Formula1.it News http://www.formula1.it Formula1.it - News / - Articoli, Speciali, Approfondimenti, Statistiche, Tecnica, Video it-it Sun, 12 Sep 2021 17:32:43 +0000 Tue, 10 Apr 2012 00:00:00 +0000 http://blogs.law.harvard.edu/tech/rss Vida Feed 2.0 redazione@formula1.it (Redazione) dmuscarella@formula1.it (Ing.Daniele Muscarella) Aggiornamenti sportivi Formula 1 http://www.formula1.it/image/f1logosmall.png Formula1.it News http://www.formula1.it Dopo la notte c’è un sorriso grande, ed è quello di Daniel Ricciardo https://www.formula1.it/news/7555/1/dopo-la-notte-c-e-un-sorriso-grande-ed-e-quello-di-daniel-ricciardo Che piacere veder tornare Daniel Ricciardo (10 e lode) a sorridere dopo mesi di legnate subite dal terribile compagno di squadra (9), giunto alle sue spalle a completare nel modo più bello il week-end perfetto per la McLaren. Big Smile, questo uno dei suoi soprannomi nel paddock, è stato il primo uomo a riportarla sul gradino più alto dopo nove anni di notte profonda. Un progresso che viene da lontano: nona nel 2017, sesta nel 2018, quarta nel 2019, terza nel 2020, ancora temporaneamente terza dopo i risultati odierni. Eppure mancava ancora la cosa più importante, quella vittoria che fa parte del DNA del team inglese: quasi una maledizione, soprattutto dopo la gara di un anno fa, in cui Sainz fu beffato da Gasly.

A differenza di quanto successo dodici mesi fa, quando il risultato fu condizionato da una serie di episodi rocamboleschi, oggi il primo posto non è mai stato messo in discussione: merito di una partenza magnifica da parte di Ricciardo (la chiave di volta del GP) e della proverbiale velocità delle monoposto papaya, insuperabili per chiunque.

Intendiamoci, anche oggi non sono mancati i colpi di scena, e quello più spaventoso e spettacolare è proprio tra i due contendenti al titolo iridato. C’è poco da girarci intorno: la colpa dell’incrocio pericoloso è da attribuirsi a Verstappen (4) che, vistosi superato per pochi centimetri da Hamilton (5) ha adottato la tecnica della “mammasalvami” che in passato è stato un suo marchio di fabbrica. Non poteva non essere consapevole, infatti, che l’aver tenuto giù il piede in mezzo alla prima variante avrebbe causato il contatto con Lewis e soprattutto che, la conseguente eliminazione di entrambi, sarebbe stato il male minore per come si erano messe le cose.

Tutto questo, naturalmente, si sarebbe potuto evitare se:

  • Verstappen fosse partito decentemente;
  • Alla Red Bull non ci avessero messo una settimana a fargli il pit-stop;
  • Hamilton non lo avesse scambiato per Vettel, alla prima chicane;
  • Alla Mercedes non usassero la tombola per scegliere le strategie.

Forse l’olandese sarà penalizzato di qualche posizione in più del dovuto, riparando così la vergognosa decisione del Belgio; resta il fatto che, a otto (forse) gare dal termine i due protagonisti sono separati da cinque miseri punti, e quindi è come se il campionato iniziasse a Sochi.

Ultime parole per lo sfortunatissimo Giovinazzi (6): messo KO da Sainz dopo una partenza stupenda, non ha trovato il modo di riprendersi dalle retrovie a cui si era aggrappato con la safety-car. Con gli ulteriori punti portati nel carniere Williams da Russell (8), l’ottava posizione nella classifica costruttori è irrimediabilmente compromessa per l’Alfa Romeo.

]]>
Sun, 12 Sep 2021 17:32:43 +0000 https://www.formula1.it/news/7555/1/dopo-la-notte-c-e-un-sorriso-grande-ed-e-quello-di-daniel-ricciardo http://www.formula1.it/admin/foto/dopo-la-notte-c-e-un-sorriso-grande-ed-e-quello-di-daniel-ricciardo-7555-1.jpg
Gp Italia - Doppietta McLaren e Ricciardo vince una gara piena di emozioni https://www.formula1.it/news/7554/1/gp-italia-doppietta-mclaren-e-ricciardo-vince-una-gara-piena-di-emozioni Il Gran Premio d'Italia 2021 vede per la prima volta nella sua storia il nuovo formato con la Qualifica Sprint del sabato che determina la griglia di partenza della gara. Sabato ha vinto Bottas, ma non partirà in prima posizione, partirà ultimo per le penalità inflitte per la sostituzione di vari elementi della Power Unit della sua Mercedes.

Dal palo parte quindi Max Verstappen che nella Qualifica Sprint è arrivato secondo grazie alla brutta partenza di Hamilton che è stato superato da entrambe le McLaren. Ed in prima fila, dopo 9 anni qui in Italia, parte proprio una McLaren, è quella di Daniel Ricciardo, con alle sue spalle Norris. Hamilton è quarto, è l'unico di quelli davanti a partire con gomme dure, e dietro di lui ci sono le due Ferrari con Leclerc davanti a Sainz. Ma il pilota migliore del week end fino a questo momento è Antonio Giovinazzi che oggi parte dalla settima posizione, stimolato probabilmente dalle tante voci di mercato che al momento non lo vedono con un posto assicurato nel 2022.

Al via parte benissimo Ricciardo che attacca e supera Verstappen, parte bene anche Hamilton che quasi riesce a passare anche lui Verstappen che però si difende spingendo quasi fuori Lewis alla variante. Norris si mantiene lontano dai guai e tiene la terza posizione. Alle spalle delle Ferrari parte benissimo Giovinazzi che supera Sainz ed attacca Leclerc andando però lungo e tagliando la variante, rientra in pista subito davanti a Sainz che lo tocca leggemente mandandolo in testacoda. Ala danneggiata e gara compromessa, ancora una volta, per uno sfortunato Giovinazzi.

Dopo una breve Virtual Safety Car la gara riprende con Verstappen subito aggressivo su Ricciardo e Bottas che partito dal fondo, grazie ad una serie di sorpassi, si porta quasi subito in P13. Nel frattempo arrivano in serie i ritiri di entrambi i piloti AlphaTauri, prima Tsunoda e poi Gasly.

Al giro 8 arriva una penalità di 5 secondi per Giovinazzi, per essere rientrato in pista in maniera incauta, altra brutta notizia per il pilota italiano.

Perez improvvisamente si ricorda di essere alla guida della migliore monoposto del lotto e riesce ad affiancare e superare la Ferrari di Sainz alla Roggia. Nello stesso punto prova anche Hamilton su Norris, ma le McLaren sono velocissime e la manovra non riesce.

Al giro 13 Bottas, che ha continuato la sua rimonta, entra in zona punti prendendo la P10 ai danni di Latifi e qualche giro dopo la P9 ai danni di Alonso e la P8 su Stroll. Adesso ha davanti la Ferrari si Sainz a circa 7 secondi.

Intorno al giro 20 i piloti con gomme medie cominciano a soffrire con le gomme posteriori che sofforno di importante usura.
Al giro 20 arriva un'altra penalità di 5 secondi, questa volta per Ocon che qualche giro prima si era toccago con Vettel per fortuna senza conseguenze per entrambi.

Il primo a fermarsi per l'unica sosta prevista è Daniel Ricciardo, che anticipa leggermente la sosta per evitare l'undercut di Verstappen. Ricciardo rientra in pista alle spalle di Sainz e dai box richiamano subito Verstappen per provare quindi un overcut, ma la sosta è lunghissima per un problema alla gomma anteriore sinistra. Verstappen rientrerà in pista in P9 alle spalle di Alonso.

Nel frattempo Hamilton attacca e supera Norris e rientra subito ai box ed il colpo di scena più grande deve ancora arrivare: Hamilton all'uscita dai box dopo il suo pitstop esce proprio accanto a Verstappen e quindi ingaggia la variante affiancato al pilota Red Bull che non molla, i due si toccano violentemente, la Red Bull vola sul cofano della Mercedes e finiscono entrambi nella sabbia. Safety car in pista, nei numerosi replay si vede la posteriore destra della Red Bull che finisce proprio sopra il caso di Hamilton salvato dall'Halo. Dopo 107 gare Lewis Hamilton accusa un ritiro, l'ultima volta era successo nello scontro a Barcellona con Rosberg.

Entrano ai box entrambi i piloti Ferrari e le prime 10 posizioni dietro la SC sono quindi: Ricciardo, Leclerc, Norris, Perez, Sainz, Bottas, Stroll, Alonso, Russell, Latifi.

La Safety Car lascia la pista nel giro 30 di 53 e Norris attacca subito Leclerc per completare un grande sorpasso prima della Roggia con due ruote sull'erba. Passa solo 1 giro e Bottas attacca e supera Sainz ed anche Perez attacca e supera Leclerc tagliando però la variante e dovrebbe quindi restituire la posizione. Dietro Leclerc arriva subito Bottas che lo attacca e lo supera ma Leclerc gestisce il sorpasso, incrocia e va al contro sorpasso. La velocità della Mercedes è decisamente maggiore di quella della Ferrari, così Bottas aspetta solo 1 giro e supera nuovamente Leclerc.

Al momento ci sono quindi le due McLaren davanti a tutti con Ricciardo davanti a Norris, e Perez alle loro spalle, ma è Bottas in quarta posizione ad essere il più veloce dei quattro davanti. Via radio chiedono a Ricciardo di spingere perchè Norris è pressato da Perez e da Bottas.

Al giro 38 arriva una penalità di 5 secondi per Sergio Perez, per non aver restituito la posizione a Leclerc, secondi che saranno aggiunti al tempo finale. Al giro 43 assistiamo ad una bellissima lotta proprio tra Perez e Bottas, con sorpasso e contro sorpasso.

Al giro 45 arriva il ritiro per Mazepin che fa scattare di nuovo la Virtual Safety Car. La gara finisce praticamente qui, con nessuno in grado di portare altri sorpassi.

Vince un grandissimo Daniel Ricciardo, in testa dalla prima curva, e secondo posto per Lando Norris a completare una meritatissima doppietta McLaren, oggi la vettura più veloce (dietro forse il duo Max-Lewis). Perez con i 5 secondi di penalità finisce in quarta posizione dietro Bottas e Leclerc ma davanti a Sainz.

A punti anche Stroll, Alonso, Russel e Ocon. Ancora una gara negativa per Giovinazzi, tra sfortuna ed errori per l'ennesima volta torna a casa senza punti.

Con questa doppietta la McLaren si riprende la terza posizione nel Mondiale Costruttori. Grande festa per tutti gli uomini McLaren e gioia incontenibile per Daniel RIcciardo.

]]>
Sun, 12 Sep 2021 16:08:30 +0000 https://www.formula1.it/news/7554/1/gp-italia-doppietta-mclaren-e-ricciardo-vince-una-gara-piena-di-emozioni http://www.formula1.it/admin/foto/gp-italia-ricciardo-vince-un-gp-pieno-di-emozioni-7554-1.jpg
Gp Italia - Gara Sprint - Vince Bottas https://www.formula1.it/news/7553/1/gp-italia-gara-sprint-vince-bottas In Italia si ripete l'esperimento (che speriamo rimanga tale) del nuovo formato con qualifiche e gara sprint. Una mini gara di 18 giri, 100 Km che daranno 3 punti al primo classificato, 2 punti al secondo ed 1 punto al terzo. L'ordine d'arrivo stabilirà quello di partenza della gara di domani.

La partenza è ovviamente un momento fondamentale per tentare di recuperare posizioni. Parte benissimo Bottas che tiene la testa, bene Verstappen, meno bene Hamilton che viene superato dal pilota Red Bull e da entrambe le McLaren. Neanche il tempo di completare un giro che c'è subito un incidente. Gasly danneggia la sua ala anteriore contro Ricciardo alla staccata della prima curva, sembra poter continuare ma pochi metri dopo l'ala si stacca e finisce sotto la sua AlphaTauri impedendogli di impostare la curva e finendo contro le barriere. Nelle retrovie un'altro contatto con Tsunoda che tocca e fa girare l'Alfa Romeo di Kubica. Si segnala l'ottima partenza di Mazepin che guadagna 5 posizioni al via.


Safety car in pista per un paio di giri e poi si riparte. Alonso sorpassa subito Vettel e si porta in P11, e Tsunoda supera Schumacher portandosi in P17. Hamilton si avvicina subito in zona DRS per superare Norris, ma la McLaren è molto veloce ed il Campione del Mondo ha non poche difficoltà ad affiancarla. Sorpasso che invece riesce a Perez alla prima variante ma tagliandola parzialmente, e deve restituire la posizione. Solo per 1 giro però perchè il messicano riesce a superare bene l'Aston Martin al successivo passaggio nello stesso punto. Nelle retrovie Mazepin perde un paio delle posizioni guadagnate al via, passando dalla P15 alla P17 e superato da Russell e Tsunoda. 

Bottas e Verstappen hanno un passo inarrivabile dagli altri, quasi 1 secondo al giro più veloci di Ricciardo che li segue in terza posizione.
Le McLaren fanno un po' da tappo ma Hamilton non riesce a superare Norris e rimane in P5. Subito dietro le due Ferrari tengono più o meno lo stesso ritmo e bravissimo alle loro spalle Giovinazzi mantiene un'ottima P8 gestendo alla grande gli attacchi di Perez alle sue spalle.

Vince Bottas, che si prende 3 punti ma domani comunque partirà dall'ultima posizione per aver cambiato la sua Power Unit. Second Verstappen e terzo Ricciardo. 

Quarta posizione per Norris, quinto Hamilton, sesto Leclerc, settimo Sainz, ottavo Giovinazzi, nono Perez e decimo Stroll

]]>
Sat, 11 Sep 2021 17:03:26 +0000 https://www.formula1.it/news/7553/1/gp-italia-gara-sprint-vince-bottas http://www.formula1.it/admin/foto/gp-italia-gara-sprint-vince-bottas-7553-1.jpg
Alfa Romeo - Giovinazzi P10 in griglia di partenza della gara Sprint https://www.formula1.it/news/7552/1/alfa-romeo-giovinazzi-p10-in-griglia-di-partenza-della-gara-sprint Alfa Romeo Racing ORLEN ha ottenuto un importante risultato di fronte al pubblico amico con Antonio Giovinazzi che ha raggiunto la partenza dalla top-ten per la Sprint di domani nel Gran Premio d'Italia. Il compagno di squadra Robert Kubica, ancora in sostituzione di Kimi Räikkönen, ha chiuso in 19° posizione con la squadra ha continuato a lavorare per la gara di casa.

In un fine settimana che vede il ritorno del formato Sprint Qualifying, Alfa Romeo Racing ORLEN ha iniziato le sue attività in pista con il piede giusto. Sfoggiando una livrea speciale per onorare l'Alfa Romeo sul suo terreno di casa, in un fine settimana con molte altre attività previste nella sede storica di Arese del marchio per celebrare l'occasione, la squadra ha fornito una buona prestazione per darsi le migliori possibilità per la 100 km-sprint di domani.

Il 10° posto è un risultato che è frutto delle buone prestazioni di Antonio durante tutte le qualifiche: ha assorbito la passione dei tifosi di casa, delle bandiere italiane che sventolavano sugli spalti, della magia di Monza, e ha migliorato giro dopo giro per passare Q1, Q2 e rivendicare il suo posto sulla griglia di domani.

Robert, con solo un'ora intensa di prove all'attivo a causa del formato del weekend di gara, ha visto il suo giro migliore vanificato dal traffico: partirà 19°, ma con la fiducia fornita dal buon feeling della scorsa settimana. Cercherà di recuperare terreno nella gara di sabato per un posto migliore sulla griglia di domenica.


Frédéric Vasseur, Team Principal Alfa Romeo Racing ORLEN

"Abbiamo avuto un buon venerdì qui a Monza, il che è particolarmente positivo per i sostenitori in tribuna per la nostra gara di casa. La squadra è sembrata solida fin dall'inizio del weekend, il che è stato ideale con una sola sessione per trovare un buon equilibrio per la macchina. Ogni giro conta e abbiamo potuto iniziare le qualifiche con fiducia. Antonio sembrava forte fin dalla Q1 - era P6 in Q1 e P7 in Q2 e sembrava a suo agio. Purtroppo, Robert non ha avuto una sessione così liscia: il suo primo tentativo è stato rovinato quando è stato bloccato durante il suo primo giro, e ha potuto chiudere solo 19°. Tuttavia, può migliorare domani, dato che sembrava andare bene nelle prove. In Q3, Antonio aveva solo un set di gomme rimasto ed è stato in grado di replicare il suo giro in Q2 per andare 10°. Essere in Q3 per la seconda gara di fila è un risultato molto incoraggiante e ci dà una buona posizione in vista della Sprint di domani".


Antonio Giovinazzi (auto numero 99):
Alfa Romeo Racing ORLEN C41 (Telaio 05/Ferrari)
FP1: 13° / 1:22.270 (26 giri)
Q1: 1:21.197 (7 giri)
Q2: 1:20.726 (13 giri)
Q3: 10° / 1:20.808 (3 giri)

"Sono molto felice di aver raggiunto la Q3 davanti ai Tifosi, è incredibile. Sembravamo solidi fin dall'inizio, anche in Q1 e Q2 abbiamo fatto buoni giri per il sesto e settimo posto e sapevamo di poter ottenere un buon risultato. Avevamo solo un set di gomme fresche per la Q3, quindi non abbiamo potuto fare molti progressi lì, ma prendiamo la P10. Anche se questa posizione è solo per la griglia delle qualifiche Sprint, è un buon risultato e ci permette di partire da un'ottima posizione. Avremo bisogno di una buona partenza domani, in una gara senza soste e senza strategia, ma sappiamo che vogliamo prepararci bene per domenica. Ci saranno alcuni piloti molto aggressivi là fuori e dovremo far valere le nostre opportunità".


Robert Kubica (auto numero 88):
Alfa Romeo Racing ORLEN C41 (Telaio 02/Ferrari)
FP1: 16° / 1:23.009 (28 giri)
Q1: 19° / 1:22.530 (7 giri)

"Non è stato il più tranquillo dei giorni, ma domani possiamo provare a recuperare un po' di terreno. Le prove non sono state male, ma quando hai solo un'ora per provare tre mescole e fare giri lunghi e corti, non è facile ottenere un riferimento. Sono un po' deluso dal risultato delle qualifiche perché credo che avremmo potuto essere un po' più in alto nella griglia. Trovare spazio in pista non è stato facile, e quando l'ho fatto, la mia prima corsa è stata rovinata da Mazepin, che era proprio in mezzo alla pista. All'inizio ho pensato che avesse un problema tecnico, ma poi ha accelerato. È un po' un peccato, perché in una sessione breve devi far contare ogni giro, ma è così che va".

