-la-mia-mclaren-si-guidava-di-ma-ferrari-magica-max-lewis-c-e-troppa-politica-7724-1.jpg
Dichiarazioni al vetriolo, scaramucce ai box e... carte bollate: non è la prima volta... https://www.formula1.it/news/7723/1/dichiarazioni-al-vetriolo-scaramucce-ai-box-e-carte-bollate-non-e-la-prima-volta Il duello tra Hamilton e Verstappen sta appassionando tutti perché sembra che sia uno di quei confronti serrati che magari, a distanza di anni, possa dar luce a un film stile Rush.

Il duello non è solo in pista, ma è anche ai box (sono noti i dispetti tra i due team con le scaramucce tra meccanici ai pit stop), e sui ricorsi.

Ma non è la prima volta che la corsa al mondiale si traduce in una battaglia a suon di carte bollate. Come si apprende dalla Gazzetta dello Sport, il caso più recente è quello del Mondiale 2018. Ferrari vs Mercedes. Nella seconda parte della stagione, quando Hamilton era già in procinto di prendere il largo in classifica piloti, l’esplosione della polemica sui cerchi e sui mozzi forati delle ruote posteriori: una soluzione che le frecce d’argento avevano escogitato per disperdere l’eccessivo calore e risolvere così gli annosi problemi di gestione delle gomme che li avevano condizionati nel corso dell’anno, ma che a Maranello ritenevano illegale. Nel regolamento era infatti stabilito che qualsiasi parte che influenzasse l’aerodinamica non dovesse muoversi o ruotare, cosa che ovviamente non poteva accadere con cerchi e mozzi.

Nella storia di questo sport sono in realtà tantissimi gli episodi in cui la lotta per il Mondiale si è spostata dalla pista agli uffici dei commissari. Il motorgate Ferrari 2019, gli scarichi soffiati e le ali flessibili 2012 di Red Bull e Ferrari, il doppio diffusore Brawn Gp 2009, la spy story 2007 Ferrari/McLaren, il mass damper 2006 Renault, i deviatori di flusso Ferrari 1999, e tanti altri in epoche meno recenti.

]]>
Wed, 24 Nov 2021 07:18:00 +0000 https://www.formula1.it/news/7723/1/dichiarazioni-al-vetriolo-scaramucce-ai-box-e-carte-bollate-non-e-la-prima-volta http://www.formula1.it/admin/foto/dichiarazioni-al-vetriolo-scaramucce-ai-box-e-carte-bollate-non-e-la-prima-volta-7723-1.jpg
Mercedes-Red Bull, doppia figuraccia. Neanche il rispetto del galateo della corsia... https://www.formula1.it/news/7722/1/mercedes-red-bull-doppia-figuraccia-neanche-il-rispetto-del-galateo-della-corsia In Qatar le tensioni tra Mercedes e Red Bull sono andate ben oltre le battute al vetriolo tra i due team principal, ma hanno coinvolto anche i meccanici dei team.

Generalmente secondo le norme "deontologiche" (norme più che altro legate al "saper vivere") della formula 1 in corsia box, quando una vettura sta rientrando o ripartendo, il meccanico che team che precede quella in arrivo deve spostare l'attrezzatura della propria squadra per favorire la manovra dell'auto ferma. Eppure, durante l'ultimo GP non pochi tifosi e appassionati hanno notato che nelle soste delle due contendenti i meccanici non abbiano fatto nulla per rispettare "il galateo" della corsia. Non è stato dunque facilitato l'ingresso o l'uscita delle vetture dalla piazzola, così da arrecare un danno all'avversario diretto.

Un comportamento la dice lunga sullo spettacolo e sul livello di competitività offerto dai due piloti e dalle due scuderie. Già in passato comunque questi tentativi di "disturbo" sono stati messi in atto da altri grandi protagonisti allo scopo di far perdere qualche centesimo importante. Ricordiamo nei primi anni 2000 come anche Ferrari e Mclaren, impegnate nella lotta tra Schumacher e Hakkinen, spesso lasciassero i meccanici al limite della loro area box allo scopo di rendere più lenta l'uscita dalla piazzola dell'avversario.

]]>
Wed, 24 Nov 2021 06:38:29 +0000 https://www.formula1.it/news/7722/1/mercedes-red-bull-doppia-figuraccia-neanche-il-rispetto-del-galateo-della-corsia http://www.formula1.it/admin/foto/mercedes-red-bull-doppia-figuraccia-neanche-il-rispetto-del-galateo-della-corsia-7722-1.jpg
Ferrari, perché guardare al 2022 con grande speranza https://www.formula1.it/news/7721/1/ferrari-perche-guardare-al-2022-con-grande-speranza Dopo un 2020 da dimenticare, condito da soli 131 punti e un quinto posto nella classifica costruttori, il 2021 è stato un anno di ripresa per la Ferrari. Quando mancano tre gare dalla fine del campionato, infatti, la Rossa ha già conquistato 297.5 punti ed è attualmente al terzo posto della graduatoria mondiale con 39.5 lunghezze di vantaggio sulla McLaren. L'obiettivo di inizio stagione, cioè tornare tra le prime tre della classe, è stato quasi raggiunto.

Tuttavia, in quel di Maranello, non è possibile essere completamente soddisfatti. Basti pensare alla gloriosa storia della scuderia italiana, che con 16 titoli mondiali è il team più vincente di sempre. Potrebbe aggiungerne un altro già nel 2022? Non è da escludere. Proviamo a spiegare perché.

Ferrari, grandi speranze nel 2022. Perchè guardare con ottimismo alla prossima stagione

Il 2022 potrebbe regalare belle soddisfazioni in casa Ferrari. In primis, perché in questi mesi a Maranello è stato fatto un lavoro enorme sulla Power Unit, accelerando in particolare lo sviluppo della parte ibrida: un salto di qualità che sicuramente porterà consistenti vantaggi in termini di competitività in pista. Soprattutto visti i nuovi regolamenti che entreranno in vigore nella prossima stagione.

Poi, c'è anche da considerare che molto a breve sarà operativo il nuovo simulatore, il cosiddetto DMG (Dynisma Motion Generator), sul quale Mattia Binotto ha apertamente rivelato di fare gran affidamento. Il neonato sistema offrirà la massima larghezza di banda con una latenza minima integrando il software all’hardware, e rimuovendo ogni possibile ostacolo tra il pilota e l’acquisizione dei dati. Inoltre, anche la nuova galleria del vento potrebbe contribuire a dare al Cavallino quella marcia in più mancata finora. C'è sempre da ricordare che la Ferrari, come previsto dal regolamento FIA, avrà a disposizione maggior tempo di sviluppo rispetto a Mercedes e Red Bull in virtù del suo peggior posizionamento nel mondiale.

Dunque, veniamo ai volanti: la Ferrari potrà contare ancora su Charles Leclerc e su Carlos Sainz, una coppia di piloti invidiabile, forse la migliore in griglia. Il monegasco proverà a mettere in scena il suo definitivo exploit. Lo spagnolo, invece, dopo un primo anno di ambientamento (pienamente sufficienti le prestazioni), vorrà sicuramente dare quel qualcosa in più per dimostrare di meritarsi in futuro tale prestigioso sedile.

Infine, c'è da annoverare un'altra variabile: chi ci dice che Mercedes e Red Bull riusciranno a gestire il cambiamento senza intoppi? Certo, ad oggi, è molto difficile immaginare che topperanno il passaggio alla nuova era. Ma non è impossibile. 

E voi, cosa ne pensate?

 

]]>
Tue, 23 Nov 2021 18:00:02 +0000 https://www.formula1.it/news/7721/1/ferrari-perche-guardare-al-2022-con-grande-speranza http://www.formula1.it/admin/foto/ferrari-perche-guardare-al-2022-con-ottimismo-7721-1.jpg
Paesi arabi e problemi sociali, Domenicali: La F1 velocizzerà il cambiamento https://www.formula1.it/news/7720/1/paesi-arabi-e-problemi-sociali-domenicali-la-f1-velocizzera-il-cambiamento Dopo lo storico primo GP del Qatar, la Formula 1 farà tappa in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi per gli ultimi due appuntamenti del Mondiale 2021. Ed è proprio da Dubai, nella giornata dedicata allo sport presso il Padiglione Italia ad Expo, che Stefano Domenicali ha fatto il punto della situazione sul mondo delle quattro ruote, soffermandosi anche sul ruolo del Circus nei cambiamenti in essere nei paesi mediorientali. Secondo l'ex ferrarista, la F1 avrà un ruolo chiave nella risoluzione delle problematiche sociali in tali territori. Di seguito le sue dichiarazioni.

Le parole di Stefano Domenicali

Il CEO della Formula 1, Stefano Domenicali, ha iniziato il suo discorso affermando: "Crediamo nello sport come piattaforma che unisce. La Formula 1 è una lente di ingrandimento che pone un paese che vuole cambiare nelle condizioni di farlo realmente". Poi si è soffermato a parlare dei paesi mediorientali, ormai grandi protagonisti del campionato: "È sbagliato pensare di cambiare tradizioni millenarie dalla sera alla mattina. La Formula 1 è l'opportunità di accelerare i processi di cambiamento. La gara di Jeddah? L'Arabia Saudita sta investendo tantissimo, perché si rende conto che la Formula 1 è una piattaforma importante". Quindi ha ha detto la sua sulle annose problematiche sociali che caratterizzano tali territori: "I processi di cambiamento avverranno con maggior velocità grazie assolutamente alla Formula 1". Infine, ha analizzato il momento dell'automobilismo italiano: "Sono contento di costatare l'impegno del governo italiano nel valorizzare non solo i 100 anni della storia dell'autodromo di Monza, ma la piattaforma della Formula 1 nel suo complesso. Parla da sé il fatto che siamo l'unico paese ad avere due Gran Premi. Partiamo da una tradizione consolidata, ma percepisco anche grande fermento di energia positiva nella MotorValley, ad esempio, progetto importante per il futuro dell'automobilismo in tutti i vari settori di questa industria".