]]>
Fri, 10 Sep 2021 21:45:20 +0000 https://www.formula1.it/news/7552/1/alfa-romeo-giovinazzi-p10-in-griglia-di-partenza-della-gara-sprint http://www.formula1.it/admin/foto/alfa-romeo-con-giovinazzi-nella-top-ten-7552-1.jpg
Bottas primo nella sprint race ultimo nella griglia di domenica https://www.formula1.it/news/7551/1/bottas-primo-nella-sprint-race-ultimo-nella-griglia-di-domenica Il capo della Mercedes F1 Toto Wolff aveva detto venerdì scorso che tutte le squadre stavano "lottando" con la loro assegnazione di power unit per la stagione, e che la squadra aveva "pensieri" di prendere una penalità a Monza per l'utilizzo di un motore extra.

Durante le qualifiche di questa sera, la FIA ha emesso un bollettino che conferma che la Mercedes sostituirà una serie di nuovi elementi della power unit sulla vettura di Bottas.

Prendendo un nuovo motore, turbocompressore, MGU-H e MGU-K, Bottas dovrà partire dal fondo della griglia a Monza.

Questo sarà applicato alla gara principale di domenica e non alla gara sprint di sabato, dove Bottas partirà in prima posizione.

Il compagno di squadra Lewis Hamilton potrebbe anche subire una penalizzazione ad un certo punto di quest'anno, per un eventuale ritiro o incidente.

Toto Wolff ha così commentato la scelta

"Monza è il circuito in cui altre squadre hanno scelto di prendere penalità di motore negli anni precedenti a causa delle opportunità di sorpasso alla fine dei lunghi rettilinei

La Red Bull si trova in una posizione simile a quella della Mercedes con l'auto di Max Verstappen dopo che ha perso uno dei suoi motori rimanenti a causa dei danni subiti a Silverstone. Ma Verstappen ha detto giovedì che non c'era attualmente alcun piano per lui di prendere una penalizzazione in griglia a Monza.

"Non abbiamo ancora deciso dove portarlo", ha detto Verstappen.

"Credo che questo motore sia ancora molto nuovo, quindi vedremo. Sicuramente non è il piano di portarlo qui".

]]>
Fri, 10 Sep 2021 19:09:59 +0000 https://www.formula1.it/news/7551/1/bottas-primo-nella-sprint-race-ultimo-nella-griglia-di-domenica http://www.formula1.it/admin/foto/bottas-primo-nella-sprint-race-ultimo-nella-griglia-di-domenica-7551-1.jpg
Quando James Bond incontra la F1 - 007 x Aston Martin Cognizant F1 Team https://www.formula1.it/news/7550/1/quando-james-bond-incontra-la-f1-007-x-aston-martin-cognizant-f1-team In previsione del nuovo film di James Bond No Time To Die, Aston Martin Cognizant Formula One™ Team celebra la partnership tra Bond e Aston Martin durante il Gran Premio d'Italia.

Per una sola gara, verrà esibito l'iconico logo 007 sui lati dell'abitacolo della AMR21 per celebrare l'occasione.

In collaborazione con EON Productions, l'acclamato regista Daniel Kleinman e il pluripremiato compositore David Arnold per uno spot ispirato a Bond. 

]]>
Fri, 10 Sep 2021 17:02:04 +0000 https://www.formula1.it/news/7550/1/quando-james-bond-incontra-la-f1-007-x-aston-martin-cognizant-f1-team http://www.formula1.it/admin/foto/quando-james-bond-incontra-la-f1-007-x-aston-martin-cognizant-f1-team-7550-1.jpg
Ferrari, Binotto a tutto campo: da Monza al 2022... L'intervista https://www.formula1.it/news/7549/1/ferrari-binotto-a-tutto-campo-da-monza-al-2022-l-intervista Quando siamo nel bel mezzo della stagione 2021, molti sguardi già sono rivolti al futuro. È il caso, ad esempio, della Ferrari che sta lavorando duramente per tornare a gareggiare per il titolo nel 2022. Lo ha affermato Mattia Binotto, il quale è intervenuto ai microfoni de La Repubblica per un'intervista a tutto campo. Di seguito le sue dichiarazioni.

Ecco quanto dichiarato dal team principal della Rossa ai microfoni del quotidiano.

Sul Gp di Monza

"Ci piacerebbe regalare un podio ai nostri tifosi, ma sappiamo che sarà dura".

Sul 2022

"La verità è che stiamo già pensando al 2022 e che l’auto attuale non avrà sviluppi. La nostra è una squadra giovane che ormai si è fatta le ossa. Stiamo lavorando e miglioriamo. Non saremo la sorpresa alla Marcell Jacobs, perché siamo un team che ha dimostrato di avere un certo valore, nel 2017 e 2018 lottavamo per il titolo. Forse siamo più la scuderia infortunata alla Gianmarco Tamberi, che dopo un 2020 terribile vuole tornare in alto. Di certo siamo come l’Italia di Roberto Mancini, un tecnico che fonda le sue squadre sul concetto dell’armonia del gruppo, l’intesa, valorizzando le singole persone. Siamo parte dello sport che unisce il paese, che vuole ripartire anche dopo la pandemia e tornare presto a delle vittorie, sono sicuro che prima o poi ci arriveremo".

Sulle innovazioni

"Ci sono tanti elementi per far sì che il 2022 sia ancora un anno di progresso per noi. Vogliamo essere più veloci per tornare in alto. Adesso è il momento di iniziare a costruire e produrre il telaio per averlo pronto per dicembre, così come il cambio e le sospensioni. Il concetto vettura è già stato scelto, stiamo ancora lavorando sulle forme esterne, l’aerodinamica, gli alettoni, la carrozzeria ma anche sulla power unit. Anche qui l’architettura è fissa ma adesso si tratta di sviluppare gli ultimi dettagli di prestazione e affidabilità, per gennaio dovrà essere completato. E sarà molto innovativo".

Poi sul motore 

"Avremo un motore completamente diverso e nuovo che per noi rappresenta una forte discontinuità di progetto, devo dire anche con scelte coraggiose visto che nei prossimi anni la power unit sarà congelata. Per noi rappresenterà il miglior prodotto che eravamo in grado di sviluppare. Abbiamo cambiato la parte meccanica del motore, ma anche di combustione turbo e ibrida di cui stiamo anticipando l’evoluzione nel 2021. Rispetto al passato, è un progetto rivisto su tutti i fronti. Non sappiamo cosa stiano facendo gli altri, ma noi ci stiamo allenando bene".

Sul suo ruolo in Ferrari

"Ho fatto l’ingegnere, adesso sono una specie di direttore d’orchestra. Essere bravi team principal significa mettere tutti in condizione di fare bene, guardando alle risorse, all’aspetto umano, all’armonia. Lo spirito di squadra è una cosa a cui io tengo molto, si creano le giuste basi per un gruppo vincente agendo sulla cultura delle persone, oltre che stimolando la passione. In F1 non esiste la bacchetta magica, si costruiscono le vittorie o i cicli col tempo e con pazienza, lavorando sulle persone, sulle risorse, sui processi. Guardando agli ultimi 30 anni, penso a Williams, McLaren, Red Bull, Mercedes e anche noi, i cicli sono sempre stati caratterizzati da squadre che hanno avuto la forza e la calma di costruire le fondamenta necessarie. Spesso è capitato con dei cambi regolamentari significativi: per la Williams fu l’elettronica, l’aerodinamica per la Red Bull, l’ibrido per la Mercedes. Noi cresciamo passo dopo passo e per me, ripeto, è anche una questione di cultura, di identità, di persone. Non l’abbiamo mai pubblicizzato, ma in questi ultimi tre anni abbiamo assunto 30 persone da altri team. Siamo di fronte ad altre squadre tutte molto forti, come la Mercedes e la Red Bull, ma non mi sento da meno".

Su Leclerc e Sainz

"Penso sia la coppia di piloti migliore in griglia. Vanno d’accordo davvero, non c’è niente di costruito, e hanno capito sin da subito l’importanza di mettere la squadra al centro del progetto e se ne stanno facendo carico, lavorando insieme e con gli ingegneri. E questa per me è leadership. Il loro apporto alla vettura 2022 è decisivo".

]]>
Fri, 10 Sep 2021 12:24:15 +0000 https://www.formula1.it/news/7549/1/ferrari-binotto-a-tutto-campo-da-monza-al-2022-l-intervista http://www.formula1.it/admin/foto/ferrari-binotto-a-tutto-campo-da-monza-al-2022-l-intervista-7549-1.jpg
In Arabia Saudita costruita per beneficienza la più grande LEGO di una vettura di Formula 1 https://www.formula1.it/news/7548/1/in-arabia-saudita-costruita-per-beneficienza-la-piu-grande-lego-di-una-vettura-di-formula-1 Il neo appuntamento in calendario a Jeddah vedrà il tentativo ufficiale di assemblare la più grande costruzione di mattoncini LEGO di un'auto di Formula 1, per celebrare l'arrivo della F1 e raccogliere fondi per Ehsan, l'ente di beneficenza nazionale dell'Arabia Saudita
 
La Saudi Automobile & Motorcycle Federation (SAMF) - promotrice del 2021 FORMULA 1 SAUDI ARABIAN GRAND PRIX - ha annunciato oggi il suo piano per assemblare la più grande costruzione di mattoncini LEGO al mondo di un'auto di Formula 1 in aiuto di Ehsan - l'ente di beneficenza nazionale dell'Arabia Saudita. Una volta completato con successo, il tentativo ufficiale vedrà il Guinness World Records certificare il SAMF come detentore ufficiale del record.
 
Per celebrare l'arrivo della Formula 1® a Jeddah, in Arabia Saudita, dal 3 al 5 dicembre, la SAMF ha annunciato l'intenzione di lanciare questo evento di raccolta fondi da record per Ehsan, la piattaforma nazionale dell'Arabia Saudita per le opere di beneficenza. Ehsan è stata fondata nell'aprile 2020 come parte degli sforzi per sostenere le donazioni caritatevoli nel Regno dell'Arabia Saudita in una varietà di settori tra cui l'assistenza sociale, educativa, sanitaria, di soccorso, ambientale, economica e tecnica.
 
Il processo di assemblaggio per la costruzione dei mattoncini LEGO dell'auto di Formula 1® avrà luogo al Red See Mall di Jeddah e richiederà circa una settimana per la costruzione, a partire dal 15 settembre, quando il primo mattoncino sarà posizionato da S.A.R. il principe Saud bin Abdullah bin Jalawi, consigliere del governatore della regione di Makkah e governatore ad interim di Jeddah e S.A.R., il principe Khalid bin Sultan Al-Abdullah Al-Faisal, presidente della Saudi Automobile & Motorcycle Federation (SAMF).
 
L'ultimo mattoncino sarà posizionato il 23 settembre, giorno della festa nazionale dell'Arabia Saudita, quando i rappresentanti del Guinness World Records saranno presenti in livestream per registrare e certificare la costruzione LEGO della Formula 1 come il più grande del mondo.
 
Inoltre, la FORMULA 1 SAUDI ARABIAN GRAND PRIX 2021 offrirà agli abitanti dell'Arabia Saudita la possibilità di partecipare personalmente al tentativo di record mondiale... mattoncino per mattoncino!
 
I fan della Formula 1 nel Regno saranno in grado di diventare parte di questo tentativo di record mondiale visitando saudiarabiangp.com/it/lego dove possono registrarsi per 'acquistare' un mattoncino che farà parte della costruzione finale in mattoncini LEGO di una vettura di F1, con ogni donazione che andrà direttamente - e per intero - a Ehsan. Con la costruzione completa che dovrebbe essere composta da 500.000 mattoncini, questo fornisce un'opportunità unica per centinaia di migliaia di uomini e donne sauditi non solo di contribuire alla carità nazionale Ehsan, ma anche di diventare letteralmente una parte della storia possedendo un mattoncino sul più grande assemblaggio di mattoncini LEGO di un'auto di Formula 1 al mondo.
 
Una volta che i fan avranno visitato saudiarabiangp.com/it/lego e si saranno registrati, saranno incoraggiati a partecipare all'attivazione del record mondiale e ad osservare la costruzione del più grande assemblaggio di mattoncini LEGO di un'auto di Formula 1 da parte di professionisti certificati LEGO. I nomi dei partecipanti saranno visualizzati su uno schermo digitale, mentre scrivono il loro nome nella storia.
 
L'attività di coqnuista del record mondiale avrà luogo meno di tre mesi prima che la FORMULA 1 SAUDI ARABIAN GRAND PRIX faccia il suo tanto atteso debutto a Jeddah riflettendo la crescente eccitazione e l'attesa che sta prendendo piede nella regione mentre la gara si avvicina sempre più. Il sito sarà anche caratterizzato da tabelloni che raffigurano una barra di percentuale dal vivo dello stato di completamento dell'auto, statistiche storiche delle gare di F1®, interviste ai piloti e contenuti di Formula 1® per aiutare a educare, coinvolgere ed entusiasmare il popolo dell'Arabia Saudita prima che l'apice del motorsport arrivi tra pochi mesi.
 
Raccogliendo fondi vitali per una buona causa, SAMF sta usando questa entusiasmante iniziativa per fondere la sua ambizione e il desiderio di un futuro più luminoso per tutti i cittadini sauditi con i valori del 2021 FORMULA 1 SAUDI ARABIAN GRAND PRIX, che sono tutti in linea con la rivoluzionaria Vision 2030 del Regno.
 
S.A.R. il Principe Khalid bin Sultan Al-Abdullah Al-Faisal, Presidente della Federazione Saudita dell'Automobile e della Motocicletta ha condiviso la sua eccitazione all'annuncio di oggi, commentando: "È con grande piacere che annuncio il nostro piano per costruire la più grande costruzione in mattoncini LEGO di una vettura di Formula 1 che il mondo abbia mai visto. La FORMULA 1 SAUDI ARABIAN GRAND PRIX del 2021 è tutta incentrata sul battere i record e siamo quindi lieti di avere un altro record tra le mani, con il Jeddah Corniche Circuit che diventerà anche il circuito cittadino più lungo e veloce del mondo! Questo entusiasmante progetto è tutto un dare indietro alla nostra comunità e riflette veramente la vera ingegnosità del nostro regno e l'impegno a migliorare la vita di tutti i nostri cittadini.  Non potrei essere più orgoglioso di essere parte della costruzione di un futuro migliore per i giovani della nostra nazione e sono molto entusiasta di vedere il risultato di questa attività innovativa".

]]>
Fri, 10 Sep 2021 10:29:57 +0000 https://www.formula1.it/news/7548/1/in-arabia-saudita-costruita-per-beneficienza-la-piu-grande-lego-di-una-vettura-di-formula-1 http://www.formula1.it/admin/foto/in-arabia-saudita-costruita-per-beneficienza-la-piu-grande-lego-di-una-vettura-di-formula-1-7548-1.jpg
Circuito di Monza, pista imprevedibile per le scommesse di Formula 1 https://www.formula1.it/news/7547/1/circuito-di-monza-pista-imprevedibile-per-le-scommesse-di-formula-1 Ormai il conto alla rovescia è cominciato. Nel fine settimana del 12 settembre la Formula Uno torna in Italia e per il terzo appuntamento in 3 settimane annuncia grandi sorprese. Perché il circuito di Monza è uno dei più interessanti nel calendario annuale, con le sue caratteristiche uniche. Chiamato il Tempio della velocità, visto che all’Autodromo di Monza si frena solo sei volte per giro. Anche se, va detto, lo si fa con grande intensità, visto che le curve arrivano al termine di rettilinei sui quali le auto sfrecciano libere come il vento. Un divertimento e una sfida per i piloti, una gioia per gli spettatori ma anche una disdetta per chi si occupa delle scommesse di Formula Uno. Tanto che gli esperti di truffa.net spesso non sanno bene come comportarsi con le scommesse di Formula 1 a proposito di questo appuntamento sportivo.

 

Circuito di Monza, l’incertezza è la regola numero uno

Una situazione che si ripeterà anche quest’anno. Alle imprevedibili caratteristiche del circuito dell’Autodromo di Monza, del resto, ha appena dedicato un servizio anche il sito di SkySport. Nell’articolo ogni curva viene analizzata sotto il profilo storico ma anche dal punto di vista tecnico e non manca la menzione per i grandi campioni che si sono trovati in difficoltà nell’affrontarla. La pista di Monza, del resto, è un capolavoro inossidabile. Costruita nel 1922 per celebrare il 25esimo anniversario della fondazione dell’Automobile Club Milano, è la seconda pista più antica ancora in funzione, dopo quella di Indianapolis. Progettata da Alfredo Rosselli, inizialmente si caratterizzava per sette curve e un anello ad alta velocità arricchito da un paio di paraboliche diaboliche. Nel tempo ci sono state modifiche, create per ragioni di sicurezza ma anche di spettacolo, e adesso i punti cruciali da tenere d’occhio sono molti. C’è, ad esempio, la curva di Biassono, preceduta dalla Prima Variante costruita nel 1972, che è una chicane destra-sinistra così complicata, che nel 1988 ha messo in difficoltà persino un asso come Ayrton Senna, che all’epoca stava dominando la stagione. Il rallentamento insidioso è stato pensato per accompagnare i piloti verso la difficoltosa Curva di Biassono, che in passato ha dato filo da torcere anche a Jean Alesi e al suo collega di scuderia Berger, favoriti per il traguardo finale. Una vera scocciatura per gli amanti dei pronostici.

 

Rallentamenti, curve, insidie: che spettacolo

Le auto in gara dovranno concentrarsi anche per affrontare la Variante della roggia, una chicane che nel 1995 è stata teatro di uno scontro tra il favorito Michael Schumacher e il suo avversario Damon Hill. Per non parlare delle curve di Lesmo, che anno dopo anno sono state lo scenario di grandi sorpassi e colpi da maestro, che hanno visto protagonisti fuoriclasse in odore di vittoria da Niki Lauda fino a Michael Schumacher contro l’altro favorito Mika Hakkinen. Da qualunque prospettiva lo si osservi, insomma, il Gran Premio di Monza rappresenta un punto di riferimento per il mondo dell’automobilismo e ha sempre regalato sorprese a coloro che erano appassionati di scommesse di Formula 1. Anche perché a Monza, tutti i settori sono unici e vengono percorsi con delle velocità elevate, che regalano brividi agli spettatori. Anzi, proprio tenendo conto delle peculiarità del circuito e delle sue caratteristiche, chi vuole fare scommesse sulla Formula 1 on line deve riflettere e consultare gli esperti. Soprattutto quest’anno, visto che il momento è delicato e la classifica ancora incerta. Max Verstappen ha appena vinto in grande stile in Olanda, ma non vuole perdere il suo vantaggio di tre punti su Lewis Hamilton, che ovviamente vede il circuito italiano come il luogo ideale per riconquistare terreno, anche alla luce della sua inclinazione per la rapidità.

 

Il Campionato a una svolta?

Il Tempio della Velocità tende a premiare coloro che hanno prestazioni motoristiche migliori, dunque forse la gara di Monza potrebbe diventare la chiave di volta in questa stagione mondiale. Va detto, però, che il vincitore di Zandvoort ha già messo da parte quel risultato positivo e punta a collezionarne altri. Lo ha detto chiaramente ai giornalisti, cui ha spiegato pure che non teme il suo rivale britannico. A suo parere nessuno tra loro è in vantaggio sull’altro, come ha dimostrato la gara olandese dove le due vetture erano molto vicine. La pista di Monza, però, potrebbe rivelarsi ideale per la Mercedes di Hamilton, benché la Red Bull quest’anno si senta più forte. L’importante è trovare il massimo potenziale e riuscire a mantenerlo anche quando si frena molto su un asfalto che non sempre è in condizioni ideali. Fare previsioni è difficile

Tutte riflessioni che le squadre dovranno approfondire in vista della gara di domenica, che peraltro richiede grandi ragionamenti anche a coloro che fanno scommesse sulla Formula 1, visto che il circuito di Monza è insidioso e non è mai facile prevedere chi siano i favoriti. Quest’anno, infine, c’è anche la variante dei tifosi che finalmente potranno tornare in tribuna dopo la lunga assenza causata dal Covid e potrebbero forse contribuire a fare la differenza con il loro sostegno. Come dire che dopo la vittoria di Max Verstappen in Olanda non ci sono certezze e la partita rimane comunque aperta. Bisognerà pazientare per qualche giorno e poi seguire con attenzione la sfida monzese per capire davvero chi dominerà le ultime giornate del Mondiale.

]]>
Fri, 10 Sep 2021 10:18:08 +0000 https://www.formula1.it/news/7547/1/circuito-di-monza-pista-imprevedibile-per-le-scommesse-di-formula-1 http://www.formula1.it/admin/foto/circuito-di-monza-pista-imprevedibile-per-le-scommesse-di-formula-1-7547-1.jpg
Il mercato piloti impazza: affari fatti e la situazione di Giovinazzi https://www.formula1.it/news/7546/1/il-mercato-piloti-impazza-affari-fatti-e-la-situazione-di-giovinazzi Siamo poco oltre la metà della stagione 2021 e già è quasi del tutto delineato il quadro della prossima annata. Un 2022 che si prevede scoppiettante per tanti motivi. In primis perché verranno introdotte tante novità regolamentari, con auto molto diverse rispetto a quelle di oggi, che esalteranno le abilità di guida dei vari protagonisti. Poi, perché ad affiancare Hamilton ci sarà Russell, enfant terrible britannico che vuole consacrarsi alla guida della Mercedes dopo la gavetta in Williams. Consacrazione che inseguiranno anche tanti altri piloti, come Verstappen ad esempio continuerà a rincorrere il titolo iridato se proprio dovesse sfuggirgli nei prossimi mesi. Sainz e Leclerc tenteranno di riaccendere il rosso Ferrari. Alonso e le McLaren saranno subito dietro ad approfittare di un passo falso di chi li precede.

A proposito di piloti, nelle ultime settimane il mercato è letteralemente impazzato.

New entry e ufficilità recenti - Abbiamo già accennato all'approdo di George Russell in Mercedes, ma i comunicati ufficiali sono stati veramente tanti. Valtteri Bottas sarà la nuova guida dell'Alfa Romeo dopo l'addio di Kimi Raikkonen, mentre Alexander Albon tornerà sulla griglia al volante della Williams al fianco di Latifi. Confermati ufficialmente Gasly Tsunoda alla Alpha Tauri, Ocon e Alonso all'Alpine. Non sembrano essere in discussione le posizioni di Vettel e Stroll all'Aston Martin e di Mick Schumacher e Mazepin alla Haas.

La situazione attuale - Ocon e Alonso (Alpine); Leclerc e Sainz (Ferrari); Hamilton e Russell (Mercedes); Verstappen e Perez (Red Bull); Ricciardo e Norris (McLaren); Gasly e Tsunoda (Alpha Tauri); Schumacher e Mazepin (99% Haas). Stroll e Vettel (99%Aston Martin); Albon e Latifi (Williams); Bottas (Alfa Romeo).

LA SITUAZIONE DI ANTONIO GIOVINAZZI

In virtù del quadro che abbiamo delineato, l'unico posto potenzialmente in palio è quello di 'seconda guida' dell'Alfa Romeo. Antonio Giovinazzi, infatti, nonostante l'ottimo lavoro svolto fino ad ora, non è stato ancora rinnovato dalla casa italiana, la quale sta sondando le piste che portano a Nick de Vries e Guanyu Zhou.

L'INDIZIO SOCIAL DAL SAPORE DI SENTENZA

L'indizio social dal sapore di sentenza è ad opera di Nikita Mazepin. Il pilota russo della Haas ha pubblicato su Instagram una grafica con la scritta #NM99. Messaggio postato con tanto di emoticon (occhiolino) che ammicca alla possibilità di prendere il numero 99 che resterebbe vacante nel caso Giovinazzi non venisse confermato in griglia.

Insomma, ad oggi, il pilota di Martina Franca sembra essere con un piede e mezzo fuori dalla Formula 1. Un vero peccato! 

]]>
Thu, 9 Sep 2021 16:17:53 +0000 https://www.formula1.it/news/7546/1/il-mercato-piloti-impazza-affari-fatti-e-la-situazione-di-giovinazzi http://www.formula1.it/admin/foto/il-mercato-piloti-impazza-affari-fatti-e-la-situazione-di-giovinazzi-7546-1.jpg
Alfa Romeo - In Italia con il tricolore https://www.formula1.it/news/7545/1/alfa-romeo-in-italia-con-il-tricolore Alfa Romeo Racing ORLEN celebrerà il Gran Premio d'Italia con una livrea speciale, creata dal Centro Stile Alfa Romeo - un omaggio creativo sulla vettura e sulle divise dei piloti per onorare questa occasione.

Dalla vittoria del primo titolo nella storia della F1 con Nino Farina nel 1950 ad oggi, esiste un legame indissolubile tra il marchio Alfa Romeo e il circuito di Monza, ospite della gara di questo fine settimana.

L'Autodromo Nazionale di Monza non è solo la sede del GP d'Italia, è anche la pista dove, il 3 settembre 1950, l'Alfa Romeo vinse il primo titolo nella storia della Formula 1, con l'Alfetta 158 di Nino Farina al volante. Il legame indissolubile che lega il marchio e la sede è stato riforgiato ancora una volta quest'anno.

Per celebrare il Gran Premio d'Italia, le Alfa Romeo Racing ORLEN C41 scenderanno in pista con una livrea realizzata appositamente per l'evento dal Centro Stile Alfa Romeo. Protagonista è il logo, che celebra i 111 anni di storia del marchio, i cui colori sono stati rivisitati per ricordare quelli della bandiera italiana.

La parte superiore del cofano motore è stata trasformata in verde 'Quadrifoglio', per completare il consueto rosso e bianco della livrea normale. La reinterpretazione dei colori rende la bandiera italiana il tema dominante della livrea.

Il contributo creativo del Centro Stile Alfa Romeo non si limita alle vetture del team, ma reinterpreta anche le tute da corsa dei due piloti dell'Alfa Romeo Racing ORLEN. La bandiera italiana prende vita anche nel logo 111, presente nella parte superiore della tuta per estendersi in linee verticali sulla gamba del pilota, "metaforicamente" fino all'asfalto.

Vestita di questa speciale livrea, la showcar Alfa Romeo Racing ORLEN sarà "special guest" al Museo Alfa Romeo di Arese per tutta la settimana dell'evento sportivo. La sede storica del marchio sarà anche il luogo dove vivere le emozioni del GP, con la diretta streaming delle qualifiche e delle prove e, naturalmente, della gara stessa sul grande schermo della Sala Giulia.

La mostra di showcar offrirà l'opportunità di esplorare il dietro le quinte della Formula Uno. I visitatori del museo potranno partecipare a un'esperienza virtuale, con un contributo video dei due piloti dell'Alfa Romeo Racing ORLEN, che saranno anche protagonisti di un incontro virtuale in livestreaming da Monza, durante il quale converseranno con gli ospiti del Museo. Anche tutti gli altri eventi in programma nel weekend dall'11 al 12 settembre saranno a tema Formula Uno: dai modellini in scala alle vere auto Alfa Romeo, oltre a due diversi flashmob degli appassionati Alfisti presenti. Il primo - il MINI Flashmob - si svolgerà nella Sala Giulia alle 16.30 di sabato 11 settembre, su una riproduzione in scala 1:43 della pista corta che circonda il museo, con i modelli in scala Alfa Romeo portati ed esposti dai tifosi Alfisti. Domenica 12 settembre le "vere" Alfa Romeo saranno sotto i riflettori, scendendo sul circuito che circonda il Museo.

Un omaggio speciale sarà fatto durante l'evento all'Alfa Romeo AR51, che quest'anno celebra il suo 70° anniversario. Modelli dell'iconica vettura nota come 'Matta' saranno protagonisti del flashmob, che comporrà un'enorme bandiera italiana celebrativa. L'omaggio alla 'Matta' continuerà nel pomeriggio di domenica 12 settembre, con una parata speciale e una conferenza, parte del ciclo di backstage, dopo la bandiera a scacchi del Gran Premio d'Italia.

Per gli Alfisti appassionati del futuro, oltre al MINI Flashmob, il Museo ha organizzato un laboratorio didattico, dove i bambini potranno cimentarsi nella progettazione della livrea di una monoposto.

I bambini di tutte le età potranno godere della mostra "1:23 Scale", con modelli in scala di Togi. Dalla fine degli anni '50 e con poche rarissime eccezioni, questo marchio produce esclusivamente modelli di auto del Biscione, in un formato non standard. Saranno esposti i modelli più iconici del marchio, in diverse versioni, colori e finiture, con un'attenzione particolare ai modelli Giulia.

]]>
Thu, 9 Sep 2021 15:14:10 +0000 https://www.formula1.it/news/7545/1/alfa-romeo-in-italia-con-il-tricolore http://www.formula1.it/admin/foto/alfa-romeo-in-italia-con-il-tricolore-7545-1.jpg
Alfa Romeo: Kubica sostituirà Raikkonen anche in Italia https://www.formula1.it/news/7544/1/alfa-romeo-kubica-sostituira-raikkonen-anche-in-italia Alfa Romeo Racing ORLEN ha confermato che il pilota di riserva, Robert Kubica, continuerà a sostituire Kimi Räikkönen nel Gran Premio d'Italia di questo fine settimana. Kimi ha perso la gara della scorsa settimana a Zandvoort dopo essere risultato positivo al Covid-19 e non è ancora stato autorizzato per il ritorno alle corse. Come richiesto dalle autorità sanitarie, è ancora in isolamento nella sua casa. Robert, che ha corso mirabilmente in Olanda dopo il breve preavviso prima delle FP3, tornerà in macchina al fianco di Antonio Giovinazzi.
 
Robert Kubica, pilota di riserva dell'Alfa Romeo Racing ORLEN:

"Prima di tutto, voglio condividere i miei migliori auguri per Kimi: spero che recuperi completamente e torni presto nell'abitacolo. Non vedo l'ora di correre a Monza, una pista incredibile in cui ho ottenuto il mio primo podio, nel 2006. A differenza di Zandvoort, è una pista che conosco bene e questo aiuterà, soprattutto perché il formato Sprint Qualifying weekend significa che faremo una sessione di prove breve. Sono contento di quello che ho fatto in Olanda e non vedo l'ora di aiutare la squadra ancora una volta a Monza".

]]>
Wed, 8 Sep 2021 19:57:11 +0000 https://www.formula1.it/news/7544/1/alfa-romeo-kubica-sostituira-raikkonen-anche-in-italia http://www.formula1.it/admin/foto/alfa-romeo-kubica-sostituira-raikkonen-anche-in-italia-7544-1.jpg
McLaren: Monza pista amica https://www.formula1.it/news/7543/1/mclaren-monza-pista-amica Storia e tradizione. Il Gran Premio d'Italia non è a corto di entrambe, essendo stato nel calendario della Formula 1 fin dalla nascita del campionato nel 1950. Eppure, quest'anno si torna a Monza per un Gran Premio d'Italia con una leggera svolta, un tocco di qualcosa di nuovo - beh, più o meno nuovo - poiché il fine settimana adotta il formato di qualifiche sprint che ha debuttato a Silverstone due mesi fa. Quanto scuoterà le cose è ancora qualcosa di sconosciuto, ma una cosa è certa: non ci sarà nessuna fuga dal fascino irresistibile di Monza questo fine settimana.

 

Lando Norris

"Non vedo l'ora di andare a Monza, soprattutto dopo un weekend difficile a Zandvoort. Non vedo l'ora di riprendermi e spero di essere dove meritiamo di essere, segnando più punti e qualificandoci un po' più in alto nella griglia. Lavoreremo duramente per farlo. È un'altra pista fantastica. Siamo stati davvero viziati con questo triplo appuntamento, correndo su tre piste che sono estremamente belle. Monza è una pista dove abbiamo avuto buoni risultati in passato, quindi speriamo di poter avere un altro buon weekend".
 


Daniel Ricciardo

"Monza è una bella gara e un weekend divertente. È una pista fantastica da guidare e ottima anche per correre. Spesso fornisce alcune buone opportunità. Se sei più veloce della macchina davanti e hai velocità, puoi normalmente sorpassare, quindi non vedo l'ora di farlo. L'Italia è sempre divertente, ottimo cibo e un altro circuito con un'atmosfera incredibile. È anche il secondo weekend sprint, che sarà piuttosto intenso. Abbiamo una sola sessione di prove per entrare nel vivo, e poi siamo in qualifica. È sicuramente una situazione di maggiore pressione per noi, quindi avremo bisogno di fare bene subito, arrivare rapidamente alla velocità e portare via alcuni punti. Non vedo l'ora".

]]>
Wed, 8 Sep 2021 19:49:05 +0000 https://www.formula1.it/news/7543/1/mclaren-monza-pista-amica http://www.formula1.it/admin/foto/mclaren-monza-pista-amica-7543-1.jpg
Ferrari: un weekend con due gare e i tifosi sugli spalti https://www.formula1.it/news/7542/1/ferrari-un-weekend-con-due-gare-e-i-tifosi-sugli-spalti Il campionato del mondo di Formula 1 chiude la seconda tripletta della stagione con l’altro appuntamento che – insieme al GP di Gran Bretagna – è da sempre tappa fissa del calendario: il Gran Premio d’Italia. Si tratta dell’edizione numero 92 della gara, la 72ª dalla fondazione del campionato del mondo. Nell’era iridata si è sempre gareggiato all’Autodromo Nazionale di Monza eccezion fatta per il 1980, quando si corse a Imola. La novità più importante che attende piloti e squadre rispetto al 2020 è quella del ritorno del pubblico – da sempre uno dei tratti distintivi della gara tricolore – che potrà riempire le tribune fino al 50% dei posti disponibili. L’altro elemento innovativo del fine settimana è il ritorno del nuovo formato della Sprint Qualifying che ha debuttato a Silverstone in questa stagione.

 

Il weekend

Piloti e squadre sono dunque attesi da un programma differente dal solito. Al posto delle due ore di prove libere del venerdì ce ne sarà una sola, alle 14.30 CET, seguita alle 18 dalle qualifiche che definiranno la griglia di partenza della Sprint Qualifying. Sabato alle 12 si scenderà in pista per la seconda ora di libere, mentre alle 16.30 prenderà il via la corsa da 100 km (pari a 18 giri) – senza pit stop obbligatorio e con scelta libera di gomme – il cui risultato assegnerà la pole position e le altre posizioni dello schieramento per il via del Gran Premio, fissato per le ore 15 di domenica. Questo format è previsto per un ulteriore appuntamento in questa stagione: la gara di Interlagos, in Brasile.

 

Circuito storico

L’impianto di Monza è uno dei circuiti più leggendari del motorsport. Costruito nel 1922, resta l’unica pista da alta velocità della Formula 1. Lungo i suoi rettilinei, un tempo non intervallati dalle attuali chicane, si sono vissuti alcuni dei duelli più serrati della storia, con sorpassi a ogni giro, favoriti dalla facilità nel prendere la scia delle vetture davanti. L’attuale tracciato è caratterizzato da un’alternanza di curve veloci e lunghi rettifili, con chicane che rallentano la velocità, sottoponendo piloti e vetture a brusche frenate. La curva più celebre è probabilmente la Parabolica, che questo weekend verrà ufficialmente dedicata a Michele Alboreto nel ventesimo anniversario dalla scomparsa del pilota italiano, protagonista in Formula 1 con la scuderia Ferrari dal 1984 al 1988 (80 Gran Premi di cui tre vinti). La curva è un tornantone velocissimo che immette sul traguardo, per la cui percorrenza sono fondamentali trazione ed efficienza della vettura. Anche la prima variante è impegnativa, dal momento che le vetture in 150 metri devono scendere da 340 a 80 km/h. Le monoposto avranno un basso carico aerodinamico, al fine di massimizzare la velocità sui rettilinei, elemento fondamentale per girare veloci e poter sorpassare, ma nella messa a punto bisognerà prestare attenzione anche a non sacrificare troppo la trazione. Due le zone DRS: sul rettilineo principale e tra la seconda curva di Lesmo e la variante Ascari.

 

Ospiti speciali 

Il ritorno del pubblico in circuito vedrà anche il paddock popolarsi nuovamente, con l’arrivo di diversi ospiti, tra cui alcuni olimpionici italiani ai recenti Giochi di Tokyo e l’allenatore della Nazionale italiana di calcio Campione d’Europa, Roberto Mancini.