]]>
Tue, 23 Nov 2021 16:10:44 +0000 https://www.formula1.it/news/7720/1/paesi-arabi-e-problemi-sociali-domenicali-la-f1-velocizzera-il-cambiamento http://www.formula1.it/admin/foto/domenicali-7720-1.jpg
Alonso torna sul podio dopo sette anni, battuto un record detenuto da Heidfeld: il dato https://www.formula1.it/news/7719/1/alonso-torna-sul-podio-dopo-sette-anni-battuto-un-record-detenuto-da-heidfeld-il-dato Il podio di Alonso in Qatar con la Alpine scomoda parecchi libri di storia. Fernando torna sul podio per la prima volta dal GP dell’Ungheria 2014 corso con la Ferrari, ben sette anni dopo.

Alonso torna sul podio dopo sette anni, è record

All’epoca, Hamilton era a quota un Mondiale ed aveva vinto “solamente” 27 GP. Probabilmente parlargli del record assoluto di Schumacher sarebbe sembrata un’offesa. E Verstappen? Correva in Formula 3 ed avrebbe cominciato i suoi test con le Formula 1 proprio in quell’anno. Dopo aver lasciato la Ferrari, aver abbracciato e lasciato la McLaren, aver fatto esperienza a Le Mans, rieccolo sul podio con l’Alpine, 2674 giorni dopo. Nel frattempo Fernando ha corso 105 GP e così ha stabilito un nuovo primato: è il primo pilota nella storia con due podi distanziati da più di cento gare. Non solo, il record precedente era di molto inferiore a "quota 100": lo deteneva Nick Heidfeld, con un digiuno di 66 GP da San Marino 2001 a Australia 2005.

]]>
Tue, 23 Nov 2021 13:30:00 +0000 https://www.formula1.it/news/7719/1/alonso-torna-sul-podio-dopo-sette-anni-battuto-un-record-detenuto-da-heidfeld-il-dato http://www.formula1.it/admin/foto/alonso-torna-sul-podio-dopo-sette-anni-battuto-un-record-detenuto-da-heidfeld-il-dato-7719-1.jpg
Hamilton, mister power unit: nessuno come lui nell'era ibrida. I record https://www.formula1.it/news/7718/1/hamilton-mister-power-unit-nessuno-come-lui-nell-era-ibrida-i-record Lewis Hamilton: mister Ibrido (o mister Power Unit, se preferite). L’inglese in Qatar ha messo a segno il suo 80° successo nell’era Power Unit, un numero estremamente significativo. No, non si tratta del fatto che la sua percentuale di vittorie dal 2014 in poi è vicinissima ad una su due (80 su 158), ma, oltre al numero “tondo”, il fatto che ora ha vinto quattro volte quanto il secondo pilota più vincente nell’era Power Unit, Nico Rosberg. Sono valori impressionanti, che lo piazzano di diritto quale imperatore dell’era Ibrida. Con il suo successo a Losail, Lewis è salito a quota 102 in carriera, ed ora ha vinto in trenta circuiti diversi, a ritoccare un record già suo.

Hamilton, i record in era power unit

Se Hamilton procede spedito ad inanellare vittorie, qualcuno dovrà pure arrivare secondo, giusto? Ebbene, Lewis sta diventando la pecora nera di quasi tutti i suoi rivali nell’era Power Unit. Se andiamo ad analizzare le doppiette più frequenti della storia della F.1, in 3 casi nei primi 4 e 4 nei primi 6, il vincitore è Hamilton, ed al secondo posto uno dei suoi storici (o attuali) rivali. 1° Hamilton – 2° Nico Rosberg è la doppietta che si è verificata più volte (20) nella storia della F.1, al pari di 1° Schumacher – 2° Barrichello. Al secondo posto riecco Hamilton: in 19 occasioni si è verificato 1° Hamilton – 2° Bottas e 1° Hamilton – 2° Verstappen, come in Qatar. Scendendo ulteriormente, a 16 troviamo 1° Senna – 2° Prost e quindi di nuovo Lewis, che in 15 occasioni ha vinto davanti a Vettel. Per Verstappen una coincidenza curiosa quanto dolorosa, visto che in carriera ha vinto 19 GP, ed in altrettanti è finito al secondo posto dietro a Lewis.

]]>
Tue, 23 Nov 2021 11:00:00 +0000 https://www.formula1.it/news/7718/1/hamilton-mister-power-unit-nessuno-come-lui-nell-era-ibrida-i-record http://www.formula1.it/admin/foto/hamilton-mister-power-unit-nessuno-come-lui-nell-era-ibrida-i-record-7718-1.jpg
VIDEO - GP Qatar, gli highlights della gara https://www.formula1.it/news/7717/1/video-gp-qatar-gli-highlights-della-gara Il primo GP del Qatar se lo aggiudica Lewis Hamilton dopo aver dominato il sabato di qualifiche. Secondo il suo rivale per il titolo, Max Verstappen, che vede accorciarsi il suo vantaggio nella classifica piloti a otto punti. Alonso torna al podio sette anni dopo l'ultima volta! Di seguito gli highilights della gara.

]]>
Tue, 23 Nov 2021 10:30:55 +0000 https://www.formula1.it/news/7717/1/video-gp-qatar-gli-highlights-della-gara http://www.formula1.it/admin/foto/video-gp-qatar-gli-highlights-della-gara-7717-2.jpg
Verstappen sogna il titolo a Jeddah: l'analisi delle possibili combinazioni https://www.formula1.it/news/7716/1/verstappen-sogna-il-titolo-a-jeddah-l-analisi-delle-possibili-combinazioni Il duello Verstappen Hamilton continua ad appassionare i fan, una lotta serrata che è tutt'altro che decisa, anche alla luce della rimonta del britannico che sembra aver trovato nuova linfa nelle ultime settimane. Eppure, con 8 punti di vantaggio su Hamilton, Max Verstappen ha comunque la possibilità di chiudere la contesa a Jeddah, in Arabia Saudita. Vediamo tutte le combinazioni che potrebbero portarlo sul tetto del mondo:

Se Verstappen finisce il GP al primo posto con giro veloce e Hamilton chiude sesto (o in una posizione peggiore);
Se Verstappen vince senza giro veloce con Hamilton che chiude oltre il settimo posto.
Se Hamilton arriva decimo (o in una posizione peggiore) Verstappen può chiudere al secondo posto con giro veloce per laurarsi campioni. 
Se Hamilton chiude fuori dalla zona punti Verstappen può piazzarsi sencondo, anche senza giro veloce, e laurearsi campione della Formula1.

]]>
Tue, 23 Nov 2021 09:07:55 +0000 https://www.formula1.it/news/7716/1/verstappen-sogna-il-titolo-a-jeddah-l-analisi-delle-possibili-combinazioni http://www.formula1.it/admin/foto/verstappen-sogna-il-titolo-a-jeddah-l-analisi-delle-possibili-combinazioni-7716-1.jpg
Il GP del Qatar di Ricciardo compromesso dall'estremo risparmio di carburante https://www.formula1.it/news/7715/1/il-gp-del-qatar-di-ricciardo-compromesso-dall-estremo-risparmio-di-carburante Daniel Ricciardo ha dichiarato che perso due secondi al giro nella prima metà del Gran Premio del Qatar di Formula 1 a causa di un errore di sistema che lo avvertiva di risparmiare carburante fin dai primi giri.
Il pilota McLaren si era qualificato con un deludente 14° posto al sabato e qualsiasi possibilità di recupero in gara è stata compromessa dalla sua squadra che gli ha comunicato più volte di essere molto conservativo durante la prima metà del Gp.

Nella seconda parte della gara gli è stato dato il via libera per correre a tavoletta, ma era già finito fuori dal vivo della competizione chiudendo fuori dai punti al 12° posto.

"Dopo la partenza abbiamo avuto un super risparmio di carburante fin dall'inizio della gara. E ho iniziato a fare quello che pensavo fosse già molto, e non era abbastanza. Così Tom [Stallard, ingegnere di gara] ha detto: 'Devi fare di più, devi fare di più. Non è abbastanza e blah, blah, blah'. A un certo punto penso che stavamo perdendo probabilmente due secondi al giro per risparmiare carburante. E con questo, i freni si raffreddano, le gomme si raffreddano, e si perde anche l'aderenza, quindi è solo una sorta di spirale verso il basso. Quindi abbiamo risparmiato carburante per una buona metà della gara e questo ci ha portato molto, molto lontano. È il massimo risparmio che abbia fatto e quello più presto in gara. Ero in coast ad ogni curva e non era mai abbastanza. E poi non so cosa sia successo con il sistema, o hanno avuto un'altra lettura, ma poi Tom era come: 'Va bene, basta, spingi e basta'. E io ho detto: 'Ma aspetta, niente risparmio di carburante?' E lui: 'No, spingi e basta!' Allora io ero come: 'Sono così confuso...' È chiaramente un errore di sistema oggi ed è un peccato perché quando ho potuto spingere, ho sentito il tempo di riferimento che ero in grado di ottenere. Ma siamo stati credo in balia di un errore oggi con la lettura".

La gara di Ricciardo si è resa complicata già in partenza, quando ha perso un paio di posizioni dopo aver faticato a trovare un punto di riferimento per la frenata alla prima curva.