Articolo originale su ferrari.com]]>
Wed, 8 Sep 2021 19:27:54 +0000 https://www.formula1.it/news/7542/1/ferrari-un-weekend-con-due-gare-e-i-tifosi-sugli-spalti http://www.formula1.it/admin/foto/ferrari-un-weekend-con-due-gare-e-i-tifosi-sugli-spalti-7542-1.jpg
La RB7 vincitrice del doppio titolo in F1 visita le strade di Palermo https://www.formula1.it/news/7541/1/la-rb7-vincitrice-del-doppio-titolo-in-f1-visita-le-strade-di-palermo Dopo due gare intense a Spa e Zandvoort e con il Gran Premio d'Italia in questo fine settimana, la Red Bull Racing è andata in cerca di un po' di riposo e relax con un giro nella capitale siciliana prima del bellissimo caos di Monza.

Ecco tutto quello che dovete sapere:

  • In 'Ciao Palermo, Monza ti chiama', il viaggio su strada rende omaggio a una delle città più suggestive e vibranti d'Italia, iniziando dal più antico e famoso mercato di strada Ballarò di Palermo.
  • La RB7 attraversa poi gli stretti vicoli della pittoresca città prima di percorrere i grandi viali, tra cui il Via Vittorio Emanuele, che attraversa il centro storico.
  • Dopo aver raggiunto i bellissimi Quattro Canti, si dirige verso Porta Felice e la passeggiata del Foro Italico, passando dalla star di YouTube Jakidale lungo la strada.
  • La RB7 lascia per ultima la spiaggia di Mondello dove, dopo aver incontrato il campione del mondo di Wakeboard Massimiliano Piffaretti, viene caricata su una barca per finire il suo viaggio.

Prima del Gran Premio d'Italia, Max Verstappen ha rivelato: "Non vedo l'ora che arrivi il Gran Premio d'Italia. Ho un sacco di storia con il go karting in Italia dai tempi passati e mi piace sempre il cibo lì. Tradizionalmente non è stata la migliore pista per il nostro telaio e il nostro pacchetto di power unit. E' veloce e le zone di frenata sono davvero importanti e abbastanza difficili, ma mi piace guidare lì e spero che quest'anno si adatti meglio a noi. I fan sono così appassionati e i Tifosi vengono fuori in tantissimi. Non vedo l'ora di vederli tutti lì in tribuna".

Verstappen conduce la classifica piloti 2021 a tre punti da Lewis Hamilton con il compagno di squadra della Red Bull Racing Honda Sergio Pérez quinto assoluto e sono 12 punti dietro la Mercedes nella classifica costruttori.

]]>
Wed, 8 Sep 2021 14:09:19 +0000 https://www.formula1.it/news/7541/1/la-rb7-vincitrice-del-doppio-titolo-in-f1-visita-le-strade-di-palermo http://www.formula1.it/admin/foto/la-rb7-vincitrice-del-doppio-titolo-in-f1-visita-le-strade-di-palermo-7541-1.jpg
Red Bull: noi più forti nei dettagli, a Monza sarà diverso https://www.formula1.it/news/7540/1/red-bull-noi-piu-forti-nei-dettagli-a-monza-sara-diverso Max Verstappen

Hai ripreso il comando del campionato dopo aver guidato un fine settimana impeccabile al Gran Premio d'Olanda davanti ai tuoi appassionati tifosi di casa. Come ci si sente?

Non avrei potuto chiedere di più a Zandvoort, ma ora tutti gli occhi sono puntati su Monza. Il Gran Premio d'Italia è solo dietro l'angolo ed è un campionato molto combattuto, quindi i festeggiamenti possono aspettare e un po' di riposo tra i weekend di gara sarà importante.

Un mare di tifosi arancioni ha cantato il tuo nome per tutto il fine settimana. Hai sentito la pressione di esibirti, specialmente nella gara di domenica con entrambe le Mercedes dietro di te?

La gente pensa sempre che ci sia più pressione per i piloti al loro Gran Premio di casa, ma per me è più divertente. Non ti siedi in macchina pensando che devi ottenere risultati perché devi ottenere risultati tutto il tempo in F1 comunque quindi non è diverso. Da parte mia non cambia nulla in termini di pressione se è la tua gara di casa o no. Naturalmente tutti si aspettano molto da te in una gara di casa, quindi è bello essere in grado di fornire e soprattutto di vincere di fronte ai tuoi tifosi, ma è stata una prestazione brillante da tutta la squadra. Strategicamente siamo stati molto acuti, ma sono consapevole che non tutti i fine settimana saranno come Zandvoort, quindi dobbiamo continuare a lavorare come squadra e continuare a spingere perché ci sono ancora un sacco di gare da fare.

Storicamente il circuito di Monza non vi ha sempre favorito. Quali sono i tuoi pensieri per il fine settimana?

Mi aspetto che Monza si adatti alla Mercedes, perché non è stata la nostra pista migliore negli ultimi anni, ma quest'anno siamo più competitivi, quindi non si sa mai. Se continuiamo a fare quello che abbiamo fatto, lavorando bene insieme come una squadra, e controllanfo ogni piccolo dettaglio, allora possiamo essere competitivi, ma la Mercedes potrebbe avere un vantaggio di velocità massima su di noi. La pista sembra facile sulla carta, ma in realtà è abbastanza difficile fare un giro buono lì perché con un set up a bassa deportanza e la lunga zona di frenata la macchina si muove molto. È una pista sconnessa con un asfalto piuttosto vecchio e i tifosi sono davvero appassionati di corse e Formula Uno. Naturalmente c'è sempre un sacco di supporto Ferrari lì, ma i tifosi amano la F1 ed è bello vedere questa energia con gli italiani.

Siete secondi nella classifica costruttori. Chi vedi in vantaggio in questa fase del campionato?

Non credo che né noi né la Mercedes abbiamo un grande vantaggio sull'altro. A Zandvoort si poteva vedere in qualifica e in gara che entrambe le nostre auto sono super vicine e Lewis ha applicato pressione per tutta la gara, il che significava che non potevamo permetterci di fare errori in pista, nella corsia dei box o al muretto dei box, e non lo abbiamo fatto. Penso che siano i dettagli più piccoli dove si può fare la differenza. Quando si entra in un weekend di gara bisogna lavorare duramente come squadra sull'assetto e sulla messa a punto dei piccoli dettagli, è lì che si possono fare i guadagni.


Sergio Perez

I tifosi del GP d'Olanda ti hanno votato come pilota del giorno dopo un incredibile recupero dalla Pit Lane alla P8!

È un peccato che non ci siamo qualificati meglio a Zandvoort, perché avevamo sicuramente il passo per essere sul podio e segnare molti punti per la squadra. Il circuito è stato molto divertente da guidare e mi sono divertito a lottare con gli altri, ogni sorpasso era al limite! Ora è il momento di guardare avanti verso Monza.
Le qualifiche non sono sempre così semplici a Monza con le tattiche di scia che sono un fattore chiave, giusto?
Monza è una sfida unica con tutti che lottano in qualifica per avvicinarsi l'uno all'altro per una scia. Se lo fai bene può fare la differenza, ma può anche diventare un casino come abbiamo visto negli anni precedenti, quindi è importante farlo bene. Con la velocità massima della Mercedes non mi aspetto che Monza sia la nostra pista più forte, ma speriamo di essere in lotta.
 

Questo fine settimana è la seconda volta che proviamo il nuovo formato Sprint Race. Cosa ti aspetti?

Spero in un weekend migliore e più diretto con il formato Sprint Race. L'ultima gara che abbiamo provato è stata a Silverstone e ho fatto un errore che ha rovinato il nostro weekend. Non è andata secondo i piani, quindi non vedo l'ora di iniziare una nuova gara e vedere come va a finire.


Altre curiosità dal team Red Bull

  • Nonostante sia stato il più lento di tutti nella speed trap, Max è stato in pole position al Gran Premio d'Olanda. E' successo anche a Monza, quando Sebastian era in pole nel Gran Premio d'Italia 2011 nonostante fosse il più lento nella speed trap.
  • Max è diventato il 19° pilota nella storia della Formula Uno a completare 1.000 giri in testa ad una gara in carriera.
  • Il Gran Premio d'Olanda è stato il 100° arrivo a punti di Max - solo altri 16 piloti hanno raggiunto questo obiettivo nella storia della F1.
  • Ci sono stati un totale di otto leader di gara nella stagione di Formula Uno 2021: Max ha condotto 485 giri in 11 gare, Lewis ha condotto 128 su 8, Esteban 65 su 1, Charles 50 su 2, Valtteri 27 su 2, Checo 26 su 3, Sebastian 4 su 1 e Fernando 2 su 1.
  • Se i piloti ricevessero punti per i primi dieci pitstop più veloci ad ogni gara, Max e Checo sarebbero ora 1-2 nel "Pitstop World Championship".
  • Il Parco di Monza è il quarto parco chiuso più grande d'Europa, con i suoi 6,88 chilometri quadrati. È più di tre volte più grande del principato di Monaco.
  • Il primo podio della Red Bull come title sponsor è arrivato a Monza nel 1995, quando Heinz-Harald Frentzen è arrivato terzo su una Sauber Red Bull - l'anno prima che la Red Bull fosse messa in vendita in Italia.
]]>
Wed, 8 Sep 2021 08:33:08 +0000 https://www.formula1.it/news/7540/1/red-bull-noi-piu-forti-nei-dettagli-a-monza-sara-diverso http://www.formula1.it/admin/foto/red-bull-noi-piu-forti-nei-dettagli-a-monza-sara-diverso-7540-1.jpg
Alpine: sicuri di essere competitivi a Monza https://www.formula1.it/news/7539/1/alpine-sicuri-di-essere-competitivi-a-monza L'Alpine F1 Team si prepara al quattordicesimo weekend di gara del Campionato Mondiale FIA di Formula 1 2021, il Gran Premio d'Italia.
I piloti Esteban Ocon e Fernando Alonso e il direttore esecutivo Marcin Budkowski condividono i loro pensieri su Monza.

Esteban Ocon: "Mi piace sempre andare in Italia. Ho trascorso molto tempo lì nella mia vita durante la mia carriera di Formula 3 con PREMA Racing e molto del mio karting si è svolto lì da bambino. Parlo italiano, amo il cibo italiano, quindi probabilmente sono quasi mezzo italiano! Monza è un grande circuito. Come squadra, andiamo lì sentendoci abbastanza sicuri e puntando ad essere competitivi. Il nostro pacchetto a bassa deportanza ha dimostrato di essere abbastanza forte, quindi speriamo di poter iniziare rapidamente il venerdì e avere una solida base per noi da perfezionare".

Fernando Alonso: "Correre in posti come Spa, Zandvoort e Monza è un bene per la Formula 1 in quanto questi sono luoghi con un sacco di storia e passione per questo sport. Monza in particolare è un luogo dove si può davvero sentire la storia, è quasi vivo in un certo senso. È un circuito molto veloce e scorrevole e quando si trova il giusto set-up e ritmo può essere un giro molto divertente. Per vincere lì è necessaria una macchina che abbia una buona velocità in rettilineo a causa della natura ad alta velocità del circuito".

Marcin Budkowski: "Qualsiasi triplo appuntamento è impegnativo, significa prepararsi per tre circuiti diversi e correre ogni fine settimana, ma il nostro buon risultato a Zandvoort e l'euforica atmosfera olandese hanno reso lo scorso fine settimana molto piacevole. Monza porta una sfida diversa in quanto è molto veloce, a bassa deportanza e con zone di frenata pesanti dopo i lunghi rettilinei. Siamo anche impazienti di partecipare al secondo evento di qualifiche Sprint dell'anno dopo la prima prova del formato a Silverstone. Abbiamo giocato un ruolo enorme nel successo dello Sprint a Silverstone con entrambi i piloti che hanno fatto bene per tutta la gara".

]]>
Wed, 8 Sep 2021 08:17:31 +0000 https://www.formula1.it/news/7539/1/alpine-sicuri-di-essere-competitivi-a-monza http://www.formula1.it/admin/foto/alpine-sicuri-di-essere-competitivi-a-monza-7539-1.jpg
Le condizioni di Schumacher migliorano lentamente https://www.formula1.it/news/7538/1/le-condizioni-di-schumacher-migliorano-lentamente Sono trascorsi circa sette anni e mezzo da quella mattina del 29 dicembre 2013, quando Michael Schumacher restò vittima di un grave incidente durante una discesa in sci sulle montagne di Meribel. Da quel giorno, le notizie sulle sue condizioni di salute ci sono sempre giunte col contagocce, con la famiglia fortemente decisa a tutelare la privacy del sette volte Campione del Mondo. Pochissimi gli aggiornamenti che sono trapelati, tutti ad opera di Jean Todt, grande amico dell'ex pilota tedesco. Anche questa volta, ulteriori novità le ha riportate l'ex amministratore delegato e direttore generale della Ferrari. Di seguito un estratto delle sue dichiarazioni ai microfoni della Bild.

 "Michael, grazie al lavoro dei suoi medici e alla collaborazione di Corinna, è sopravvissuto, ma con conseguenze. Migliora lentamente e sicuramente continuerà a farlo. Ho trascorso molto tempo con Corinna da quando Schumi ha avuto il suo grave incidente sugli sci il 29 dicembre 2013. È una grande donna e gestisce la famiglia. Non se lo aspettava. È successo all’improvviso e non aveva scelta. Ma lo fa molto bene. Mi fido di lei, lei si fida di me".

Inoltre, in una recente intervista, anche Bernie Ecclestone, ex boss della Formula 1, ha speso alcune parole riguardo l'idolo dei tifosi ferraristi:

"Non è con noi in questo momento. Ma quando starà meglio, risponderà a tutte le domande".

Insomma, arrivano notizie più o meno incoraggianti riguardo la salute della leggenda delle quattro ruote, che evidentemente però non è ancora in grado di poter apparire pubblicamente. Speriamo che al più presto possa essere lui a mandare un messaggio, o almeno un segnale. Basterebbe questo per strapparci un sorriso. 

MICHAEL SCHUMACHER: NETFLIX E IL DOCUMENTARIO AL MITO DELLA FORMULA UNO

]]>
Tue, 7 Sep 2021 16:28:08 +0000 https://www.formula1.it/news/7538/1/le-condizioni-di-schumacher-migliorano-lentamente http://www.formula1.it/admin/foto/le-condizioni-di-schumacher-migliorano-lentamente-7538-1.jpg
Gp Olanda - Le pagelle https://www.formula1.it/news/7536/1/gp-olanda-le-pagelle Bentornata Zandvoort! Bentornata Olanda!
Dopo 36 anni di assenza, l'Olanda torna nel calendario di Formula Uno rendendo, di fatto, il tredicesimo round stagionale un appuntamento storico per il Circus iridato.
Un avvenimento che ha regalato una gara di assoluto livello, non tanto per l'azione in pista, quanto per l'intensità della gara che è andata in scena.
Il GP, in riva al Mare del Nord, ha regalato un¥ spettacolo davvero intenso, tutto ritmo e giocato sulle strategie che, come nelle migliori storie, nel finale ha regalato la vittoria al padrone di casa, Max Verstappen, davanti alla sua gente.

Il tredicesimo round stagionale ha riservato un bel rimescolamento, in termini prestazionali, dei vari team di centro classifica, consegnandoci una Ferrari in lieve affanno, doppiata e incapace di stare davanti all'Alpha Tauri, ma superiore a tutti gli altri team del midfiel.
Contemporaneamente, si è vista una Red Bull di nuovo nella condizione di macchina da battere, forte in ogni scenario, sublimata da un team impeccabile nella gestione gara.
Non solo, ma la gara a Zandvoort, ci ha consegnato una Alpha Tauri davvero in forma. Infine, dalla seconda gara dopo la pausa estiva, emerge una Mercedes non più al top, come prima della pausa, sempre in grado di battagliare per pole e vittoria, ma incapace di piazzare la zampata decisiva, anche a causa di una gestione gara tutt'altro che impeccabile.

Parlando della gara in senso stretto, l'azione non è stata molta e i sorpassi hanno scarseggiato.
La corsa però è stata tirata e di tattica, che però non ha regalato sorprese in termini di vincitore finale che, ancora una volta, è stato Max Verstappen che, davanti al suo popolo, ha riconquistato la leadership del mondiale.
Svolte queste premesse, andiamo allora ad analizzare il rendimento di team e piloti, durante il Gran Premio d'Olanda, con le nostre pagelle.

Mercedes: 7.5
Nel complesso, il loro weekend non è male, poiché allungano in classifica costruttori su Red Bull e come performance sono lì. I guai però emergono nella gestione gara, visto che il team appare in confusione nella gestione delle fasi clou decisive. Per il titolo urge un rapido reset.

Hamilton: 9
Lotta come un dannato dal giro 1 al giro 72, andando costantemente oltre i limiti della macchina e non mollando un millimetro, anche disobbedendo alle istruzioni del box per la gestione delle gomme. Ad oggi sembra essere l'unica ancora a cui Mercedes può aggrapparsi.

Bottas: 6
Fa il suo sia in qualifica che in gara, chiudendo terzo. Nelle fasi cruciali della gara, quando dovrebbe aiutare Hamilton non è impeccabile, anzi. Alla fine quasi sottrae il punto del giro veloce al team mate. Forse il passaggio in Alfa nel '22 potrebbe fargli bene.

 

Red Bull: 8.5
Come sempre in questa stagione, la performance è al top, così come la gestione gara. Sembrano aver archiviato il momento no di Silverstone e Budapest.
Peccato che i buoni risultati arrivino solamente da una delle due punte.

Verstappen: 10 e lode
Come dice sempre Chris Horner in radio "You're the man". Ebbene sì, è proprio lui, Max, l'uomo del weekend, autore di una tre giorni assolutamente impeccabile. Portato in trionfo dalla sua gente, lascia Zandvoort da leader del mondiale.

Perez: 5.5
Autore di una pessima qualifica, parte dalla pit lane. In gara lotta a vita persa per 72 giri, rimontando alla grande fino alla zona punti. Ha potenziale, ma fatica ad esprimerlo, poiché si mette in difficoltà da solo con brutte qualifiche.

 

Ferrari: 6
Weekend senza infamia e senza lode per il team di Maranello, alle spalle dell'Alpha Tauri di Gasly sia in qualifica che in gara. Niente acuti, ma un fine settimana solido nella lotta con McLaren per il terzo posto nel mondiale costruttori.

Leclerc:  7.5
Fa quel che può con la SF21 che ha tra le mani. Batte Sainz sia in qualifica che in gara. Nei 72 giri del GP lotta sul passo con Gasly, ma la sua vettura non ne ha abbastanza per sopravanzare il Francese.

Sainz: 6
Così come per Ferrari, fine settimana senza acuti per il Madrileno. È dietro a Leclerc al Sabato. In gara paga sul passo rispetto al compagno e sul finale entra in crisi di gomme, chiudendo dietro Alonso.