"La partenza effettiva non era male, ma c'erano Charles [Leclerc] e [Lance] Stroll e penso che ero un po' in mezzo e fondamentalmente non riuscivo a vedere la curva 1. Ovviamente quando si è verso il fondo è abbastanza difficile vedere così lontano attraverso il gruppo, così poi si cercano i punti di frenata, solo per avere un riferimento su quando frenare. E non riuscivo a vederli. Così sono rimasto dentro fino a quando ho potuto e poi ho sollevato. Alla fine ho sollevato troppo presto e poi un sacco di persone, credo all'esterno, hanno avuto una via libera e mi hanno passato. Credo solo che non ero in una grande posizione. Ma, sì, non so davvero cosa avrei potuto fare di più in quella frazione di secondo, ma naturalmente darò un'occhiata. Voglio guardare il lato positivo e dire che sono contento che non è successo quando lottavo per una posizione del podio, perché sarebbe stata la cosa più dolorosa, ma sicuramente ci ha portato fuori da una possibilità di fare punti".

Articolo originale su autosport.com]]>
Mon, 22 Nov 2021 17:34:15 +0000 https://www.formula1.it/news/7715/1/il-gp-del-qatar-di-ricciardo-compromesso-dall-estremo-risparmio-di-carburante http://www.formula1.it/admin/foto/il-gp-del-qatar-di-ricciardo-compromesso-dall-estremo-risparmio-di-carburante-7715-1.jpg
Gp Qatar - Le pagelle https://www.formula1.it/news/7712/1/gp-qatar-le-pagelle Prima assoluta per primi assoluti, così potremmo sintetizzare il debutto del Gran Premio del Qatar nel calendario del campionato mondiale di Formula Uno.
Una prima assoluta, quella a Losail, per i primi in assoluto della classe, cioè Max Verstappen e Lewis Hamilton che, oggettivamente, hanno dimostrato di essere di un altro livello rispetto a tutti gli altri, rendendosi autori di una gara fantastica, tiratissima, giocata sul ritmo, in cui nessuno dei due era intenzionato a concedere chance all'altro.

Date le premesse, infatti, il GP mediorientale ha regalato uno show di livello, dato che l'azione in pista non è stata poca, non tanto in termini di sorpassi e duelli, quanto di lotta sul ritmo gara e sulla gestione gomme che, soprattutto, ha caratterizzato la lotta per la vittoria e per il podio.
La gara, come detto, si è giocata sul ritmo e sulle strategie e, nel finale, ha consegnato la vittoria alla Mercedes di Lewis Hamilton, che va a confermare una ritrovata forma del team di Toto Wolff.

Il ventesimo round stagionale ha riservato un bel rimescolamento, in termini prestazionali, dei vari team di centro classifica, consegnandoci una Alpine in grandissima forma, capace di primeggiare sul midfiel e piazzarsi a podio con un super Fernando Alonso. Opaca invece la Ferrari, quinta forza in pista, capace però di allungare ancora su McLaren nella classifica costruttori.
Contemporaneamente, si è vista una Mercedes, come detto, nella condizione di macchina da battere, performante in ogni scenario, capace di sopravanzare la Red Bull.
Al contempo, il team di Chris Horner è apparso in lieve affanno nella lotta contro una straripante freccia nera.
Infine dal circuito alle porte di Doha, emerge una buona AlphaTauri e una buona Aston Martin, mentre la Mclaren continua ad essere in difficoltà, sempre più in affanno nella lotta per il terzo posto in classifica costruttori.

Parlando della gara in senso stretto, l'azione in pista è stata di qualità, seppur i sorpassi non siano stati troppi e la lotta per la vittoria si sia decisa dopo la prima curva.
Svolte queste premesse, andiamo allora ad analizzare il rendimento di team e piloti, durante il Gran Premio del Qatar con le nostre pagelle.
 

Mercedes: 9

Ad oggi hanno la macchina più forte e sfruttano al meglio il momento per battere Red Bull. Pole e vittoria, permettono al team di Toto Wolff di tenere aperta la lotta sia per il mondiale piloti che costruttori.

Hamilton: 10
Pole e vittoria, sull'onda dell'entusiasmo dopo la magia Brasiliana: questo il fine settimana di Lewis che, in un grande momento di forma, accorcia ancora su Verstappen, tenendo aperta la lotta iridata.

Bottas: 6.5
Una disattenzione in qualifica gli costa 5 posizioni di penalità. Parte male, risale fino al podio ma una foratura rovina la sua gara. Alla fine è ritirato.

 

Red Bull: 8.5

Continua la fase di limitazione danni per Red Bull che, per il secondo weekend consecutivo, non ha la miglior macchina ma accorcia in classifica costruttori su Mercedes, sfuttando ogni situazione.

Verstappen: 9
Non ha ma miglior macchina, ma gareggia nel migliore dei modi, centrando il massimo risultato possibile, cioè il secondo posto e il giro veloce, limitando i danni in classifica nei confronti di Hamilton. Anche così si vincono i mondiali.

Perez: 7
Dopo una pessima qualifica, il Checo si rende autore di una gara solida, tutta ritmo e rimonta che, per poco, non lo porta a podio. Alla fine però è quarto che, per la classifica costruttori, è comunque un buon risultato.

 

Ferrari: 6

Ok l'aurea mediocritas citata la scorsa settimana, ma forse Ferrari sta esagerando. Fine settimana difficile per Maranello, specie in qualifica. In gara i piloti viaggiano di conserva, poco potendo con questa SF21, giungendo P7 e P8, allungando su Mclaren nei costruttori.

Leclerc: 7
Pessima qualifica per Charles, causa telaio rotto. Meglio in gara, dove è costretto a rimontare, giugendo ottavo, con un buon passo, dietro Sainz. Limita i danni, ma ultimamente non sta più regalando lampi.

Sainz: 7
Stesse valutazioni svolte per Leclerc ma a parti invertite. Bella qualifica per Carlos ma gara davvero complessa per lo Spagnolo che, con un ritmo non super e senza acuti, chiude settimo, appena davanti a Charles.

 

Mclaren: 5

Terzo fine settimana negativo per Mclaren, capace di piazzare una sola macchina a punti. A dire il vero, c'era il potenziale per fare podio, ma causa una sfortunata foratura, tutto viene vanificato. Di nuovo portano a casa pochi punti, allontanandosi dal terzo posto tra i costruttori.

Norris: 7
Buon fine ine settimana per Lando, in termini di prestazione, ma davvero sfortunato, tale da precludergli ogni chance di risultato. Poteva fare podio ma una foratura lo relega ai margini della zona punti.

Ricciardo: 5
Fine settimana da dimenticare per Daniel. Parte nelle retrovie e, malgrado ogni tentativo, non riesce a risalire sino alla zona punti. Dopo una positiva parte finale di estate, torna ad essere regolato da Norris.

 

Aston Martin: 7.5

Dopo la negativa trasferta Brasiliana, il team Aston torna a ben figurare a Losail. Sfuttando ogni situazione, il team di Lawrence Stroll torna a pizzare due macchine a punti.
Avanti di up e down, verso il 2022.

Vettel: 6
Dopo la beffa del Brasile, dove aveva chiuso appena fuori dai punti, Seb riesce a piazzarsi appena dentro la top10. Dopo una difficile prima parte di gara, il Tedesco riesce a risalire dalle retrovie, sino a conquistare un punto.

Stroll: 8
Bene in qualifica, dove si piazza in Q3, molto bene in gara dove, lottando per 57 giri, riesce a chiudere saldamente in zona punti, battendo anche il team mate Vettel.

 

Alpine: 9.5
Sono la sorpresa del weekend, capaci di mettere in pista una vettura molto performante, chiaramente terza forza in pista. Ciliegina sulla torta? Tornano sul podio.

Alonso: 10 e lode
Super qualifica per Fernando che, sfuttando le penalità altrui, parte terzo. In gara è da applausi, sia per come lotta, sia per la gestione delle gomme e dei rivali. Alla fine va a podio, il che fa benissimo alla F1. Classe e talento non hanno età.

Ocon: 7
Con un solido fine settimana, sin dalla qualifica, piazza la sua macchina in quinta piazza, rendendo il favore Ungherese ad Alonso, aiutando a trattenere Perez nella sua rimonta per Perez.

 

AlphaTauri: 5.5
Fine settimana complesso e a doppia faccia per il team Faentino che, dopo una bellissima qualifica, arranca e arretra in gara, anche a causa di una tattica discutibile. Peccato perché perdono punti da Alpine per il quinto posto nei costruttori.

Gasly: 7
Super qualifica per Pierre dove, ancora una volta dimostra una grande velocità. Parte bene e nel primo stint è in zona podio ma, con l'andare dei giri perde ritmo e naufraga fino a chiudere fuori dai punti.

Tsunoda: 5.5
Così come per Pierre Gasly, la sua gara parte bene, seppur da una posizione peggiore del team mate. Con l'andare della gara, anche a causa di una tattica non impeccabile, viene risucchiato dal gruppo fino a chiudere tredicesimo.

 

Alfa Romeo Racing: 5.5

Dopo il fine settimana non esaltante di San Paolo, la storia si ripete anche in Qatar per il team Alfa Romeo. Qualifica non super, così come la gara, probabilmente anche a causa della conformazione della pista, davvero probante per il motore.

Raikkonen: 7
Fine settimana senza acuti per Kimi, costretto a partire dalle retrovie e a restarci per tutta la gara, probabilmente perché la sua Alfa soffre le piste di motore. Malgrado tutto, mostra ancora una buona aggressività nei sorpassi, godendosi i suoi ultimi GP in F1.

Giovinazzi: 6
Consapevole di essere fuori dal team Alfa e dallo sport, poco può fare se non godersi le ultime gare in F1. Certo, con la vettura che ha tra le mani, poco può se non navigare in fondo al gruppo, chiudendo solamente P15, battuto da Raikkonen.