 

Mclaren: 5.5
Weekend davvero difficile per il team di Woking, forse il peggiore della stagione. In sofferenza in qualifica, così come in gara, chiudono ai margini della zona punti. Perdono punti rispetto a Ferrari per la lotta nel mondiale costruttori.

Norris: 6
Male al Sabato dove, anche a causa delle bandiere rosse, incappa nella peggior qualifica della stagione. In gara rimonta bene e chiude decimo, battendo, ancora una volta nel 2021, Daniel Ricciardo.

Ricciardo: 6
Bene al Sabato, dove batte Lando Norris nella lotta interna al team. In gara arranca, come sempre gli accade in stagione e, di nuovo, viene battuto dal compagno di box.

 

Aston Martin: 5
Dopo il podio in Ungheria, sembrano aver perso la rotta e incappano in un fine settimana davvero negativo. Male in qualifica e fuori dai punti con entrambi i piloti. Vanno avanti di alti e bassi, sperando in un 2022 migliore.

Vettel: 5.5
Fine settimana complesso per il Tedesco, forse anche a causa delle voci sul suo futuro. Sfortunato in qualifica, impreciso in gara, chiude fuori dalla zona punti, battuto anche dal compagno Stroll.

Stroll: 6
Non sbaglia, batte il ben più blasonato compagno di team, ma chiude fuori dalla top10. Il suo lo fa, ma con la poca velocità della sua Aston è il massimo che può.

 

Alpine: 7.5
Sono chiaramente in crescita rispetto ad inizio anno, capaci di centrare costantemente la zona punti. In questo fine settimana lottano con Ferrari e Alpha Tauri, avendo sorpassato Aston e McLaren. Davvero un buon trend su cui costruire un bel 2022.

Alonso: 8
Passano gli anni ma lui è sempre una garanzia. Partenza da vero racer per lo Spagnolo che, per tutta la gara è alle spalle delle Ferrari e davanti ad Ocon, pronto a sfruttare l'occasione che, nel finale arriva e lo porta a sorpassare Carlos Sainz. Davvero bravo.

Ocon: 7
Continua a ben figurare e non fare errori di alcun tipo, dopo la vittoria in Ungheria. Centra, ancora una volta, la Q3, a ridosso di Alonso. Lotta nelle prime fasi di gara con lo Spagnolo e ma alla fine è nono.

 

Alpha Tauri: 7
Come da consuetudine ormai, il fine settimana del team di Faenza è a doppia faccia, con un driver in Q3 e quarto sul traguardo, mentre l'altro è ritirato. Davvero un bel fine settimana, come performance, per il team di Franz Tost, che fa ben sperare per Monza.

Gasly: 9
Tre giorni magici per Pierre che, da driver di assoluto livello, trae il massimo dalla sua monoposto, davvero competitiva in Olanda. Bravissimo in Q3, dove è quarto, davanti alle Ferrari, così come in gara.

Tsunoda: 5
Passano le gare, aumenta la sua esperienza ma non cambiano i suoi risultati. Male in qualifica, come sempre battuto da Gasly, ritirato in gara.

 

Alfa Romeo Racing: 6.5
Per la prima volta da inizio anno, Alfa mette in pista una monoposto davvero competitiva ma tra positività al Covid, dadi ruota e forature, portano a casa l'ennesimo zero.
Peccato, ma il trend imboccato sembra buono.

Kubica: 6
Messo in macchina in extremis, a causa della positività al Covid-19 di Kimi Raikkonen. Va in qualifica quasi senza girare e non sfigura. Anche in gara non si mette in mostra ma è davvero solido e chiude appena alle spalle di Giovinazzi. A Monza, se ci sarà, potrebbe fare bene.

Giovinazzi: 8
Poteva essere il fine settimana migliore della stagione per Antonio, oltre che decisivo per il suo avvenire, ma la ruota della sfortuna si ferma sempre su di lui e una foratura gli compromette una gara che, tranquillamente, lo avrebbe portato in zona punti.

 

Haas: 5.5
Come sempre navigano nelle retrovie, lottando per le ultime due posizioni. Portano una macchina al traguardo, mentre l'altra è out. Questo, di fatto, rappresenta una nota negativa nel bilancio del loro fine settimana.

Schumacher: 6
Come sempre non sbaglia e porta la macchina al traguardo, dopo un contatto con Nikita Mazepin nei primi giri, dopo che tra i due erano volate parole grosse per l'out lap in qualifica.

Mazepin: 5.5
Si ritira, causa problemi tecnici, dunque il suo fine settimana è poco valutabile. È davanti a Schumacher in qualifica e durissimo con lui nelle prime fasi di gara, dopo che tra i due erano volate parole grosse per l'out lap in qualifica.

 

Williams: 5.5
Dopo il bel weekend di Spa, sembrano aver velocità ma a causa di vari errori dei piloti non lo concretizzano. Sia Latifi che Russell sbagliano in qualifica e si compromettono la gara, chiusa per entrambi a zero punti.

Russell: 5.5
Dopo il podio a Spa, è autore di un fine settimana non privo di errori che gli compromettono il risultato finale. Sta facendo bene, quello che deve dimostrare lo sta dimostrando, non deve strafare.

Latifi: 5.5
Probabilmente sta soffrendo la grande competitività di Russell e, per stare al suo livello, prova a strafare. Il tutto però lo porta a sbattere in Q2, partire del fondo e chiudere nelle retrovie a zero punti.

]]>
Mon, 6 Sep 2021 19:05:37 +0000 https://www.formula1.it/news/7536/1/gp-olanda-le-pagelle http://www.formula1.it/admin/foto/gp-olanda-le-pagelle-7536-1.jpg
Ufficiale: Bottas firma contratto pluriennale con Alfa Romeo https://www.formula1.it/news/7537/1/ufficiale-bottas-firma-contratto-pluriennale-con-alfa-romeo- Valtteri Bottas si unirà all'Alfa Romeo Racing ORLEN per la stagione 2022 e oltre, firmando un accordo pluriennale con il team di Hinwil.
 

Bottas, che ha al suo attivo nove vittorie in Formula1, si unisce al team Alta Romeo nell'anno cruciale di transizione verso la nuova era della Formula Uno, con cambiamenti radicali del regolamento che forniranno un'opportunità unica per muoversi verso posizioni più importanti in griglia.

Nato a Nastola, Finlandia, il 28 agosto 1989, Valtteri ha avuto una carriera illustre nelle formule junior, diventando il secondo pilota a vincere sia la Formula Renault Eurocup e la Formula Renault Northern European Cup nello stesso anno, nel 2008, ed a seguire ha vinto il Masters of Formula 3 nel 2009 e 2010 - il primo a raggiungere questa importante doppio trionfo. Una promozione alla serie GP3 ha visto Valtteri vincere quattro gare e rivendicare il titolo, dimostrando di essere pronto per la categoria regina del motorsport.

Il debutto in Formula Uno ha avuto luogo nel 2013, con Williams, dove Valtteri è emerso come uno dei talenti più brillanti nello sport, prima di una promozione in Mercedes nel 2017. Lì, il finlandese avrebbe giocato un ruolo cruciale nel garantire quattro titoli costruttori, vincendo la sua prima gara a Sochi nel 2017 e aggiungendo altri otto primi posti al suo palmares,  insieme a un totale di 54 podi per il team di Brackley.

Nove vittorie, 17 pole position e 63 podi sono una forte presentazione per Valtteri, vice campione del mondo nel 2019 e 2020. Il prossimo anno inizierà una nuova pagina per il talento di Nastola. Unirsi all'Alfa Romeo Racing ORLEN permetterà a Valtteri di mettere a frutto la sua esperienza in Formula Uno per aiutare la squadra a risalire la classifica. Con i nuovi regolamenti che forniscono un grande reset nello sport, c'è l'opportunità per la squadra e il pilota di scrivere una nuova storia di successo insieme.

Valtteri Bottas, pilota: "Si apre un nuovo capitolo nella mia carriera di pilota: Sono entusiasta di unirmi all'Alfa Romeo Racing ORLEN per il 2022 e oltre, per quella che sarà una nuova sfida con un produttore iconico. Alfa Romeo è un marchio che non ha bisogno di presentazioni, hanno scritto alcune grandi pagine della storia della Formula Uno e sarà un onore rappresentare questo marchio. Il potenziale della configurazione a Hinwil è chiaro e sto assaporando l'opportunità di aiutare a guidare la squadra in avanti sulla griglia, soprattutto con i nuovi regolamenti nel 2022 dando al team la possibilità di fare un salto di prestazioni. Sono grato per la fiducia che la squadra ha riposto in me e non vedo l'ora di ripagare la loro fiducia: Sono affamato come sempre di correre per ottenere risultati e, quando sarà il momento, per vincere. Conosco bene Fred [Vasseur] e non vedo l'ora di conoscere il resto della squadra con cui lavorerò, costruendo relazioni forti come quelle che ho alla Mercedes. Sono orgoglioso di ciò che ho raggiunto a Brackley e sono pienamente concentrato a finire il lavoro mentre lottiamo per un altro campionato del mondo, ma sono anche impaziente di affrontare le nuove sfide che mi aspettano il prossimo anno".

Frédéric Vasseur, Team Principal di Alfa Romeo Racing ORLEN: "È un piacere dare il benvenuto a Valtteri nella squadra e non vediamo l'ora di iniziare il nostro viaggio insieme. Con lui, portiamo a Hinwil un forte giocatore di squadra con esperienza nella parte alta della griglia. Valtteri è stato parte integrante di una squadra che ha riscritto i libri di storia e ha quattro titoli mondiali costruttori a suo nome: è il pilota giusto per aiutare Alfa Romeo Racing ORLEN fare un passo avanti verso la parte anteriore della griglia. Il nostro rapporto risale a molto tempo fa, a quando abbiamo lavorato insieme in stagioni di successo in F3 e GP3, e il suo talento e le sue capacità sono stati evidenti da allora, crescendo con il tempo: Sono davvero impaziente di vederlo mettere la sua abilità al lavoro per il bene della squadra. L'accordo pluriennale che lo porta da noi dà sia aValtteri che alla squadra la stabilità di cui abbiamo bisogno per costruire il nostro progetto in un momento cruciale per la Formula Uno: siamo entusiasti di ciò che il futuro ha in serbo".

]]>
Mon, 6 Sep 2021 14:51:38 +0000 https://www.formula1.it/news/7537/1/ufficiale-bottas-firma-contratto-pluriennale-con-alfa-romeo- http://www.formula1.it/admin/foto/ufficiale-bottas-firma-contratto-pluriennale-con-alfa-romeo--7537-1.jpg
Gp Olanda - Vince Max Verstappen https://www.formula1.it/news/7535/1/gp-olanda-vince-max-verstappen Il Gp di Olanda promette tantissime emozioni. In prima fila ci sono i contendenti al titolo, Max Verstappen al palo con accanto Lewis Hamilton. Dietro di loro Bottas e un ottimo Gasly che ieri ha conquistato il quarto posto sopravanzando le Ferrari di Leclerc e (P5) e Sainz (P6).

Prima della partenza sulla monoposto di Vertappen è stato sostituito il meccanismo che aziona il DRS con l'autorizzazione della FIA (per motivi di sicurezza).

La strategia migliore secondo Pirelli è ad una sola sosta, passando su gomma hard dopo 25/30 giri.

Al via su gomma hard solo Perez, su medie Russell, Norris, Kubica, Mazepin, Latifi e su soft tutti gli altri.

Si spengono i semafori e partono benissimo tutti i primi, ottimo spunto delle due Alpine che superano subito Giovinazzi, parzialmente stoppato da Sainz a sua volta leggermente bloccato dietro a Leclerc.

Dopo il primo giro inizia ad uscire fumo bianco dalla McLaren di Ricciardo con Russel che via radio segnala una perdita di olio per la McLaren che lo precede. Ma il problema sembra rientrare e Ricciardo continua.

Problemi per Perez che è costretto a rientrare quasi subito ai box per sostituire le gomme rovinate dopo un contatto al via. 

I primi tre hanno un ritmo insostenibile per il resto del gruppo. Già 12 secondi tra Gasly e Verstappen dopo soli 5 giri.

La gara scorre via senza nessun sorpasso in pista e la principale preoccupazione dei piloti è la gestione delle gomme con un degrado che sembra più altro di quanto previsto. Alcuni piloti, tra cui Vettel, sono quasi costretti a passare ad una strategia a due soste.

Gli unici sorpassi si vedono quindi nelle retrovie con Perez che recupera qualche posizione ai danni di Mazepin, Latifi e Kubica.

Nel giro 20 Hamilton segnala via radio di non avere più gomma (soft), dai box lo richiamano per cambiare gomme e passare su medie. Si copre subito la Red Bull richiamando Versteppen nel giro successivo. Il pitstop di Lewis è stato piuttosto lungo, 3.9 secondi, perchè Hamilton non si è fermato nel punto corretto ma 20 cm più avanti. Mentre perfetto quello di Verstappen 1.9 secondi.

Anche Gasly si ferma ai box 3 giri dopo, lasciando la P4 e rientrando in pista in P7, con gomme medie nuove, alle spalle di Alonso. Il pilota Alpha Tauri ha molto ritmo ed attacca e super presto anche Alonso.

Verstappen nel frattempo ha raggiutno Bottas che dovrebbe avere il compito di rallentarlo un po' per consentire ad Hamilton di chiedere il gap. Strategia che non riesce perchè Bottas va un po' lungo all'ultima curva e Verstappen riesce a passarlo sul rettilineo prima di curva 1.

Una volta subito il sorpasso Bottas si ferma ai box, e nello stesso giro anche Sainz e Ricciardo. Continua ancora Leclerc che non ha margine per uscire davanti a Gasly e la Ferrari tenta quindi di avere gomme più fresche sul finale. Il pit per Leclerd arriva al giro 30 ma ha 10 secondi di ritardo su Gasly.

Davvero sfortunatissimo Giovinazzi. Il pilota Alfa Romeo è costretto ad effettuare due soste quasi consecutive a causa di una foratura alle gomme. Gara compromessa e punti che non arriveranno neanche oggi. 

E' Hamilton a pittare per primo nella seconda finiestra di soste al giro 40, per tentare ancora una volta un undercut su Verstappen, ma c'è un errore del box Mercedes che sceglie la finestra sbagliata rimandandolo in pista in pieno traffico, e Lewis se ne lamenta via radio.

Nei giri successivi, ed in rapida successione, arrivano i ritiri per problemi meccanici sia di Mazepin che di Tsunoda.

Nel frattempo Perez continua la sua rimonta enella seconda sosta monta gomme rosse e supera rapidamente Russel e Ricciardo guadagnando la P10 e la zona punti nonostante il difficile inizio. Negli ultimi giri riesce anche a superare Norris ed Ocono conquistando la P8 finale.

A 15 giri dalla fine la gestione delle gomme è fondamentale e sia Verstappen che Hamilton aspettano la mossa dell'avversario. Hamilton si avvicina molto al leader ma le sue gomme sono quasi finite ed a 10 giri dalla fine deve rinunciare alla lotta.

Negli ultimi giri c'è tempo per una bella lotta tra Alonso e Saniz per la P6. Il pilota Ferrari deve difendersi e lo fa benissimo fino all'ultimo giro quando non riesce a chiudere sull'attacco di Alonso.

Vince Max Verstappen, tra un tripudio di bandiere e fumogeni orange. Secondo posto per Lewis Hamilton e sul podio anche l'altra Mercedes di Bottas.

]]>
Sun, 5 Sep 2021 14:40:09 +0000 https://www.formula1.it/news/7535/1/gp-olanda-vince-max-verstappen http://www.formula1.it/admin/foto/gp-olanda-vince-max-verstappen-7535-1.jpg
Gp Olanda - Qualifiche - Pole position per Verstappen https://www.formula1.it/news/7534/1/gp-olanda-qualifiche-pole-position-per-verstappen Altissima concentrazione per le qualifiche del Gp d'Olanda 2021, che saranno determinanti anche per il risultato della gara di domani, perchè sul circuito di Zandvoort è davvero difficile effettuare sorpassi. 

Lo sa bene la Ferrari, con i meccanici che riescono a rimettere insieme la SF21 di Sainz appena qualche minuto prima del via della sessione, dopo il gran botto dello spagnolo nelle FP3 che aveva seriamente danneggiato gra parte del telaio, per fortuna non il cambio (la cui sostizione avrebbe comportato una penalità in griglia).

Il favorito per la pole è senza alcun dubbio il padrone di casa Max Verstappen, che con una Red Bull estremamente scarica ha fatto benissimo nelle precedenti sessioni.

A fare la differenza a Zandvoort è anche la fiducia ed il coraggio del pilota che nel primo settore affronta una serie di curve veloci, tra cui la bellissima curva 3, che solo pochi affrontano al limite. Tra questi proprio Max e il veterano Fernando Alonso.

La Q1 inizia con ottime condizioni meteo, c'è il sole a Zandvoort. I piloti scendono presto in pista, anche con gomme usate, per prendere confidenza con un tracciato su cui hanno corso solo nelle precedenti 3 sessioni.

Vanno subito forte le Red Bull con Verstappen che piazza un ottimo 1:10.036 su gomma rossa, ma Hamilton risponde subito e si mette a solo 1 decimo dal padrone di casa e lo fa con gomma gialla, seguito dal suo compagno di squadra anche lui con gomma gialla. Dopo le Mercedes il gruppo è molto vicino, ed a guidarlo in questo momento è Pierre Gasly, davanti a Leclerc, Alonso, Peres e Sainz.

La pista va progressivamente a gommarsi ed i tempi scendono, e quindi per il secondo tentativo sono tutti in pista ad eccezione di Verstappen e di Gasly. Le Mercedes scendono anche in pista ma per fare un giro con gomme rosse per preparare Q2 e Q3. Si migliorano praticamente tutti ed il Q1 finisce con le Ferrari in testa (Leclerc primo) ed un primo colpo di scena: il primo degli esclusi è Sergio Perez sulla stessa Red Bull con cui Max sta dominando. Esclusi anche Vettel (con il compagno in P13), Kubica (con Giovinazzi in P4), e le due Haas con Schumacher davanti a Mazepin del solito 1/2 secondo. Bene le Williams entrambe velocissimi ed in Q2. Non un bel modo per festeggiare la conferma per il 2022 per Sergio Perez, in difficoltà per tutto il weekend.

La Q2 inizia subito con un tempo mostruoso di Max Verstappen 1:09.071, a cui questa volta non riescono a rispondere le Mercedes, che restano a 6 decimi con Hamilton e 7 decimi con Bottas.