 

Haas: 6

Come sempre navigano nelle retrovie, lottando per le ultime posizioni, sia in qualifica che in gara. Alla fine portano a casa entrambe le macchine al traguardo che, per loro, è l'unico obiettivo davvero raggiungibile. Il bicchiere dunque è mezzo pieno.

Schumacher: 6.5
Con la macchina che ha non può fare altro che lottare con il suo compagno per le ultime posizioni, non fare errori e portare a casa la macchina. Lo fa ed anzi, sfruttando i guai altrui, chiude addirittura sedicesimo.

Mazepin: 6
Non male il weekend per il Russo, solido e senza errori. Battuto in qualifica, così come in gara, da Schumacher. Alla fine, la mancanza di sbavature lo porta a chiudere in diciottesima posizione, sfruttando le forature capitate ai rivali.

 

Williams: 5.5

Dopo la bella estate di cui è stato protagonista, il team di Grove torna stabilmente nelle retrovie come a inizio anno. Non malissimo in qualifica, peggio in gara, dove pagano anche due forature.
Probabilmente pensano solo al 2022.

Russell: 6
Fine settimana non certo esaltante per George, ma comunque tutto di attacco, nella speranza di piazzare la macchina a punti. Alla fine, dopo essere entrato in Q2, in gara è diciassettesimo, anche a causa di una sfortunata foratura. Ormai è solo in attesa della Mercedes nel 2022.

Latifi: 5
Continua a lavorare bene, confermandosi concreto. Inferiore, senza sfigurare, ai danni di Russell. Con la macchina che ha a disposizione, poco può fare. Alla fine è battuto, come sempre, da Russell. Non solo, ma è anche out, causa foratura all'anteriore sinistra, a pochi giri dalla fine.

]]>
Mon, 22 Nov 2021 16:35:01 +0000 https://www.formula1.it/news/7712/1/gp-qatar-le-pagelle http://www.formula1.it/admin/foto/gp-qatar-le-pagelle-7712-1.jpg
Hamilton, in Arabia torna il motore (più potente) utilizzato in Brasile https://www.formula1.it/news/7714/1/hamilton-in-arabia-torna-il-motore-piu-potente-utilizzato-in-brasile Con le vittorie prima in Brasile e poi in Qatar, Lewis Hamilton si è portato a soli otto punti dal leader della classifica Max Verstappen. La sua Mercedes numero 44, nel corso degli ultimi due appuntamenti del mondiale, ha dimostrato di avere una marcia in più rispetto a tutte le altre auto. Staremo a vedere se continuerà a volare. Quel che è certo, ad oggi, è che il sette volte campione del mondo ripartirà dall'Arabia Saudita utilizzando la power unit già adoperata ad Interlagos, quella, per intenderci, dotata del nuovo motore termico. Lo ha annunciato Andrew Shovlin, responsabile degli ingegneri di pista del team di Brackley. Sul circuito cittadino di Jeddah, scenario ricco di rettilinei, potrebbe rivelarsi un gran vantaggio.

Hamilton in Arabia Saudita con la PU 'brasiliana'

Ecco le parole di Andrew Shovlin riguardo la vicenda:

“Stiamo alternando due motori. Qui (in Qatar, ndr) abbiamo deciso di adottare quello meno potente vista la natura del tracciato. Le ultime gare hanno visto alcuni tracciati favorevoli a noi ed altri no, ma se guardo alla pista di Jeddah credo che la nostra vettura dovrebbe adattarsi bene al tracciato. Inoltre daremo a Lewis il motore più potente e credo che questo sarà utile. Il circuito dell’Arabi Saudita dovrebbe sposarsi al meglio con le caratteristiche della nostra monoposto".

Poi, Shovlin, come giusto che sia, ha messo le mani avanti:

"Ma avevamo pensato la stessa cosa prima di Austin e poi non siamo stati in grado di trovare un set up decente per lottare contro la Red Bull. Dobbiamo essere molto cauti nel pensare di essere favoriti. Dovremo avere un assetto perfetto per riuscire a sfruttare al massimo le gomme. Questo sarà il nostro impegno per i prossimi giorni per fare in modo di arrivare a Jeddah al massimo della condizione".

]]>
Mon, 22 Nov 2021 16:14:49 +0000 https://www.formula1.it/news/7714/1/hamilton-in-arabia-torna-il-motore-piu-potente-utilizzato-in-brasile http://www.formula1.it/admin/foto/hamilton-in-arabia-torna-il-motore-piu-potente-utilizzato-in-brasile-7714-1.jpg
Ralf Schumacher lancia Hamilton: Verstappen non ha alcuna possibilità. E la Mercedes... https://www.formula1.it/news/7713/1/ralf-schumacher-lancia-hamilton-verstappen-non-ha-alcuna-possibilita-e-la-mercedes Il primo Gran Premio del Qatar se l'è aggiudicato Lewis Hamilton a bordo della sua Mercedes numero 44. Il britannico, dopo aver dominato il sabato di qualifiche, si è ripetuto anche in gara, precedendo al traguardo il suo rivale per il titolo Max Verstappen. L'olandese, ad oggi, è ancora il leader della classifica piloti in virtù degli otto punti di vantaggio sul campione uscente. Un distacco che, tuttavia, secondo Ralf Schumacher è destinato ad estinguersi molto presto se non avverranno colpi di scena.

La sentenza di Ralf Schumacher

L'ex pilota tedesco della Williams, nonché fratello di Michael Schumacher, ha detto la sua sulla battaglia per il campionato piloti, sottolineando come gli exploit in Brasile e in Qatar proiettino adesso Lewis Hamilton verso il suo ottavo titolo mondiale. Ecco le dichiarazioni:

"Max dà tutto e dimostra quanto è bravo, ma in circostanze normali non ha alcuna possibilità. Abbiamo visto anche qui (in Qatar, ndr) che la Mercedes è piuttosto veloce, e non ha bisogno di andare oltre il regolamento come sospetta la Red Bull. Ad ogni modo, non do per scontato che qualsiasi squadra disobbedisca intenzionalmente alle regole. Se lo fai, si accetta il rischio di esplorare zone molto grigie, e qualcosa può sempre andare storto".

]]>
Mon, 22 Nov 2021 15:53:50 +0000 https://www.formula1.it/news/7713/1/ralf-schumacher-lancia-hamilton-verstappen-non-ha-alcuna-possibilita-e-la-mercedes http://www.formula1.it/admin/foto/ralf-schumacher-lancia-hamilton-verstappen-non-ha-alcuna-possibilita-e-la-mercedes-7713-1.jpg
Bottas: La mia Mercedes inferiore a quella di Hamilton. Non posso fornire dettagli https://www.formula1.it/news/7711/1/bottas-la-mia-mercedes-inferiore-a-quella-di-hamilton-non-posso-fornire-dettagli È stato un Gp sfortunato quello del Qatar per Valtteri Bottas. Il filandese, partito dalla sesta piazza a causa di una penalità, ha dovuto ritirasi al giro 51 in seguito ai danni riportati dalla sua Mercedes per la foratura di un pneumatico. Ma la sua prova, fino a quel momento, era stata comunque altalenante. Questo, secondo lo stesso pilota, potrebbe essere dipeso da un particolare fattore. Di seguito le dichiarazioni.

Le parole di Bottas

Valtteri Bottas, al termine della gara, si è mostrato dispiaciuto in conferenza stampa, affermando: "Ovviamente è stata una giornata molto deludente per me. Il ritiro è un modo difficile per concludere il weekend. All’improvviso, ho avuto una foratura senza alcuna vibrazione o avvertimento. Sapevamo che stavamo spingendo al limite la gomma, ma mi sentivo ancora a mio agio e potevo ancora lottare per il podio. Purtroppo il problema è capitato molto lontano dai box e macchina si è danneggiata così tanto che abbiamo pensato che fosse più sicuro ritirarsi e risparmiare il chilometraggio del motore".

Ma è qualche minuto più tardi che il pilota ha lanciato la vera "bomba" ai microfoni del giornale finlandese Ilta Sanomat:

"Ho scoperto il motivo alla base della mia prestazione, ma non posso fornire dettagli. Di sicuro la mia macchina non era la stessa, così come non era allo stesso livello di quella di Lewis (Hamilton, ndr). C’erano piccole differenze tra le due".

Non si è ancora capito, tuttavia, a cosa si riferisse Valtteri Bottas. Anche perché il prossimo pilota dell'Alfa Romeo Racing ha avuto una maggiore velocità di punta in gara rispetto ad Hamilton. Staremo a vedere se arriveranno precisazioni.

]]>
Mon, 22 Nov 2021 11:28:28 +0000 https://www.formula1.it/news/7711/1/bottas-la-mia-mercedes-inferiore-a-quella-di-hamilton-non-posso-fornire-dettagli http://www.formula1.it/admin/foto/bottas-7711-1.jpg
Red Bull, Horner 'ammonito' dalla FIA: scuse e particolare proposta per la pace definitva https://www.formula1.it/news/7710/1/red-bull-horner-ammonito-dalla-fia-scuse-e-particolare-proposta-per-la-pace-definitva Quando siamo ormai a due gare dalla fine del mondiale, è altissima la tensione nel circus. Mercedes e Red Bull sono praticamente appaiate al vertice della classifica costruttori, così come lo sono Max Verstappen e Lewis Hamilton in quella piloti (l'olandese ha otto punti di vantaggio). Il Gran Premio del Qatar, andato ieri in scena sul circuito di Losail, ha visto trionfare il sette volte campione britannico anche in virtù di una penalità comminata al rampollo della scuderia di Milton Keynes per aver ignorato il regime di doppie bandiere gialle nella giornata di sabato. L'episodio, infatti, è costato a Max cinque posizioni sulla griglia di partenza: un duro smacco da digerire, soprattutto considerato il ritmo della Mercedes numero 44 nel corso delle qualifiche.

Nel pre-gara, Christian Horner, a dimostrazione di non aver per nulla gradito la penalizzazione, aveva rilasciato le seguenti dichiarazioni: "Il marshall che ha sventolato la doppia gialla lo ha fatto in maniera autonoma, senza indicazione da parte della Direzione Gara. La Federazione dovrebbe avere più controllo sui commissari a bordo pista e istruirli meglio". Le parole del dirigente della Red Bull, dunque, non erano sfuggite alla FIA che, in base agli articoli 12.2.1 (f) e 12.2.1 (k) del regolamento sportivo, lo aveva convocato a comparire dinanzi agli steward. Conseguenza? Un ammonizione, seguita dalle scuse e da una particolare proposta avanzata dallo stesso Horner. Di seguito i dettagli della vicenda.

Le scuse di Horner

"Alcuni commenti erano stati fatti a caldo, subito dopo la penalizzazione di Max. Voglio chiarire che i Marshall fanno un lavoro meraviglioso e importante. E la mia frustrazione emersa prima della gara non era contro i commissari, ma per la circostanza. Quindi, se una persona si è offesa, ovviamente me ne scuso. Ma era frustrante ritrovarsi nella situazione che abbiamo vissuto. Una monoposto è passata e ha trovato una singola bandiera gialle e quella dopo si è vista esporre una doppia bandiera gialla. Dico, quindi, che non c’è coerenza. Possiamo imparare da questo episodio".

Il comunicato della FIA

"Horner ha affermato che la sua reazione ha avuto luogo in un momento di pressione, in seguito alla penalità comminata al pilota della vettura numero 33. Gli stewards hanno specificato che il commissario di pista in questione stava svolgendo il suo lavoro perfettamente, nella maniera indicata dal Codice Sportivo Internazionale. Horner si è offerto di chiedere scusa al marshal e ha spiegato ai media che il suo intento non era offensivo. Inoltre, si è offerto di partecipare all’International Stewards Programme della FIA che si terrà ad inizio febbraio 2022. I commissari accettano senza riserve la proposta di Horner".

]]>
Mon, 22 Nov 2021 10:14:17 +0000 https://www.formula1.it/news/7710/1/red-bull-horner-ammonito-dalla-fia-scuse-e-particolare-proposta-per-la-pace-definitva http://www.formula1.it/admin/foto/red-bull-horner-ammonito-dalla-fia-scuse-e-particolare-proposta-per-la-pace-definitva-7710-1.jpg
Leclerc: Sorpreso dalla velocità di Alpine e Alpha Tauri https://www.formula1.it/news/7709/1/leclerc-sorpreso-dalla-velocita-di-alpine-e-alpha-tauri Charles Leclerc è sceso in pista in Qatar con un telaio nuovo dopo il problema avuto in qualifica, che lo ha portato a scattare solo dalla tredicesima posizione in griglia. Alla fine il monegasco ha rimontato fino all'ottavo posto, chiudendo alle spalle del compagno di scuderia Carlos Sainz, un risultato che non lo può fare felice fino in fondo. Il pilota monegasco della Ferrari ha rilasciato alcune dichiarazioni nel post gara.

Leclerc sul GP del Qatar

“Non c’è da essere contentissimo dopo un ottavo posto. Però se guardiamo nel dettaglio considerando anche il passo che ho avuto sabato, il passo in gara con le hard quando ero solo era molto buono. Dunque su quello sono abbastanza contento. Però dovremo lavorare per capire esattamente cosa è successo sul telaio in qualifica, perché il feeling era molto meglio oggi. Credo che il distacco da Mercedes e Red Bull sia stato più o meno quello che ci aspettavamo, però è stata una sorpresa vedere altri team ‘medi’ come l’Alpine e l’Alpha Tauri che andavano così forte. Quella è stata una brutta sorpresa e dovremo capire perché è successo”.

]]>
Sun, 21 Nov 2021 19:50:12 +0000 https://www.formula1.it/news/7709/1/leclerc-sorpreso-dalla-velocita-di-alpine-e-alpha-tauri http://www.formula1.it/admin/foto/leclerc-sorpreso-dalla-velocita-di-alpine-e-alpha-tauri-7709-2.jpg
Chi è Oscar Piastri, la giovane promessa di casa Alpine https://www.formula1.it/news/7692/1/chi-e-oscar-piastri-la-giovane-promessa-di-casa-alpine Negli scorsi giorni è stato annunciato dall'Alpine come pilota di riserva per il 2022. Attualmente è in testa alla classifica del campionato di Formula 2 che sta disputando con il team Prema Racing. Ma chi è nel dettaglio Oscar Piastri? Scopriamolo assieme.

Chi è Oscar Piastri

Oscar Piastri è nato il 6 aprile 2001 a Melbourne, in Australia. Nel 2011, all'età di dieci anni, ha iniziato a fare le prime esperienze a bordo dei Kart e dal 2014 ha cominciato a gareggiare, vincendo anche vari titoli locali. Poi, alla fine del 2016 è stato ingaggiato dal team Dragon per competere in Formula 4 UAE, campionato dove Oscar è riuscito a piazzarsi all'ottavo posto. Grazie a tali ottime prestazioni, è stato notato da Arden International, team di Christian Horner, con il quale nel 2017 ha fatto il suo esordio nel campionato britannico di F4. Bottino? Sei gare vinte e secondo posto in classifica finale. Nel 2018, sempre con Arden, Piastri ha fatto il suo debutto in Formula Renault Eurocup, piazzandosi ottavo della graduatoria generale. Contemporaneamente ha disputato anche alcune gare da Wild card nella Formula Renault NEC. Nel 2019, invece, è passato al team R-ace GP, col quale ha vinto la categoria, con sette successi. Quindi, nel 2020 è passato alla Prema per il Campionato di Formula 3. Ha vinto la gara al debutto, in Austria, per poi ripetersi in Gara 2 in Spagna: risultati che gli sono valsi il titolo di campione con soli tre punti di vantaggio su Théo Pourchaire e quattro sul compagno di scuderia Logan Sargeant. Successivamente, ad inizio dicembre 2020, Prema ha ufficializzato il suo passaggio nel team di Formula 2 per la stagione 2021. Nella Sprint Race 2 del GP in Bahrain ha conquistato la sua prima vittoria in categoria. Poi è tornato al podio il weekend successivo con due secondi posti nelle gare di Monaco. Nella Feature Race di Baku è arrivato secondo dietro il pilota estone, Jüri Vips. Dopo il terzo posto nella Feature Race di Silverstone, è tornato alla vittoria nella Feature Race di Monza. A Sochi in Russia, ha ottenuto la sua terza Pole position di fila, partito in testa ha dominato la Feature Race e ha vinto davanti a Théo Pourchaire. Oggi, quando mancano solo gli appuntamenti di Jeddah e Yas island, Piastri guida la classifica piloti con 178 punti, 36 in più di Guanyu Zhou che lo insegue.

L'Alpine avrà fatto la scelta giusta a promuoverlo come terzo pilota? Sarà lui la nuova stella della casa per il dopo Alonso? L'arda sentenza alla pista.

]]>
Sun, 21 Nov 2021 19:41:00 +0000 https://www.formula1.it/news/7692/1/chi-e-oscar-piastri-la-giovane-promessa-di-casa-alpine http://www.formula1.it/admin/foto/chi-e-oscar-piastri-7692-1.jpg
Gp Qatar - Le dichiarazioni dei protagonisti https://www.formula1.it/news/7708/1/gp-qatar-le-dichiarazioni-dei-protagonisti Lewis Hamilton

"È stata una gara piuttosto semplice alla fine ed è stato un grande lavoro da parte della squadra perché avevamo davvero bisogno di punti oggi. Ottenere vittorie back-to-back è una grande sensazione e ci prepara bene per le ultime due gare".

Max Verstappen

"Per fortuna abbiamo avuto una partenza davvero buona. Alla fine della giornata ottenere il giro più veloce è stato molto bello

Fernando Alonso

"Sono passati sette anni ma finalmente ci siamo arrivati sul podio! Sono così felice per la squadra. La squadra è stata eccellente e l'affidabilità della macchina è grande al momento. Ho aspettato così tanto per questo e sono così felice!".

]]>
Sun, 21 Nov 2021 17:09:48 +0000 https://www.formula1.it/news/7708/1/gp-qatar-le-dichiarazioni-dei-protagonisti http://www.formula1.it/admin/foto/gp-qatar-le-dichiarazioni-dei-protagonisti-7708-1.jpg
Gp Qatar - Gara - Lewis Hamilton vince https://www.formula1.it/news/7707/1/gp-qatar-gara-lewis-hamilton-vince Inarrestabile Lewis Hamilton che crede ancora nella possibilità di vincere il Campionato del Mondo e con la seconda vittoria consecutiva accorcia ancora il suo distacco da Max Verstappen, adesso ridotto a soli 8 punti. Se Lewis dovesse vincere il prossimo Gp con Verstappen alle sue spalle, i due arriverebbero all'ultimo evento del Mondiale a pari punti. Un Mondiale straordinario.

Ma oggi i fari sono puntati anche su un altro Campione del Mondo, Fernando Alonso che guadagna il podio dopo 7 anni di assenza. Una gara straordinaria la sua in cui parte benissimo, e poi si tiene dietro tutti tranne Bottas (che poi però fora ed è costretto al ritiro). 

Decisamente anonime le Ferrari, perse in un primo stint molto lungo che dopo il cambio gomme porta Sainz alle spalle anche di Stroll. La giornata è positiva solo grazie alla sfortuna della McLaren che vede Norris costretto a rientrare ai box a 5 giri dalla fine a causa di una foratura e Ricciardo finire fuori dalla zona punti. Ma oggi prestazionalmente la Ferrari era la quinta monoposto in pista.