Nel frattempo è salito molto il vento rendendo difficili le tante curve a media velocità su cui può improvvisamente mancare grip, ma la pista continua a migliorarsi e nel primo tentativo sono Leclerc e Gasly ad inserirsi tra Verstappen e le due Mercedes. Leggermente in difficoltà in questa fase è Lando Norris che sbaglia il primo tentativo ed è a rischio di non passare la Q2. Ed a complicare le cose arrivano le bandiere rosse per un testacoda e fuoripista di Geroge Russel che perde il posteriore all'ultima curva. L'urto contro le barriere non è leggero, ma il pilota inglese esce da solo dalla ghiaia e riporta la sua Williams ai box dove riescono a sistemare la monoposto per dare al pilota inglese un altro tentativo nel Q2. Meno fortunato invece è Giovinazzi che ha un problema alla sua monoposto in cui la gomma anteriore destra è rimasta bloccata a causa di un dado ko (stessa problematica avuta da Bottas a Monaco)

Nenache il tempo di far ripartire la sessione che si vede un'altra Williams andare violentemente contro le barriere con il posteriore. E' quella di Latifi questa volta. La direzione gara stabilisce che la sessione termina qui. (anche se il timer segna 1.37 secondi al termine, tempo sufficiente ad effettuare un altro tentativo). Brutta notizia per Norris che rimane escluso e buona notizia per Giovinazzi che invece accede al Q3 con una ottima P10, ed per i suoi meccanici che hanno ancora un po' di tempo per estrarre la ruota anteriore destra.

Lunga la pausa prima della ripartenza che avviene solo alle 16.08 per la ncessità di sistemare le barriere di protezione, tempo sufficiente ai meccanici Alfa Romeo per sistemare il problema del dado bloccato.

Nel Q3, per sfruttare l'evoluzione della pista, le scuderie attendono prima di mandare in pista i piloti. Il primo è Daniel Ricciardo dopo due minuti dal via, seguito immediatamente dopo da tutti gli altri. Ancora una volta è Max Verstappen a far registrare un tempo mostruoso 1:08.923 a cui le Mercedes non riescono a rispondere fermandosi a 3 decimi con Bottas e 3 decimi e 1/2 con Hamilton. Segue uno splendido Gasly davanti a Leclerc e Sainz (che ha fatto il suo primo giro con gomma usata). Le gerechie sembrano ben delineate resta in dubbio la lotta per la quarta posizione tra Gasly e Leclerc, e per la seconda posizione con Hamilton che almeno vuole partire in prima fila accanto a Verstappen.

I primi a scendere in pista per l'ultimo tentativo sono i due piloti Ferrari, che migliorano i tempi ma non migliorano le loro posizioni chiudendo in P5 e P6 dietro ad un ottimo Gasly che riesce ancora a migliorarsi. Hamilton invece riesce a migliorarsi ed a prendere la seconda posizione davanti a Bottas, ma non la pole position che rimane Verstappen per soli 38 millesimi. 

SUPER SUPER SUPER prestazione di Antonio Giovinazzi che chiude in P7 davanti alle due Alpine con Ocon (P8) davanti ad Alonso (P9). Decima posizione per Ricciardo.

]]>
Sat, 4 Sep 2021 15:24:55 +0000 https://www.formula1.it/news/7534/1/gp-olanda-qualifiche-pole-position-per-verstappen http://www.formula1.it/admin/foto/gp-olanda-qualifiche-pole-position-per-verstappen-7534-1.jpg
Gp Olanda - Prove libere del venerdì - Ferrari in testa https://www.formula1.it/news/7533/1/gp-olanda-prove-libere-del-venerdi-ferrari-in-testa Leclerc è stato il primo e unico pilota a scendere sotto la barriera di 1m11s a Zandvoort. Il pilota della Ferrari ha registrato un tempo di 1m10.902s ed è stato rapidamente raggiunto dal compagno di squadra Carlos Sainz Jr, al secondo posto a soli 0.154s.

L'inizio della sessione pomeridiana è stata ritardata di cinque minuti e Kimi Raikkonen è stato il primo pilota in pista, seguito da Sergio Perez e Nikita Mazepin. Tutti i piloti, tranne le McLaren, le Williams, Fernando Alonso e Pierre Gasly (che hanno scelto C1, hards) hanno optato per le gomme gialle C2 per iniziare la sessione.

Raikkonen ha impostato il primo miglior tempo con 1m14.256s, ma è stato rapidamente ricacciato indietro dalla Red Bull di Perez più veloce di sette decimi.

Valtteri Bottas si è poi stabilito in cima ai tempi dopo soli quattro minuti, portando la sua Mercedes sul tempo di 1m11.66s, quattro decimi davanti alle Ferrari.

Il primo giro di Hamilton è stato completato in 1m11.911s portandosi al secondo posto, ma la sua giornata è finita poco dopo quando si è dovuto fermare ed ha fatto bloccare la sessione dopo soli sei minuti.

Il sette volte campione di F1 ha segnalato una perdita di potenza, apparentemente a causa di un'irregolarità di alimentazione dell'olio, e gli è stato ordinato di fermare la sua Mercedes alla curva 8 a destra all'estremità della pista, con grandi applausi dalle tribune.

L'auto di Hamilton è stata spinta in una via di fuga e la sessione è ripresa dopo otto minuti, ma il campione inglese non ha potuto riprendere la sessione, finendo all'11° posto.

Alla ripartenza Ocon e il favorito di casa della Red Bull Max Verstappen, si sono subito piazzati al secondo e terzo posto dietro Bottas.

Sebastian Vettel è riuscito a tornare sul circuito solo a 45 minuti dalla fine, dopo che un sospetto guasto all'ERS nelle prove della mattina lo aveva costretto ad una lunga inattività.

A 39 minuti dalla fine Bottas è passato presto alle gomme morbide C3 per iniziare le prove di qualifica. Il finlandese ha registrato un 1m11.664s per riaffermare il suo primato nella parte superiore dei tempi prima che Ocon registrasse un ottimo giro veloce di 1m11.074s.

Alonso nel frattempo si era portato al terzo posto davanti a Pierre Gasly, a 0.495s dal suo compagno di squadra, prima che una seconda bandiera rossa interrompesse la corsa. Mazepin ha creato la seconda interruzione a metà della sessione quando ha perso il posteriore della sua Haas all'ingresso della curva 11 lasciando la macchina nella ghiaia.

Alla ripresa le Ferrari si sono portate rapidamente in testa, ma le numerose interruzioni hanno portato a una rapida e precoce conclusione delle simulazioni di qualifica.

La classifica dice quindi che Leclerc conduce davanti a Sainz e Ocon, con Bottas quarto davanti a Verstappen, che ha concluso la giornata con un miglior tempo di 1m11.264s a 0.362s dalla Ferrari.

Ma la maggior parte della sessione per Verstappen è stata dedicata alla simulazione di gara, registrando dei costanti ed ottimi tempi tra 1m15.1 e 1m15.4s durante il quarto d'ora finale.

Alonso e Gasly sono arretrati quindi al sesto e settimo posto, mentre Lando Norris è passato alle softs per battere l'Alfa Romeo di Antonio Giovinazzi all'ottavo posto.

Vettel ha recuperato un po' di terreno perso conquistando il decimo posto, davanti ad Hamilton (che ha fatto solo qualche giro nella prima parte della sessione) e Sergio Perez.

George Russell, che ha segnato il suo primo podio in F1 a Spa lo scorso fine settimana, ha chiuso la sessione con un tempo di 1m12.955s a bordo della sua Williams.

Articolo originale su autosport.com

]]>
Fri, 3 Sep 2021 19:34:45 +0000 https://www.formula1.it/news/7533/1/gp-olanda-prove-libere-del-venerdi-ferrari-in-testa http://www.formula1.it/admin/foto/gp-olanda-prove-libere-del-venerdi-ferrari-in-testa-7533-1.jpg
Gp Olanda - Le mescole più dure per il nuovo Zandvoort https://www.formula1.it/news/7532/1/gp-olanda-le-mescole-piu-dure-per-il-nuovo-zandvoort Perchè abbiano nominato queste mescole
  • Con il Gran Premio d’Olanda a Zandvoort, tornato a far parte del calendario di Formula 1 dopo 36 anni, è la quarta volta in questa stagione che vengono scelte le tre mescole più dure della gamma P Zero: la C1 sarà P Zero White hard, la C2 sarà P Zero Yellow medium e la C3 sarà P Zero Red soft.
  • Il ritorno del Gran Premio d’Olanda era inizialmente previsto per il 2020, ma è stato rimandato a quest’anno a causa della pandemia da Covid-19. Per via delle curve molto impegnative e per la mancanza di dati significativi a cui far riferimento, le mescole più dure risultano la scelta più adatta.

Caratteristiche del tracciato

  • Il circuito di Zandvoort di oggi è abbastanza diverso da quello che ospitò la Formula 1 nel 1985. In particolare, le curve 3 e 14 (dedicate rispettivamente al precedente direttore del circuito John Hugenholtz e al pilota olandese Arie Luyendyk) hanno un banking di circa 19 gradi. Si tratta di un banking che è oltre il doppio di quello di Indianapolis (che è di circa 9 gradi) e questo significa che le monoposto potranno affrontare queste curve con una velocità molto più elevata rispetto al passato, sottoponendo i pneumatici a uno stress maggiore.
  • La curva 14 viene percorsa a tutto gas, generando forze superiori ai 4g, mentre in altre due curve le frenate generano forze di circa 5g: le entrate in curva 1 e in curva 11. La curva 7, percorsa ad una velocità di oltre 260 km/h, è un altro punto in cui si generano forze laterali di circa 5g. A questa seguono immediatamente le curve 8 e 9 che vanno a completare una serie di tre curve consecutive con elevate forze g.
  • Come prevedibile per un circuito inaugurato nel 1948, Zandvoort è un tracciato vecchio stile, con curve strette e veloci e numerosi cambi di elevazione.
  • Una delle curve più famose è il Tarzanbocht, la prima curva del giro, che oggi è più vicina alla linea del traguardo rispetto a com’era originariamente. La Hans Ernst Bocht invece, situata a fine giro, ha un’uscita più ampia rispetto a prima e quindi consente ai piloti di accelerare prima.
  • Zandvoort si trova vicino a una spiaggia di dune di sabbia che qualche volta viene depositata dal vento sul tracciato, compromettendone il grip: questa caratteristica è tipica di luoghi come il Bahrain.

 

Mario Isola – Responsabile F1 e Car Racing

“Il Gran Premio d'Olanda rappresenta ovviamente una sfida inedita per noi, ma grazie anche ai dati forniti da Formula 1 e dai team siamo stati in grado di stabilire una nomination mescole e delle prescrizioni in linea con quelle che dovrebbero essero le caratteristiche di questo nuovo entusiasmante tracciato. Essendo una pista nuova, le sessioni di prove libere saranno fondamentali per raccogliere dati reali e formulare la strategia pneumatici per la gara. Quello che è certo è che la conformazione del circuito sottoporrà i pneumatici a carichi impegnativi, come abbiamo visto dalle simulazioni al computer che abbiamo effettuato. Quest’anno abbiamo già corso a Zandvoort nel GT World Challenge e questo ci ha fornito qualche informazione utile”.

PRESSIONI MINIME AL VIA (slick) EOS CAMBER LIMIT
PRESSURE 22.0 psi (anteriore) |
21.5 psi (posteriore)
-3.00° (anteriore) | -2.00° (posteriore) CAMBER

 

Altre notizie da Pirelli

  • Venerdì non sarà esattamente la prima volta che i pneumatici Pirelli circolano a Zandvoort con una monoposto di Formula 1 moderna: l'anno scorso infatti, Max Verstappen ha completato un giro dimostrativo in una Red Bull RB8 del 2012.
]]>
Fri, 3 Sep 2021 11:37:07 +0000 https://www.formula1.it/news/7532/1/gp-olanda-le-mescole-piu-dure-per-il-nuovo-zandvoort http://www.formula1.it/admin/foto/gp-olanda-le-mescole-piu-dure-per-il-nuovo-zandvoort-7532-1.jpg
Red Bull chiede alla FIA un sensore aggiuntivo per la PU Mercedes https://www.formula1.it/news/7531/1/red-bull-chiede-alla-fia-un-sensore-aggiuntivo-per-la-pu-mercedes La lotta fuori dai circuiti di Formula 1 tra i rivali al titolo Red Bull e Mercedes sembra non volersi arrestare, con la Red Bull ha chiesto alla FIA di aggiungere dei sensori alla power unit Mercedes che registrino le temperature del carburante di ingresso al motore.

Più bassa è la temperatura, più denso è il contenuto di ossigeno e migliore sarà la combustione. Per regolamento, la temperatura del carburante deve essere almeno 10 gradi sopra la temperatura ambiente esterna (come media sul giro) e i sensori FIA tracciano questo per garantire la conformità.

Si ritiene che il collettore di aspirazione della Mercedes abbia pareti che possono essere riempite di liquido super-raffreddato.

Questo raffredderebbe più efficacemente l'aria all'interno della camera di afflusso, che sarebbe utile nella fase di accelerazione, ma solo per breve tempo dato che il super-raffreddamento del liquido non sarebbe poi sostenuto.

Questo sarebbe coerente con l'osservazione fatta da Red Bull che la power unit Mercedes ha una grande erogazione di potenza nelle fasi iniziali di accelerazione che poi si smorza.

È importante sottolineare che il super-raffreddamento del liquido nelle pareti del collettore non implica che l'aria all'interno del collettore sia sotto la temperatura minima legale. Ma certamente la raffredderebbe più efficacemente.

Red Bull sta mettendo in discussione se i sensori di temperatura sono situati in un luogo in grado di monitorare qualsiasi valore sotto il minimo legale.

Altre squadre sono consapevoli della teoria, ma sono cauti nel fare accuse senza una comprensione più completa del meccanismo utilizzato.

Articolo originale su the-race.com

]]>
Fri, 3 Sep 2021 09:00:17 +0000 https://www.formula1.it/news/7531/1/red-bull-chiede-alla-fia-un-sensore-aggiuntivo-per-la-pu-mercedes http://www.formula1.it/admin/foto/red-bull-chiede-alla-fia-un-sensore-aggiuntivo-per-la-pu-mercedes-7531-1.jpg
Kimi Raikkonen annuncia il suo ritiro https://www.formula1.it/news/7530/1/kimi-raikkonen-annuncia-il-suo-ritiro Il campione del mondo di F1 del 2007, Raikkonen terminerà il suo contratto con l'Alfa Romeo alla fine dell'anno ed era ampiamente previsto che non avrebbe rinnovato.

Il finlandese ha ora confermato che lascerà la F1 alla fine della stagione, chiudendo una carriera nella serie che dura da oltre 20 anni.

Raikkonen ha rivelato la notizia su Instagram questa sera, prima del Gran Premio d'Olanda di questo fine settimana a Zandvoort.

"Questo è tutto. Questa sarà la mia ultima stagione in Formula 1", ha detto Raikkonen.

"Questa è una decisione che ho preso durante lo scorso inverno. Non è stata una decisione facile, ma dopo questa stagione è il momento di fare cose nuove. Anche se la stagione è ancora in corso, voglio ringraziare la mia famiglia, tutte le mie squadre, tutti coloro che sono stati coinvolti nella mia carriera di pilota e soprattutto tutti voi grandi fan che hanno fatto il tifo per me per tutto questo tempo. La Formula 1 potrebbe finire per me, ma c'è molto di più nella vita che voglio sperimentare e godere. Ci vediamo dopo tutto questo! Sinceramente Kimi".

]]>
Wed, 1 Sep 2021 19:12:28 +0000 https://www.formula1.it/news/7530/1/kimi-raikkonen-annuncia-il-suo-ritiro http://www.formula1.it/admin/foto/kimi-raikkonen-annuncia-il-suo-ritiro-7530-1.jpg
Mercato piloti: Raikkonen verso il ritiro, Bottas vicino ad Alfa Romeo https://www.formula1.it/news/7529/1/mercato-piloti-raikkonen-verso-il-ritiro-bottas-vicino-ad-alfa-romeo Abbiamo già riferito nel mese di giugno che George Russell con ogni probabilità approderà in Mercedes nella prossima stagione sostituendo Valtteri Bottas.

Ora sembra anche chiaro dove potrebbe approdare Bottas dopo aver lasciato le frecce d'argento. Secondo RTL, il finlandese prenderà l'abitacolo dell'Alfa Romeo dal suo connazionale Kimi Räikkönen, che si ritirerà alla fine dell'anno dopo più di 20 anni in F1.

Più lontana invece l'ipotesi di vedere Mick Schumacher accanto a Bottas nel team Alfa Romeo. Come previsto, il 22enne continuerà a guidare per la squadra statunitense Haas nel suo secondo anno nella classe regina.

Solo alcuni cockpit non sono ancora ufficialmente assegnati per il 2022. Aston Martin intende chiarire la situazione a breve e dovrebbe annunciare che Sebastian Vettel guiderà per la squadra britannica anche il prossimo anno. Inoltre, il paddock è unanime nell'aspettarsi che AlphaTauri confermi Pierre Gasly e Yuki Tsunoda anche per il 2022.

Con Bottas che passa all'Alfa e non torna alla sua ex squadra Williams, c'è davvero solo una domanda lasciata senza risposta: Chi prenderà il posto di Russell nella storica scuderia di Groves e guiderà accanto a Nicholas Latifi in futuro? Nico Hülkenberg, che ha iniziato la sua carriera in F1 alla Williams, ha qualche flebile speranza. Il favorito, tuttavia, è l'olandese Nyck de Vries, che ha recentemente vinto il campionato del mondo di Formula E e già trionfato in Formula 2 nel 2020.

Articolo originale su rtl.de]]>
Wed, 1 Sep 2021 10:31:04 +0000 https://www.formula1.it/news/7529/1/mercato-piloti-raikkonen-verso-il-ritiro-bottas-vicino-ad-alfa-romeo http://www.formula1.it/admin/foto/mercato-piloti-raikkonen-verso-il-ritiro-bottas-vicino-ad-alfa-romeo-7529-1.jpg
Michael Schumacher: Netflix e il documentario al mito della Formula Uno https://www.formula1.it/news/7528/1/michael-schumacher-netflix-e-il-documentario-al-mito-della-formula-uno Siamo a Kerpen, una piccola città tedesca, su una pista di go kart. Tra piccoli motori “rombanti” e genitori assieme ai propri figli, c'è anche un giovanissimo che presto avrebbe fatto parlare di sé ed il cui nome sarebbe diventato famoso in tutto il mondo.