Cronaca del Gp del Qatar 2021

Il Gp del Qatar non è neanche iniziato che arrivano i primi colpi di scena.
Alle 13 arriva la comunicazione che Verstappen sarà penalizzato di 5 posizioni in griglia per aver ignorato le doppie bandiere gialle nell'ultimo microsettore del suo giro veloce nel Q3 di ieri, mentre Bottas viene penalizzato di 3 posizioni in griglia per lo stesso motivo (ma solo 1 bandiera gialla).
Accanto ad Hamilton (gomma gialla) partirà quindi Gasly (rossa) con dietro Alonso (rossa), Norris (rossa) e Sainz (gialla). Verstappen (gialla) in P7 e Bottas (gialla) in P6
Temperatura della pista 31 gradi, temperatura dell'aria 26 gradi. La pista è leggermente più calda delle qualifiche di ieri ma andrà raffreddandosi perchè in Qatar sta calando il sole.

Al via ottima partenza di Verstappen che conquista subito la quarta posizione, bene anche Alonso che supera Gasly e prende momentaneamente la P2. Parte malissimo Bottas, che finisce in P11. Non bene anche Sainz che perde due posizioni.
Nei primi giri Hamilton allungando tantissimo. Oltre 2 secondi di vantaggio su Alonso con Verstappen ancora bloccato alle spalle di Gasly.

Verstappen si accende di colpo ed in due giri supera prima Gasly e poi Alonso e si mette in scia di Hamilton che però ha già 4 secondi di vantaggio sul pilota Red Bull.
Nelle retrovie Leclerc supera Raikkonen e conquista la P12, mentre Perez viene attaccato più volte da Perez che alla fine gli prende la posizione (P7).
Anche Bottas, sollecitato aspramente via radio da Wolff, si accende di colpa e supera velocemente sia Tsunoda che Stroll arrivando in P9.
Al giro 14 Gasly è già in difficoltà con le gomme (partiva con le rosse) ed è costretto ad una sosta anticipata. Rientra in pista in P19.
Perez e Bottas intanto continuano la loro rimonta ed al giro 17 si trovano in P4 e P6.

La Red Bull decide di richiamare ai box Verstappen nel momento in cui il pilota olandese ha margine per fare la sosta e rientrare in pista sempre davanti ad Alonso. Nel giro successivo la Mercedes decide di coprirsi dalla strategia di Red Bull e richiama Hamilton ai box, che rientra in pista con gli stessi 10 secondi di vantaggio su Verstappen.

A circa metà gara il turno delle soste è determinato anche da chi tenta di gestire le gomme e tenterà di effettuare una sola sosta ed i piloti che invece sono partiti con gomma rossa e che sono costretti a fare una sosta anticipata. Dopo la prima sosta le due Ferrari sono in P10 e P12.

Al giro 34 un piccolo colpo di scena: foratura per Bottas che perde diverse posizioni. Bottas non era ancora rientrato ai box per la sua sosta. 33 giri con gomma media sono evidentemente troppi.

Al giro 45 è nuovamente Verstappen a fermarsi per primo nel gruppetto di testa. Lo segue immediatamente Hamilton. Entrambi montano gomma gialla nuova per l'ultimo stint.

Al giro 51 arriva inaspettato il ritiro per Valtteri Bottas. 

Al giro 52 una dopo l'altra si segnalano le forature per i due piloti Williams, prima Russell e poi Latifi che è costretto a posteggiare la sua monoposto a bordo pista in un punto non sicuro tanto che a due giri dalla fine viene attivata la VSC.

La gara finisce praticamente qui, con la seconda vittoria consecutiva per Lewis Hamilton che accorcia sul rivale Max Verstappen in classifica ed affronterà le ultime due gare con soli 8 punti di ritardo. Bellissimo podio di Fernando Alonso dopo ben 7 anni. Anonime le Ferrari che si avvantaggiano solo della sfortuna della Mclaren (foratura per Norris a pochi giri dalla fine).

]]>
Sun, 21 Nov 2021 16:03:50 +0000 https://www.formula1.it/news/7707/1/gp-qatar-gara-lewis-hamilton-vince http://www.formula1.it/admin/foto/gp-qatar-gara-lewis-hamilton-vince-7707-1.jpg
UFFICIALE - 5 posizioni di penalizzazione per Verstappen https://www.formula1.it/news/7706/1/ufficiale-5-posizioni-di-penalizzazione-per-verstappen Dopo Bottas, anche il pilota olandese della Red Bull è stato penalizzato per aver ignorato le doppie bandiere gialle durante il suo ultimo giro nelle Q3 di ieri.

Per il pilota Red Bull la penalizzazione è stata più dura rispetto a quella di Bottas (3 posizioni in griglia), perché a Verstappen sono state mostrate doppie bandiere gialle nel suo ultimo microsettore. 

Verstappen si posizionerà quindi sulla casella P7 della griglia di partenza oggi. 

La prima fila vede quindi Hamilton in Pole Position, al suo fianco Pierre Gasly. Dietro di loro Alonso e Norris.

Partenza del Gp alle 15.00 ore locali, saranno scintille.

]]>
Sun, 21 Nov 2021 13:28:21 +0000 https://www.formula1.it/news/7706/1/ufficiale-5-posizioni-di-penalizzazione-per-verstappen http://www.formula1.it/admin/foto/ufficiale-5-posizioni-di-penalizzazione-per-verstappen-7706-1.jpg
UFFICIALE - 3 posizioni di penalizzazione per Bottas https://www.formula1.it/news/7705/1/ufficiale-3-posizioni-di-penalizzazione-per-bottas Il finlandese della Mercedes penalizzato per aver ignorato le bandiere gialle nell’ultimo giro in Q3 di ieri.

I commissari dopo aver ascoltato il pilota hanno deciso di combinare la sanzione. Oggi quindi Bottas partirà dalla sesta posizione dopo essersi qualificato in P3 ieri.

Combinate 5 posizioni di penalizzazione in griglia per Verstappen, mentre nessuna sanzione per Sainz.

]]>
Sun, 21 Nov 2021 13:22:35 +0000 https://www.formula1.it/news/7705/1/ufficiale-3-posizioni-di-penalizzazione-per-bottas http://www.formula1.it/admin/foto/ufficiale-3-posizioni-di-penalizzazione-per-bottas-7705-1.jpg
Vasseur difende la scelta Zhou: L'aspetto economico ha avuto peso, ma lui è sottovalutato https://www.formula1.it/news/7699/1/vasseur-difende-la-scelta-zhou-l-aspetto-economico-ha-avuto-peso-ma-lui-e-sottovalutato Martedì è giunta l'ufficialità, peraltro non inaspettata, che Antonio Giovinazzi lascerà l'Alfa Romeo Racing al termine della stagione per far spazio al cinese Guanyu Zhou, attualmente impegnato nel campionato di Formula 2. Tale decisione presa dalla casa di Hinwil non ha, per così dire, entusiasmato gli amanti della Formula 1 (non solo quelli italiani), perché è abbastanza palese che l'ingaggio del giovane pilota asiatico sia avvenuto soprattutto a scopi comerciali e non puramente per meriti sportivi. Frederic Vasseur, team principal della scuderia, ha voluto difendersi dalle tantissime critiche provenienti dal mondo degli appassionati.

La difesa di Vasseur

Ecco quanto dichiarato da Vasseur ai microfoni ufficiali del circus:

"Per quanto riguarda il fatto che il motorsport sia guidato dagli sponsor, non è una novità. Ogni singola squadra sulla griglia ha sponsor, finanziamenti e dobbiamo fare i conti con questo. Ma abbiamo tutti lo stesso obiettivo che alla fine è quello di centrare gli obiettivi. Fa parte del lavoro. Il primo criterio è la performance che porta alla squadra. L’aspetto finanziario ha fatto sicuramente parte della decisione ed è sempre stato chiaro questo, perché vogliamo arrivare al limite dei costi. Questo è il modo migliore per noi di essere performanti, ma non è l’unico. Zhou sta facendo un buon lavoro in F2. Tutti stanno sottovalutando il livello di prestazioni e il lavoro fatto da lui in questa stagione. La durata del contratto? Ci aspettiamo di avere una collaborazione a lungo termine".

]]>
Sun, 21 Nov 2021 12:00:00 +0000 https://www.formula1.it/news/7699/1/vasseur-difende-la-scelta-zhou-l-aspetto-economico-ha-avuto-peso-ma-lui-e-sottovalutato http://www.formula1.it/admin/foto/vasseur-difende-la-scelta-zhou-l-aspetto-economico-ha-avuto-peso-ma-lui-e-sottovalutato-7699-1.jpg
Miracolo Ferrari, Leclerc evita la penalità: sostituito in tempo il telaio della sua SF21 https://www.formula1.it/news/7704/1/miracolo-ferrari-leclerc-evita-la-penalita-sostituito-in-tempo-il-telaio-della-sua-sf21 Charles Leclerc potrà partire regolarmente dalla tredicesima posizione nella griglia di partenza del GP del Qatar perché i meccanici della Ferrari sono riusciti a fare un autentico miracolo: la SF21 del monegasco attualmente è sotto al telo che copre tutte le monoposto che sono in regime di parco chiuso nel paddock.

Leclerc evita la penalità

Lo staff del Cavallino è riuscito a rispettare il coprifuoco, per cui Leclerc non sarà obbligato a schierarsi dalla pit-lane. È una buona notizia, dopo che ieri, a seguito delle qualifiche deludenti di Charles i tecnici avevano individuato una crepa nel telaio a causa di una violenta scordolata in Q1. Nel time-attack di ieri Charles non era andato oltre il tredicesimo tempo. Una prestazione incolore, specie se rapportata a quella di Sainz (settimo). Dubbi e perplessità albergavano nell’animo del ragazzo del Principato perchè incapace di spiegarsi cosa fosse accaduto. Successivamente, i controlli effettuati sulla SF21 hanno evidenziato una lesione del telaio, probabilmente provocata dal forte urto contro un cordolo, che non ha permesso a Leclerc di massimizzare la propria prestazione come avrebbe voluto.

]]>
Sun, 21 Nov 2021 11:30:00 +0000 https://www.formula1.it/news/7704/1/miracolo-ferrari-leclerc-evita-la-penalita-sostituito-in-tempo-il-telaio-della-sua-sf21 http://www.formula1.it/admin/foto/miracolo-ferrari-leclerc-evita-la-penalita-sostituito-in-tempo-il-telaio-della-sua-sf21-7704-1.jpg
Verstappen alle 11 dai commissari, rischia tre posti in griglia: il motivo https://www.formula1.it/news/7703/1/verstappen-alle-11-dai-commissari-rischia-tre-posti-in-griglia-il-motivo Sotto le luci artificiali di Losail è stato Lewis Hamilton a far brillare la sua Mercedes rifilando uno schiaffo importante a tutti, ma soprattutto a Max Verstappen. L’olandese della Red Bull non solo si è preso mezzo secondo, ma sulla sua seconda posizione è ancora giallo per non aver rallentato in regime della doppia bandiera gialla causata a fine sessione dalla foratura della gomma di Gasly. Convocato dai commissari in mattinata rischi per lui sono due: la cancellazione del tempo che lo confermerebbe comunque al secondo posto o dalle 3 alle 5 posizioni di penalità in griglia. E il copione di questa terz’ultima gara dell’anno cambierebbe radicalmente.

Oltre a Verstappen rischiano una penalità in griglia anche Sainz e Bottas

Ma l’olandese non è l’unico chiamato a comparire davanti ai giudici: anche Sainz che ha il settimo tempo e Bottas il terzo, ma per loro il richiamo è legato a una singola gialla quindi con eventuali pene meno severe ovviamente. Fuori pista è mancata la reazione repentina dei commissari, in qualifica quella di big come Perez, Leclerc e Ricciardo eliminati addirittura in Q2. Sul telaio del Ferrarista però si è trovata poi una crepa per un passaggio sul cordolo, che ha costretto la squadra a sostituirlo. Rispettando tempi e modalità del coprifuoco imposti dalla federazione Leclerc partirà comunque tredicesimo e con una missione difficile. Aspettando le decisioni dei giudici per Ferrari e McLaren è per ora finita in parità. Gasly e Alonso son comunque davanti, Norris è sesto e Sainz settimo ma con il jolly delle medie ai piedi. Quanto importante lo si capirà solo in gara.

]]>
Sun, 21 Nov 2021 09:45:00 +0000 https://www.formula1.it/news/7703/1/verstappen-alle-11-dai-commissari-rischia-tre-posti-in-griglia-il-motivo http://www.formula1.it/admin/foto/verstappen-alle-11-dai-commissari-rischia-tre-posti-in-griglia-il-motivo-7703-1.jpg
Verstappen messo sotto investigazione dai commissari per violazione: il fatto https://www.formula1.it/news/7702/1/verstappen-messo-sotto-investigazione-dai-commissari-per-violazione-il-fatto Verstappen in Q3 stava provando a tagliare fuori Lewis Hamilton dalla pole position e lo ha fatto proprio quando Pierre Gasly si ferma sul rettilineo del traguardo. Dopo aver urtato un cordolo che ha gli ha strappato l'ala anteriore dell'AlphaTauri, il pilota francese fora la gomma anteriore destra. Verstappen evidentemente non si rende conto e passa, forse colpevolmente, una serie di bandiere gialle che sventolano alla sua sinistra. Il tutto prima di completare il suo giro. Le regole della F1 sulle bandiere gialle sono molto rigide e in circostanze simili i piloti devono abbandonare la ricerca del giro veloce quando c'è il doppio sventolio. Il pilota olandese ha migliorato il suo tempo sul giro con le bandiere esposte, e proprio per questo motivo è arrivata la convocazione dai commissari.

Oltre a Verstappen saranno sentiti dai commissari per lo stesso motivo anche Valtteri Bottas e Carlos Sainz.

]]>
Sat, 20 Nov 2021 19:53:23 +0000 https://www.formula1.it/news/7702/1/verstappen-messo-sotto-investigazione-dai-commissari-per-violazione-il-fatto http://www.formula1.it/admin/foto/verstappen-messo-sotto-investigazione-dai-commissari-per-violazione-il-fatto-7702-1.jpg
Gasly perde l'ala anteriore durante l'ultimo giro: E' stato scioccante https://www.formula1.it/news/7701/1/gasly-perde-l-ala-anteriore-durante-l-ultimo-giro-e-stato-scioccante l pilota dell’AlphaTauri Pierre Gasly ha chiuso la qualifica in quarta posizione, ma durante l'ultimo giro, poco prima del rettilineo, ha perso l'ala anteriore che nel rompersi ha forato una gomma. Le sue parole lasciano trasparire tutta la paura che ha provato mentre si stava compiendo l'imprevisto: "E' scioccante perdere l'ala anteriore sul giro della pole position ma va bene così. Il giro? Stava venendo bene, avevo un decimo e mezzo di vantaggio, ma allla fine abbiamo chiuso quarti. Dico che possiamo ritenerci soddisfatti. Domani comuque farò del mio meglio. Siamo realisti ma se c'è la possibilità vogliamo lottare contro le Mercedes". 

]]>
Sat, 20 Nov 2021 18:53:47 +0000 https://www.formula1.it/news/7701/1/gasly-perde-l-ala-anteriore-durante-l-ultimo-giro-e-stato-scioccante http://www.formula1.it/admin/foto/gasly-perde-l-ala-anteriore-durante-l-ultimo-giro-e-stato-scioccante-7701-1.jpg
GP Qatar - Qualifiche - Hamilton è un fulmine: Pole Position storica. Max secondo. Disastro Ferrari https://www.formula1.it/news/7700/1/gp-qatar-qualifiche-hamilton-e-un-fulmine-pole-position-storica-max-secondo-disastro-ferrari 1:20.827 ed è Pole Position per Lewis Hamilton nella prima qualifica della storia a Losail. Il sette volte campione del mondo è stato il prostagonista assoluto del sabato, facendo registrare il miglior tempo nel Q1, nel Q2 e, infine, nel Q3. Partirà lui avanti a tutti nel Gp del Qatar. Ha un altro passo la Mercedes numero 44, lo si evince dal quasi mezzo secondo che il britannico ha dato al grande rivale Max Verstappen, che scatterà dietro di lui. Terzo Valtteri Bottas. Grande prova di Pierre Gasly, che ha ottenuto il quarto tempo. Solo settimo Carlos Sainz. Malissimo Sergio Perez, Charles Leclerc e Daniel Ricciardo, che non sono riusciti ad agguantare il Q3 ed ora partiranno molto indientro. Clamoroso, soprattutto, il caso del messicano della Red Bull. Il monegasco della Ferrari, invece, è la quarta volta che non ha centrato il Q3 in questo 2021. Nessuna "novità" nelle retrovie, con Raikkonen, Latifi, Giovinazzi, Schumacher e Mazepin eliminati già nel Q1. 

GP Qatar, i risultati delle Qualifiche


1) Hamilton (Mercedes) 1'20"827

2) Verstappen (Red Bull) 1'21"282

3) Bottas (Mercedes) 1'21"478

4) Gasly (AlphaTauri) 1'21"640

5) Alonso (Alpine) 1'21"670

6) Norris (McLaren) 1'21"731

7) Sainz (Ferrari) 1'21"840

8) Tsunoda (AlphaTauri) 1'21"881

9) Ocon (Alpine) 1'22"028

10) Vettel (Aston Martin) 1'22"785

11) Perez (Red Bull)

12) Stroll (Aston Martin)

13) Leclerc (Ferrari)

14) Ricciardo (McLaren)

15) Russell (Williams)

16) Raikkonen (Alfa)

17) Latifi (Williams)

18) Giovinazzi (Alfa)

19) Mick Schumacher (Haas)

20) Mazepin (Haas)

]]>
Sat, 20 Nov 2021 16:00:00 +0000 https://www.formula1.it/news/7700/1/gp-qatar-qualifiche-hamilton-e-un-fulmine-pole-position-storica-max-secondo-disastro-ferrari http://www.formula1.it/admin/foto/gp-qatar-qualifiche--7700-1.jpg
Marko rincara la dose: Revisione? Tentativo Mercedes stupido e inutile. Ho capito una cosa https://www.formula1.it/news/7698/1/marko-rincara-la-dose-revisione-tentativo-mercedes-stupido-e-inutile-ho-capito-una-cosa Ancora frecciate da casa Red Bull ad indirizzo della Mercedes. Dopo le dichiarazioni di Christian Horner su Toto WolffHelmut Marko getta altra benzina su un fuoco che, per la verità, non aveva bisogno di essere alimentato perché già bello vivo. Il consigliere della scuderia di Milton Keynes ha dichiarato di non aver gradito (usando un eufemismo) il tentativo di ricorso degli avversari per quanto accaduto tra Max Verstappen e Lewis Hamilton in Brasile. Il dirigente austriaco, inoltre, ha "ironizzato" su quello che secondo lui accadrà da qui sino al termine della stagione. Di seguito le sue parole.