Quel piccolo bambino di soli quattro anni altri non era che Michael Schumacher, nato a Hürth il 3 gennaio del 1969 e conosciuto in Italia con il diminutivo di “Schumi”, alle sue prime esperienze con circuiti, volanti e motori.

Certo, naturalmente era ancora troppo piccolo per guidare una macchina, ma il gkart era una scelta più che valida tanto che, le sue tante vittorie, attirarono anche l'attenzione di un imprenditore locale che decise di aiutare economicamente il piccolo campioncino. Il resto? Beh, quello è storia ben nota!

Diventato uno dei volti più famosi di sempre della Formula Uno grazie gli anni trascorsi nella scuderia Ferrari, il buon Schumi ha primeggiato durante tutti gli anni Novanta a partire da quella calda giornata di fine estate (era il 25 agosto del 1991) quando si presentò al volante della Jordan.

Poi passò alla Benetton, alla Ferrari (dove rimase per ben dieci anni) ed infine alla Mercedes. Stessa cosa poi per il fratello Ralf che, nel 1997, esordì anche lui in Formula Uno prima al volante della Jordan, poi della Williams ed infine della Toyota fino al ritiro nei primi anni del Duemila (cliccate qui per avere maggiori informazioni sulla storia della formula 1 e tanto altro ancora).

Insomma, la velocità era decisamente di casa per gli Schumacher ed è proprio per questo motivo che Netflix, la celeberrima piattaforma di streaming, ha deciso di inserire nella sua programmazione anche un documentario che celebra quel “ragazzino” citato all'inizio.

A 30 anni dal suo debutto sul circuito, dunque, il 15 settembre sarà possibile vedere un ritratto dell'uomo dietro al volante, al casco ed ai sette titoli mondiali. Questa opera di tributo al pilota tedesco, che purtroppo ancora non si è ripreso da quel tragico incidente del 29 dicembre 2013, è poi arricchita dalle testimonianze della moglie Corinna, del fratello Ralf, dei figli Gina e Mick, ma anche dagli amici e dagli altri piloti.

Tra questi possiamo citare Jean Todt, Sebastian Vettel, Luca di Montezemolo e tanti altri che hanno gravitato nell'orbita della scheggia tedesca. Come ha poi dichiarato la portavoce Sabine Kehm, Schumi “per preservare la sua sfera privata come fonte di forza, ha sempre separato costantemente e rigorosamente la sua vita familiare da quella pubblica. Il film racconta entrambi i mondi. Si tratta del regalo della sua famiglia al loro amato marito e padre”.

In tutto questo clima di celebrazioni e di ricordi per uno dei piloti più famosi ed apprezzati di sempre, ricordiamo il suo cameo nel film d'animazione “Cars – Motori ruggenti”.

C'è però una voce contraria. Questa appartiene all'ormai settantanovenne Willi Weber, compatriota e storico manager del pilota tedesco.

Weber infatti ha da poco dato alle stampe il suo libro intitolato “Benzin Im Blut”, letteralmente “benzina nel sangue”, dove ha detto la sua sul periodo trascorso con Schumacher al volante, ma soprattutto dopo l'incidente.

In una recente intervista, l'ex manager ha dichiarato tutto il suo risentimento e l'amarezza per il trattamento che gli è stato riservato dalla moglie Corinna da quando l'ex pilota ha subito quel tragico incidente nel 2013.

Mi ha cancellato dalla sua vita, dal quel giorno non ho più ricevuto telefonate, neanche una lettera. Come sono potuto diventare una “gomma consumata” in tutti questi anni? Perché non mi è concesso di fare visita a Michael? Per quale motivo dovrei essere punito?”. Forse il documentario chiarirà questi dubbi.

]]>
Tue, 31 Aug 2021 14:58:06 +0000 https://www.formula1.it/news/7528/1/michael-schumacher-netflix-e-il-documentario-al-mito-della-formula-uno http://www.formula1.it/admin/foto/michael-schumacher-netflix-e-il-documentario-al-mito-della-formula-uno-7528-1.jpg
Masi ammette che nel Q3 a Spa è stato fatto un errore https://www.formula1.it/news/7527/1/masi-ammette-che-nel-q3-a-spa-e-stato-fatto-un-errore Il direttore di gara della FIA Formula 1 Michael Masi ha ammesso che dare il via alla Q3 nel Gran Premio del Belgio è stata la decisione sbagliata, ed ha causato il brutto incidente di Lando Norris.

L'evento di Spa-Francorchamps dello scorso fine settimana si è trasformato in una farsesca corsa di tre giri dietro la safety car dopo che la pioggia battente e la scarsa visibilità hanno impedito il regolare svolgersi di una gara.

Il tempo aveva già giocato un brutto tiro all'inizio del weekend, quando la W Series è stata scossa da un tamponamento di sei auto al venerdì.

Anche la sessione di qualifiche di F1 di sabato è stata interrotta dal tempo. Mentre le condizioni di gara peggioravano la direzione di gara ha deciso di lasciare che la Q3 andasse avanti, nonostante diversi avvertimenti da parte dei piloti che la pista era troppo bagnata per poter guidare.

All'inizio della Q3 il pilota della McLaren Norris ha avuto un brutto incidente sulla combinazione Eau Rouge/Raidillon dopo un testacoda che lo ha mandato fuori pista.

Per fortuna Norris ne è uscito illeso, ma la decisione di lasciare che la sessione andasse avanti ha suscitato pesanti critiche da parte di Sebastian Vettel dell'Aston Martin, che era arrabbiato perché le sue richieste via radio di esporre bandiera rossa - che il suo ingegnere di gara ha detto essere state trasmesse a Masi - non erano state ascoltate.

Donenica sera il direttore di gara Masi ha ammesso che col senno di poi "probabilmente non avrebbe iniziato" la sessione.

"Ho parlato con un certo numero di piloti sabato notte per avere il loro feedback e mi hanno dato un feedback molto costruttivo. Quindi sì, il senno di poi è una cosa incredibile. E in base a quello che mi hanno detto, avendo sperimentato le condizioni di questo circuito e tutto il resto, probabilmente non saremmo partiti. Ma questo è stato possibile anche perché i piloti hanno guidato su questo circuito in quelle condizioni, perché ogni circuito è un po' diverso per il modo in cui l'acqua viene via, per il modo in cui le gomme reagiscono, eccetera. Bisogna trattare ogni cosa secondo i suoi meriti".

Masi ha aggiunto che gli incidenti del Raidillon delle ultime settimane, non hanno influito sulla sua decisione di domenica.

"No, penso che si impari da ogni giorno. E come ho detto prima, ho parlato con un certo numero di piloti sabato notte e in particolare aver sperimentato la guida in pista in quelle condizioni ha dato loro un buon riferimento. Mi hanno dato un feedback incredibile su ciò che può e non può accadere, che ovviamente ha aiutato le mie decisioni ed è stato estremamente utile.

Nonostante le critiche di Vettel, Masi ha detto che il feedback dal vivo dei piloti ha giocato un ruolo importante domenica.

"Quello che abbiamo sempre fatto, e che abbiamo incoraggiato durante i giri di formazione la prima volta, è che i piloti ci diano un feedback via radio, e lo abbiamo fatto a Hockenheim nel 2019, lo abbiamo fatto in Turchia nel 2020, ovunque. Perché ovviamente è un feedback in diretta da loro in quel momento di ciò che possono e non possono affrontare in base a quel particolare circuito"

Articolo originale su motorsport.com ]]>
Tue, 31 Aug 2021 14:32:18 +0000 https://www.formula1.it/news/7527/1/masi-ammette-che-nel-q3-a-spa-e-stato-fatto-un-errore http://www.formula1.it/admin/foto/masi-ammette-che-nel-q3-a-spa-e-stato-fatto-un-errore-7527-1.jpg
Belgio ed Ungheria hanno scosso il regolamento della F1 https://www.formula1.it/news/7526/1/belgio-ed-ungheria-hanno-scosso-il-regolamento-della-f1 La Formula 1 sta per apportare modifiche al suo regolamento per evitare il ripetersi degli eventi che hanno caratterizzato i controversi due ultimi Gp.

In Belgio Max Verstappen su Red Bull è stato dichiarato vincitore di una gara che è durata due soli giri dietro la safety car.

La forte pioggia ha impedito lo svolgersi di una vera e propria azione in gara sulla pista di Spa-Francorchamps.

Lewis Hamilton ha definito l'evento una "farsa", dicendo che i piloti sono stati mandati in pista solo per garantire un risultato ufficiale.

I capi oggi accettano che la situazione deve essere affrontata e le squadre si incontreranno per colloqui con l'organo di controllo della FIA e della F1.

Diversi altri piloti importanti hanno criticato gli eventi che hanno accompagnato la gara.

Oggi Alfa Romeo ha dichiarato che l'evento avrebbe dovuto essere abbandonato senza cercare di rendere ufficiale il risultato della gara.

"La decisione di non correre nelle condizioni era quella giusta, nell'interesse di proteggere la sicurezza dei piloti, dei commissari e degli stessi spettatori. Tuttavia, la situazione sarebbe stata affrontata in modo molto più appropriato non iniziando affatto la 'gara' a cui abbiamo assistito. Questo risultato fa male a tutti noi, ma in particolare fa male agli appassionati di questo sport, che non hanno avuto lo spettacolo che erano venuti a vedere. Speriamo che le lezioni siano state imparate, lezioni che miglioreranno il modo di operare in futuro e che metteranno i sostenitori del nostro sport nella posizione che meritano".

L'evento si è trascinato per tre ore e mezza mentre la FIA cercava di trovare una finestra in cui si potesse correre una gara sotto la pioggia battente, ma la scarsa visibilità ha comportato che le condizioni sono state considerate troppo pericolose per lasciare libere le auto di correre

Le regole della F1 stabiliscono che due giri di gara sono il minimo per assegnare i punti. Questi sono stati completati dietro la safety car alle 18.17 ora locale.

La F1 ha ammesso di dover discutere con il promotore della gara per valutare cosa può essere fatto per i fan che sono rimasti in piedi per ore sotto la pioggia e non hanno visto un gran premio.

L'amministratore delegato della McLaren Racing, Zak Brown, ha chiesto un cambiamento delle regole che governano questo tipo di situazione.

La FIA ha respinto l'affermazione che i due giri finali erano una mossa cinica per rendere l'evento ufficiale.

Il direttore di gara Michael Masi ha detto che i funzionari avevano pensato che ci si poteva presentare una finestra di tempo in cui far svolgere la gara, e le auto sono state mandate fuori per valutare le condizioni.

L'amministratore delegato della F1, Stefano Domenicali, ha anche negato che siano stati coinvolti fattori commerciali nell'inviare le auto in pista dietro la SC.

Un certo numero di piloti, tra cui i pluricampioni del mondo Sebastian Vettel e Fernando Alonso, hanno detto che è stato sbagliato assegnare punti quando non c'era stata alcuna competizione effettiva.

I fatti del Belgio si aggiungono alle già dure contestazioni del regolamento arrivate nel Gp di Ungheria per le penalità inflitte a Stroll e Bottas, ritenute troppo leggere considerando la responsabilità dei due piloti nell'incidente al via che ha rovinato la gara di molti altri piloti.

Contestata anche la squalifica inflitta a Vettel per il quantitativo minimo di carburante estratto dal serbatoio a fine gara, che sebbene inferiore a quanto stabilito dal regolamento era comunque sufficiente ad effettuati i controlli necessari a stabilire la regolarità della benzina usata. In questo caso si poteva optare per una ammenda e non per la squalifica.

Sembra quindi che il regolamento della F1 abbia bisogno di essere quantomeno aggiornato in diverse regole che sembrano grossolane ed in contrasto con un mondo che vive di iper tecnologia e millesimi di secondo.

Articolo originale su bbc.com ]]>
Mon, 30 Aug 2021 16:26:52 +0000 https://www.formula1.it/news/7526/1/belgio-ed-ungheria-hanno-scosso-il-regolamento-della-f1 http://www.formula1.it/admin/foto/belgio-ed-ungheria-hanno-scosso-il-regolamento-della-f1-7526-1.jpg
Gp Belgio - Le pagelle https://www.formula1.it/news/7525/1/gp-belgio-le-pagelle "I punti si fanno alla Domenica", è una frase che svariate volte si sente pronunciare nel mondo della Formula 1, dal momento che in una gara possono accadere eventi di ogni tipo che possono sovvertire i verdetti della qualifica e i valori in campo tra i vari team.

Ebbene, tutto ciò non è applicabile al Gran Premio del Belgio 2021 che, di fatto, non si è disputato, dal momento che è durato solamente due giri in regime di safety car, senza mettere in scena la minima forma di competizione.

Una gara, dunque, che non ha alterato minimamente i verdetti della qualifica ma, al contempo, ha assegnato lo stesso dei punti validi per la classifica iridata, poiché dal punto di vista regolamentare, la gara è stata ufficialmente disputata.

Una grande farsa, come detto, andata in scena meramente per ragioni economiche, sia per onorare gli accordi relativi ai diritti televisivi e agli sponsor, sia per non costringere l'impianto di Spa-Francorshamps a rimborsare i biglietti ai fan presenti lungo la pista.
Economicamente dunque, la decisione presa è stata ineccepibile ma, inevitabilmente, ha fatto davvero male all'immagine allo sport.

La farsa, già di suo di pessimo gusto, è andata in scena platealmente, in quanto sono state diffuse in Mondovisione le immagini del direttore di gara Michael Masi che, dopo i due giri di pura forma, faceva chiaramente segno "due" ai suoi collaboratori, invocando l'interruzione della gara.

La gara, se di gara si può parlare, è durata, come detto, solamente due giri sotto regime di Safety car, a causa della condizioni meteo proibitive, utile solamente a rispettare gli accordi commerciali, violentando invece il DNA dello sport.
Inevitabilmente, l'azione in pista è stata totalmente assente, rendendo la gara non valutabile. Ma, dal momento in cui la gara ha, per il regolamento, pieno valore, proveremo comunque ad assegnare dei giudizi a team e piloti per questo fine settimana.

FIA: 0
Autrice della grande farsa che è andata in scena a Spa, merita il voto più basso.
Ok, siamo nell'era del safety first, quindi non era il caso di correre sotto una pioggia torrenziale. La decisione però di far girare le auto, palesemente, per soli due giri utili solamente a dare validità alla gara, rende di fatto la gara priva di valore, producendo una colossale figuraccia in mondovisione per lo sport.


Mercedes: 6.5
Bene con un pilota, male con la seconda guida. Scaricano le ali in favore della gara. Beffati al Sabato, ancor di più nella gara persa senza essere disputata.

Hamilton: 6.5
Con una Mercedes scarica di ala fa quel che può, ma viene beffato da Russell che, nella gara fantasma della Domenica non fa bene alla sua leadership del mondiale.

Bottas: 5.5
Non benissimo sul giro sotto la pioggia, paga la penalità acquisita in Ungheria e chiude fuori dai punti, senza gareggiare.


Red Bull: 8
Come per Mercedes, bene con un pilota, non con il secondo. Vincono, non gareggiando sul campo, e allungano in classifica costruttori.

Verstappen: 9
Autore della pole che, di fatto, gli consegna la vittoria a tavolino. Bravo nel momento clou, accorcia in classifica su Hamilton.

Perez: 4
Male in qualifica, ancor peggio nel giro di formazione dove mette la sua macchina a muro. Fortunato nel poter tornare in gara, senza però poter gareggiare ed, eventualmente, rimontare.


Ferrari: 5.5
Doveva essere una trasferta difficile, quella di Spa, ma non così tanto. Malissimo in qualifica e, forse, in gara sarebbe andata anche peggio. Con fortuna però, mettono due macchine a punti.

Leclerc: 7
Con la Rossa che ha a Spa, l'unica cosa che può fare è battere Sainz in qualifica e lo fa. Alla Domenica, di fatto, non si corre, e quindi batte il team mate anche in gara.

Sainz: 6
Poco può con la poco brillante SF21 sulle Ardenne. Battuto da Leclerc in qualifica e, di fatto, anche nella gara non gara. Peccato, perché uno come lui sotto al diluvio avrebbe potuto fare bene.


McLaren: 6
Dato che la qualifica è stata cruciale per la gara, il team di Woking esce da Spa con l'amaro in bocca, poiché aveva la ghiotta occasione fare bene. Alla fine guadagnano punti su Ferrari.

Norris: 5
Sbaglia, suo malgrado, nel momento clou della qualifica e, a posteriori, di tutto il weekend, precludendosi ogni chance di fare bene.

Ricciardo: 7
Non sbaglia in qualifica, a posteriori momento cruciale del fine settimana, assicurandosi un grande quarto posto.


Aston Martin: 6.5
Fine settimana a due facce per il team Inglese che, in qualifica, porta in paradiso Seb e nelle retrovie Stroll, decidendo così la gara.

Vettel: 9
Quando serve classe e sensibilità, nel giro finale in Q3 non sbaglia, mette la macchina in quinta piazza che, nella gara farsa, diventa un gran bel risultato.

Stroll: 5.5
Anche a causa di errori del team, chiude la qualifica a fondo gruppo, restandoci così anche nella gara farsa della domenica. Fine settimana da dimenticare.


Alpine: 5.5
Dopo la bella gara in Ungheria, fanno dei passi indietro, mettendo una macchina in Q3 ed una esclusa. Il tutto diventa una macchina a punti ed una no in gara.

Alonso: 5
Leggermente in affanno rispetto ad Ocon per tutto il fine settimana, o meglio, fino alla qualifica. Alla fine è undicesimo, fuori dai punti.

Ocon: 7.5
Continua a ben figurare, dopo la vittoria in Ungheria. Centra la Q3, dunque i punti nella farsa Belga, e batte nuovamente Alonso.

 

Alpha Tauri: 7
Più o meno come tutti gli altri team, il weekend del team di Faenza è a doppia faccia, con un driver in Q3 (dunque a punti) e l'altro escluso.

Gasly: 7.5
Dopo la bella gara in Ungheria, continua a mettere la macchina in Q3 (dunque a punti) e a battere, come da inizio anno, il team mate Tsunoda.

Tsunoda: 5
Dopo delle gara tutto sommato positive, torna ad essere pesantemente battuto da Gasly in qualifica e, di conseguenza, anche in gara.


Alfa Romeo Racing: 4
Come da inizio anno, il team Svizzero incappa in un fine settimana negativo, con entrambe le macchine escluse in Q1 e dunque a fondo gruppo a fine gara, se di gara si può parlare.

Raikkonen: 4
Fine settimana da dimenticare per Kimi, con errori al Venerdì, una brutta qualifica al Sabato e conseguente gara. Pessimo modo per salutare Spa, nel caso sia stata la sua ultima Spa.