Le parole di Marko

Queste le dichiarazioni rilasciato da Helmut Marko ai microfoni di Servus Tv:

"Ricorso Mercedes? Tutto si è risolto in un nulla di fatto, come ci aspettavamo. Era chiaro che la richiesta di revisione era stupida e inutile. Per il team è stato noioso, perché gli ingegneri invece di pensare a come rendere la macchina più veloce, hanno dovuto preparare i documenti per questa vicenda. Da quanto ho capito in Brasile, ora la Mercedes si lamenterà di qualsiasi cosa, anche di un nastro che penderà dall’auto".

]]>
Sat, 20 Nov 2021 13:29:09 +0000 https://www.formula1.it/news/7698/1/marko-rincara-la-dose-revisione-tentativo-mercedes-stupido-e-inutile-ho-capito-una-cosa http://www.formula1.it/admin/foto/red-bull-marko-rincara-la-dose--7698-1.jpg
GP Qatar, i risultati della FP3: le due Mercedes davanti a Verstappen. Risalgono le Ferrari https://www.formula1.it/news/7697/1/gp-qatar-i-risultati-della-fp3-le-due-mercedes-davanti-a-verstappen-risalgono-le-ferrari Valtteri Bottas ha firmato il miglior tempo nelle prove libere 3 del GP del Qatar 2021. Il finlandese ha ottenuto il miglior tempo in 1:22.310 e ha preceduto di 78 millesimi il compagno di squadra Lewis Hamilton. Doppietta delle Mercedes che infliggono distacchi pesanti alle Red Bull. Max Verstappen è terzo a 0.341, Sergio Perez è quinto a 0.536. Il leader del campionato, che vanta 14 punti di vantaggio su Hamilton, dovrà reagire nel time attack. Quarta piazza per Pierre Gasly su AlphaTauri. Giornata ancora complicata per le Ferrari: Carlos Sainz è sesto a 0.738, Charles Leclerc è nono a 0.966.

GP Qatar, i risultati della FP3

1 Valtteri BOTTAS Mercedes 1:22.310
2 Lewis Hamilton Mercedes +0.078
3 Max VERSTAPPEN Red Bull Racing +0.341
4 Pierre Gasly AlphaTauri +0.525
5 Sergio Perez Red Bull Racing +0.536
6 Carlos Sainz Ferrari +0.738
7 Fernando Alonso Alpine +0.876
8 Esteban Ocon Alpine +0.899
9 Charles Leclerc Ferrari +0.966
10 Yuki Tsunoda AlphaTauri +1.257
11 Daniel Ricciardo McLaren +1.401
12 Sebastian Vettel Aston Martin +1.574
13 Lando Norris McLaren +1.585
14 George Russell Williams +1.613
15 Lance Stroll Aston Martin +1.844
16 Kimi RÄIKKÖNEN Alfa Romeo Racing +1.936
17 Antonio Giovinazzi Alfa Romeo Racing +1.978
18 Nicholas Latifi Williams +2.189
19 Mick Schumacher Haas F1 Team +2.370
20 Nikita Mazepin Haas F1 Team- – 1

]]>
Sat, 20 Nov 2021 13:10:00 +0000 https://www.formula1.it/news/7697/1/gp-qatar-i-risultati-della-fp3-le-due-mercedes-davanti-a-verstappen-risalgono-le-ferrari http://www.formula1.it/admin/foto/gp-qatar-i-risultati-della-fp3-le-due-mercedes-davanti-a-verstappen-risalgono-le-ferrari-7697-1.jpg
Gp Qatar - Il circuito di Losail https://www.formula1.it/news/7696/1/gp-qatar-il-circuito-di-losail Gp del Qatar
Il Gran Premio del Qatar, al suo debutto nella massima serie automobilistica, si disputerà sul circuito di Losail, sito ad una ventina di chilometri da Doha, capitale dello stato asiatico.

Realizzato in appena un anno e costato 58 milioni di dollari, è stato inaugurato nel 2004 e da allora è sede di gare del Motomondiale e di Superbike, diventando dal 2007 gara di apertura del primo. In campo automobilistico nel 2009 ospitò una gara della GP2 Asia Series (per la cronaca una delle due gare fu vinta da Sergio Perez).

Il circuito è lungo 5.380 metri e conta 16 curve raccordate da brevi tratti rettilinei e un lungo rettifilo di 1.068 metri. Il tracciato è circondato da erba artificiale per limitare l'afflusso di sabbia dal vicino deserto. Una caratteristica di questo circuito è la possibilità di correre di notte, grazie ad un perfetto impianto di illuminazione. 

Il Gp del Qatar è stato inserito nel calendario 2021 di F1 in sostituzione dell’annullato Gp d’Australia. 

Per la cronaca, l’ultima volta che si disputò un Gp su un circuito inedito, Portimao 2020, fu un dominio di Lewis Hamilton che conquistò pole e vittoria, mentre l’ultima volta che fu introdotto un nuovo Gp, Azerbaigian 2017, la pole andò sempre al britannico mentre a vincere fu Daniel Ricciardo su Red Bull.

]]>
Sat, 20 Nov 2021 12:07:39 +0000 https://www.formula1.it/news/7696/1/gp-qatar-il-circuito-di-losail http://www.formula1.it/admin/foto/gp-qatar-il-circuito-di-losail-7696-1.jpg
Horner: Mai così tanta politica da quando siamo in F1. Wolff? Sotto pressione https://www.formula1.it/news/7695/1/horner-mai-cosi-tanta-politica-da-quando-siamo-in-f1-wolff-sotto-pressione A tre gare dalla fine del mondiale 2021, la battaglia per i titoli iridati è ancora apertissima e molto tesa. Protagoniste la Mercedes e la Red Bull, che si stanno sfidando senza esclusione di colpi. E non è un modo di dire, visto che nel corso della stagione sono stati tanti gli episodi controversi che hanno scaldato gli animi. L'ultimo in Brasile, con Max Verstappen che alla curva 4 del giro 48 ha compiuto una manvora che ha fatto infuriare non poco i vertici della casa di Brackley.

Attualmente la Mercedes guida la classifica costruttori con 521,5 punti, 11 in più della Red Bull. Mentre per quanto riguarda la classifica piloti c'è Max Verstappen in testa con 332,5 punti, segue Lewis Hamilton a 14 lughezze di distanza. Si prospettano tre GP (Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi) entusiasmanti. A dire la sua sulla rivalità, è uno dei diretti interessati, Christian Horner, che ha parlato anche del suo rapporto con il boss avversario Toto Wolff.

Le parole di Christian Horner su Toto Wolff e la Mercedes

"Non c'è relazione con lui, c'è competizione. E penso che sia stato interessante ascoltare le opinioni di Toto dopo la gara sprint della scorsa settimana alla radio della sua squadra. Stiamo spingendo al massimo. Abbiamo lavorato duramente per lottare per il titolo. Penso che sia la prima volta che loro vengono sfidati. È interessante vedere come le persone reagiscono sotto pressione, come reagiscono quando vengono sfidate. È di gran lunga la lotta per il titolo più intensa e politica in cui ci siamo cimentati da quando siamo in F1".

]]>
Sat, 20 Nov 2021 08:55:42 +0000 https://www.formula1.it/news/7695/1/horner-mai-cosi-tanta-politica-da-quando-siamo-in-f1-wolff-sotto-pressione http://www.formula1.it/admin/foto/horner-mai-cosi-tanta-politica-da-quando-siamo-in-f1-wolff-sotto-pressione-7695-2.jpg
GP Qatar, i risultati delle FP2: Bottas in vetta, sorpresa Gasly. Indietro le Ferrari https://www.formula1.it/news/7694/1/gp-qatar-i-risultati-delle-fp2-bottas-in-vetta-sorpresa-gasly-indietro-le-ferrari Nella seconda sessione di prove libere del Gran Premio del Qatar, ventesimo e terzultimo appuntamento del Mondiale di Formula Uno 2021, troviamo Valtteri Bottas (Mercedes) con il tempo di 1:23.148, ottenuto con le gomme soft. Alle sue spalle, a 209 millesimi, il francese Pierre Gasly (Alpha Tauri) in 1:23.357. Al terzo ecco Max Verstappen (Red Bull) in 1:23.498 a 350 con soli 72 millesimi di vantaggio su Lewis Hamilton (Mercedes) che ha concluso la sua sessione con un 1:23.570 a 422 millesimi dal compagno di scuderia.

Gp Qatar, male le Ferrari nelle FP2

Quinta posizione per il britannico Lando Norris (McLaren) in 1:23.632 a 484 millesimi dalla vetta, sesta per il canadese Lance Stroll (Aston Martin) in 1:23.705 a 557, quindi settima per il giapponese Yuki Tsunoda (Alpha Tauri) a 587. Si ferma in ottava posizione il messicano Sergio Perez (Red Bull) in 1:23.787 a 639 millesimi, quindi nona per Sebastian Vettel (Aston Martin) in 1:24.020 a 872, mentre completa la top ten Carlos Sainz (Ferrari) decimo in 1:24.033 a 885. Solamente tredicesima l'altra Ferrari di Charles Leclerc. Il monegasco non è andato oltre un 1:24.095 a 947 millesimi dalla vetta, chiudendo alle spalle anche delle due Alpine di Esteban Ocon e Fernando Alonso, ma precedendo Daniel Ricciardo (McLaren). Termina il suo venerdì di Losail in 17a posizione, invece, Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo) in 1:25.072 a 1.924 da Bottas.

]]>
Fri, 19 Nov 2021 16:15:00 +0000 https://www.formula1.it/news/7694/1/gp-qatar-i-risultati-delle-fp2-bottas-in-vetta-sorpresa-gasly-indietro-le-ferrari http://www.formula1.it/admin/foto/gp-qatar-i-risultati-delle-fp2-bottas-in-vetta-sorpresa-gasly-indietro-le-ferrari-7694-1.jpg