Giovinazzi: 6
Tre giorni privi di errori per Antonio che, ahilui, paga la pochezza della sua Alfa, venendo escluso in Q1 che, di fatto, lo porta a finire nelle ultime posizioni.


Haas: 6
Fanno il loro, non sbagliano e, sfruttando gli errori altrui, si mettono alle spalle sia una Red Bull che una Aston. Non solo, ma portano a casa il giro veloce. Tutto ciò non vuol dire niente, ma in una gara così priva di senso...

Schumacher: 6
Come sempre non sbaglia e batte Nikita Mazepin. Per il resto a lui poco cambia, poiché sarebbe finito ugualmente nelle retrovie.

Mazepin: 6
Non sbaglia, non fa danni alla monoposto e porta a casa il giro più veloce. Ovviamente il tutto è privo di valore, come però del resto lo è stata tutta la gara.


Williams: 9.5
La crescita rispetto al 2020 è visibile. Mettono due macchine in Q3 e, di fatto, anche a punti, arpionando l'ottavo posto nella classifica costruttori. Nella farsa di Spa, sono loro a trarne i maggiori benefici.

Russell: 9.5
Giro da "90 minuti di applausi" in Q3 per il driver Inglese. A sua insaputa poi, il capolavoro che lo porta in prima fila, gli vale anche il primo podio della carriera. Immeritato, ma pur sempre primo podio.

Latifi: 8
Dopo la bella gara a Budapest, porta ancora una volta la Williams a punti. Continua a crescere, non sbagliare e fare bene.

]]>
Mon, 30 Aug 2021 10:06:23 +0000 https://www.formula1.it/news/7525/1/gp-belgio-le-pagelle http://www.formula1.it/admin/foto/gp-belgio-le-pagelle-7525-1.jpg
Hamilton: scelta sbagliata, comandano i soldi https://www.formula1.it/news/7524/1/hamilton-scelta-sbagliata-comandano-i-soldi Lewis Hamilton crede che la Formula 1 "ha fatto una cattiva scelta" correndo solo due giri dietro la safety car per assicurare un risultato nel Gran Premio del Belgio, ma che "i soldi comandano".

La pioggia pesante ha ritardato l'inizio della gara di domenica a Spa, con un'attesa di quasi tre ore sotto regime di bandiera rossa prima che la safety car fosse in grado di guidare le monoposto fuori dalla corsia dei box dopo le 18.

I piloti hanno completato due giri dietro la safety car, rendendo il gran premio valido per l'assegnazione dei punti e assicurando che un risultato potesse essere dichiarato, prima che la bandiera rossa fosse nuovamente esposta e la direzione gara annunciasse che la gara non sarebbe ripresa.

Hamilton si è classificato terzo per la Mercedes, il che significa che il suo vantaggio in testa al campionato di F1 su Max Verstappen scende a soli tre punti dopo che il pilota della Red Bull ha conquistato la vittoria con metà dei punti in palio.

Hamilton ha scritto sui social media durante l'attesa in regime di bandiera rossa che era "troppo pericoloso per noi uscire" e che avrebbe "messo tutti a rischio" correre in condizioni di bagnato.

Parlando a Sky Sports, Hamilton ha detto che si sentiva "davvero deluso" per i fan e che sono stati "derubati di una gara, aggiungendo che meritavano un rimborso del biglietto"

Quando gli è stato chiesto cosa pensasse riguardo ai punti che sono stati assegnati con solo due giri dietro la safety car, Hamilton ha risposto: "I soldi comandano. Ed è stato così letteralmente, con due giri per iniziare la gara, è tutto scenario di denaro. Quindi tutti avranno i loro soldi, e penso che anche i fan dovrebbero riavere i loro, perché purtroppo non hanno potuto vedere quello per cui sono venuti e hanno pagato. È un peccato che non possiamo fare la gara domani. Amo questa pista. Sono così triste che non abbiamo potuto farlo, ma oggi non era una gara".

Hamilton ha detto che ci saranno "discussioni" con i responsabili della F1.

"Penso che lo sport abbia fatto una scelta sbagliata oggi. Naturalmente volevamo correre. C'è un minimo di due giri che è necessario fare per contare come una gara. Da quando ci siamo fermati la prima volta alla seconda volta aveva piovuto costantemente. C'è solo un motivo per cui ci hanno mandato fuori. Quindi è per questo che mi dispiace di più per i tifosi".

Hamilton via radio durante i giri di formazione iniziale dietro la safety car prima della prima bandiera rossa aveva riferito che la visibilità era scarsa e che aveva poca aderenza a causa delle condizioni di bagnato.

"Non potevi davvero vedere cinque metri davanti a te, la macchina scompare. Quindi era molto difficile lungo i rettilinei anche solo sapere dove fosse quella luce lampeggiante, e non potevi nemmeno andare a tavoletta, perché non sapevi su quale parte della pista sarebbe stata la macchina davanti. Quindi è un peccato, perché naturalmente volevo correre, e penso che avrebbe potuto essere una grande gara se non avesse piovuto così tanto".

Il Gran Premio del Belgio del 2021 si attesta ora come la gara di F1 più breve della storia ad avere un risultato formale, battendo il Gran Premio d'Australia del 1991 di 14 giri.

Articolo originale su autosport.com

]]>
Sun, 29 Aug 2021 19:36:10 +0000 https://www.formula1.it/news/7524/1/hamilton-scelta-sbagliata-comandano-i-soldi http://www.formula1.it/admin/foto/hamilton-scelta-sbagliata-comandano-i-soldi-7524-1.jpg
Gp Belgio - Verstappen vince una gara di solo due giri dietro la SC https://www.formula1.it/news/7523/1/gp-belgio-verstappen-vince-una-gara-di-solo-due-giri-dietro-la-sc Il Gran Premio del Belgio non è mai banale. 

Il primo colpo di scena arriva nel giro di formazione, con Perez che manda a muro la sua Red Bull perdendo aderenza prima ancora di schierarsi in griglia. Rottura della sospensione destra e dell'ala anteriore.

La gara viene inizialmente posticipata di 15 minuti, poi si parte dietro la Safety Car per il giro di formazione, giri che diventano 5 per le condizioni impraticabili della pista tra visibilità azzerata e aquaplaning, condizioni confermate dalla richiesta via radio di tutti i piloti di non dare il via alla gara. Tutti tranne Max Verstappen a dire il vero, che probabilmente essendo in testa aveva una migliore visibilità o semplicemente non voleva perdere l'occasione di prendere punti in questo Gp. 

La procedura di start viene quindi annullata e tutti i piloti rientrano in pitlane in attesa di un miglioramento delle condizioni. Passano oltre due ore, sono le 17.00 quando la direzione di gara avvisa ufficialmente che, per le condizioni meteo eccezionali, è stato stoppato il countdown della fine dell'evento previsto per le 18.00. Il tentativo è di dare 60 minuti ai piloti per compiere più giri possibili da quando si darà il via al Gran Premio.

Ricordiamo che da regolamento per l'assegnazione completa dei punti bisogna correre il 75% dei giri previsti, ovvero 33 giri qui a Spa. Per assegnare la metà dei punti sono invece necessari solo 2 giri, anche fossero dietro la Safety Car.

Nel frattempo, dopo il nullaosta della direzione di gara, i meccanici hanno lavorato sulla Red Bull di Perez, cambiando la sospensione destra e tutto il muso per dare una possibilità al pilota messicano che potrebbe a questo punto partire dalla pit-lane.

Passa ancora tantissimo tempo, con i piloti che mangiano, riposano o giocano a calcio, fino a quando arriva la comunicazione ufficiale che la garà avrà inizio alle 18:17 in regime di Safety Car, con 60 minuti a disposizione e solo metà dei punti che verranno assegnati.

Ma si comprende subito che le condizioni sono ancora decisamente critiche. I piloti (Hamilton in particolare) si lamentano di zero visibilità e fiumi di acqua in pista. Si percorrono lentamente 2 giri dietro la Safety Car e viene esposta la bandiera rossa. Gara nuovamente sospesa con tutti i piloti che rientrano nuovamente nella pit-lane.

Passano 20 minuti ed arriva la comunicazione ufficiale che la gara non riprenderà. Vince Verstappen il Gp più breve della storia.

Tutte le considerazioni tecniche sono quindi nulle, non sapremo mai se le configurazioni di setup scelte ieri e che avrebbero potuto dare un vantaggio o uno svantaggio ai vari piloti (si ipotizzava una Ferrari con altissimo carico aerodinamico preparata ad una gara in condizioni da bagnato) avrebbero cambiato l'ordine emerso dopo le qualifiche.

La Formula 1 riparte tra soli 7 giorni con il Gp di Olanda, dove troveremo decine di migliaia di orange tifosi di Verstappen.

]]>
Sun, 29 Aug 2021 17:30:52 +0000 https://www.formula1.it/news/7523/1/gp-belgio-verstappen-vince-una-gara-di-solo-due-giri-dietro-la-sc http://www.formula1.it/admin/foto/gp-belgio-gara-annullata-per-la-pioggia-battente-7523-1.jpg
Gp Belgio - Qualifiche - Pole per Verstappen https://www.formula1.it/news/7522/1/gp-belgio-qualifiche-pole-per-verstappen Le qualifiche del Gp del Belgio iniziano con 12 minuti di ritardo perchè la pista è troppo bagnata in seguito ad un importante temporale che ha colpito Spa.

Si inizia con tutti i piloti in pista con full wet, ad eccezione dei due Williams che con gomme intermedie a 10 minuti dalla fine del Q1 si mettono in testa alla lista dei tempi grazie ad un circuito che si sta lentamente asciugando. Rientrano quindi tutti ai box per montare le intermedie con tanto traffico in pit-lane.

Passano solo un paio di minuti e via radio avvertono Ocon che è prevista pioggia entro 2 minuti, e tutti hanno bisogno di fare almeno un tempo buono. In questa fase si alternano quindi tutti in testa con la speranza di anticipare la pioggia imminente lottando letteralmente contro il tempo.

Alla fine della sessione gli esclusi sono i due piloti Haas, i due piloti Alfa Romeo (in grandissima difficoltà) e Tsunoda. Il migliore della sessione è un ottimo Norris davanti a Verstappen ed Hamilton. Bene la Williams che in questo momento ha Russel in P5 e Latifi in P10. Così così le Ferrari, a quasi 2 secondi dal miglior tempo di Norris.

La Q2 inizia ancora con la minaccia di pioggia imminente, tanto che scendono immediatamente tutti in pista. La Mercedes che era stata l'unica a mandare in pista i piloti con gomme intermedie usate, cambia subito idea e li richiama ai box per montare gomme nuove.

Il primo a segnare un tempo importante è ancora Norris, guidando come nessun altro riesce a fare in questo momento in pista. A  4 minuti dalla fine però arriva la risposta di Verstappen che si mette in testa con 1/2 secondo di vantaggio sulla McLaren. Sembrano al momento in leggera difficoltà le Mercedes costrette a mettere un altro treno di gomme nuove a 3 minuti dalla fine perchè al limite dell'esclusione. Ma nell'ultimo tentativo le Mercedes arrivano agevolmente in P2 e P3, mentre ad andare in crisi sono le Ferrari che rimangono esclusi dalla Q1, chiudendo rispettivamente in P11 e P13. Gli altri esclusi sono Latifi, Alonso e Stroll. In testa alla sessione ancora una volta un ottimo Norris. Via radio Leclerc comunica alla scuderia che "hanno fottutamente sbagliato", probabilmente riferendosi al setup della monoposto.

La pioggia arriva importante nel Q3, tutti quindi passano a gomme full wet. Via radio Vettel chiede la bandiera rossa. Norris però, nonostante la pista sia allagata, prova ancora una volta a fare la differenza spingendo al limite, troppo al limite però finendo a muro dopo la salita dell' Eau Rouge. Vettel vede l'incidente, si infuria via radio per aver chiesto e non ottenuto la bandiera rossa, e si ferma accanto alla McLaren di Norris per vedere se sta bene. La bandiera rossa arriva e la sessione viene sospesa in attesa di un mgiloramento e di liberare la pista dai detriti. 

La sessione riprende alle 16.45, con pista che adesso è adatta alle intermedie ma ancora molto bagnata. Nel primo tentativo è Hamilton a mettersi in testa davanti a Verstappen e Bottas, ma la pista è in continuo miglioramento e nell'ultimo tentativo cambiano le gerarchie con Verstappen che conquista la pole battendo un incredibile George Russel che domani partirà in prima fila davanti a Lewis Hamilton e che è sicuramente l'uomo del giorno.

Quarto posto per Daniel Ricciardo, quinto Vettel, sesto Gasly. Solo settimo Perez ad oltre due secondi dal compagno di squadra. Ottavo Bottas che domani però partirà in P13 per la penalità combinata a causa dell'incidente provocato al via nel GP di Ungheria. Nono Ocon e decimo Norris che ovviamente non registra un tempo dopo l'incidente nella prima fase del Q3 ma che oggi avrebbe probabilmente lottato per la Pole.

]]>
Sat, 28 Aug 2021 15:37:52 +0000 https://www.formula1.it/news/7522/1/gp-belgio-qualifiche-pole-per-verstappen http://www.formula1.it/admin/foto/gp-belgio-qualifiche-pole-per-verstappen-7522-1.jpg
La Formula 1 rivela il calendario 2021 aggiornato https://www.formula1.it/news/7521/1/la-formula-1-rivela-il-calendario-2021-aggiornato La stagione di Formula 1 era iniziata con un fitto programma di 23 gare. Un calendario da record che tuttavia non sarà rispettato a causa delle vicende legate al Covid-19. Infatti, abbiamo già assistito alla cancellazione dei Gp di Giappone, Canada e Singapore. Inoltre, molti punti interrogativi rimangono su una serie di eventi nella seconda metà dell'anno.

GLI AGGIORNAMENTI

Dopo un incontro con i capi squadra questa mattina a Spa, la F1 ha pubblicato il calendario aggiornato che riduce il programma a 22 gare, una delle quali deve ancora essere confermata. Resta, dunque, un posto vacante nel weekend 19-21 novembre.

Questo slot dovrebbe essere riservato a un round in Medio Oriente, con il Losail International Circuit in Qatar ritenuto la destinazione più probabile. Se l'accordo con il Qatar non dovesse essere raggiunto, allora un ritorno in Bahrain sarebbe un'alternativa per l'evento che completa una tripletta con Messico e Brasile.

Il Gran Premio di Turchia, invece, rimane in calendario nonostante sia ancora nella "lista rossa" del governo britannico, il che significherebbe quarantena di dieci giorni in hotel per tutto il personale che torna nel Regno Unito, indipendentemente dal proprio stato di vaccinazione. Se le restrizioni dovessero portare alla cancellazione della tappa in Turchia, il Mugello è in pole nella rosa delle scelte per prendere il suo posto.

La questione americana

La F1 era in trattativa per correre al Circuit of The Americas di Austin, in Texas, ma il Gran Premio degli Stati Uniti è ancora un evento a sé stante. Sia il Gran Premio di Città del Messico che il Gran Premio di San Paolo a Interlagos hanno visto modifiche alla data nel programma, formando le prime due tappe di una tripletta che sarebbe stata completata dal TBC. Messico e Brasile rimangono attualmente nella lista rossa del Regno Unito, mentre Austin sta vivendo un'impennata dei casi e dei ricoveri COVID-19.

L'evento TBC è da valutare anche in base alle regole dei paesi ospitanti, ad esempio il personale che va dal Brasile al Medio Oriente sarebbe in grado di evitare la quarantena richiesta invece per tappe all'interno degli Stati Uniti.

Calendario 2021 di Formula 1 aggiornato

12. GP del Belgio - 29 agosto
13. GP d'Olanda - 5 settembre
14. GP d'Italia - 12 settembre
15. GP di Russia - 26 settembre
16. GP di Turchia - 10 ottobre
17. GP degli Stati Uniti - 24 ottobre
18. GP di Città del Messico - 7 novembre
19. GP di San Paolo - 14 novembre
20. Da confermare - 21 novembre (inteso come Qatar/Bahrain)
21. GP dell'Arabia Saudita - 5 dicembre
22. GP di Abu Dhabi - 12 dicembre

]]>
Sat, 28 Aug 2021 12:45:27 +0000 https://www.formula1.it/news/7521/1/la-formula-1-rivela-il-calendario-2021-aggiornato http://www.formula1.it/admin/foto/la-formula-1-rivela-il-calendario-2021-aggiornato-7521-1.jpg
UFFICIALE: Alpine-Alonso insieme anche nel 2022 https://www.formula1.it/news/7520/1/ufficiale-alpine-alonso-insieme-anche-nel-2022 Era nell'aria da tempo, ma adesso è ufficiale: Fernando Alonso correrà con l'Alpine anche nel 2022. L'annuncio è arrivato a poche ore dall'apertura del weekend di Spa. Ecco le dichiarazioni del pilota spagnolo:

Sul rinnovo

"Sono molto contento di confermare l'estensione del mio contratto con l'Alpine per il 2022. Mi sono sentito a casa dal primo momento in cui sono tornato nel team e sono stato accolto a braccia aperte. Lavorare di nuovo con alcune delle menti più brillanti nel nostro sport a Enstone e Viry-Châtillon è un piacere. Non è stata finora una stagione semplice, ma abbiamo mostrato progressi e il risultato in Ungheria rappresenta un buon esempio della nostra crescita". 

Sul 2022

"Ovviamente non dobbiamo dimenticare il lavoro per la stagione 2022. Sono sempre stato un grande sostenitore di questo cambio e sono certo che il prossimo anno si rivelerà una grande occasione. Non vedo l’ora di correre i Gran Premi fino a dicembre e di lavorare al fianco di Esteban Ocon per il prossimo campionato".

Le parole di Laurent Rossi (CEO Alpine):

"Fernando ci ha impressionato tutti dal suo ritorno all'inizio di quest'anno. La sua dedizione, il duro lavoro e la determinazione per ottenere il meglio dalla squadra sono incredibili".

Obiettivo titolo nel 2022?

Quando lo scorso anno Fernando Alonso annunciò il ritorno in Formula 1 non nascose che il suo obiettivo era lottare per il titolo di Campione del Mondo nel 2022. Staremo a vedere se ci riuscirà. Molto dipenderà dall'auto che gli verrà messa a disposizione.

 

 

]]>
Thu, 26 Aug 2021 15:55:12 +0000 https://www.formula1.it/news/7520/1/ufficiale-alpine-alonso-insieme-anche-nel-2022 http://www.formula1.it/admin/foto/ufficiale-alpine-alonso-insieme-anche-nel-2022-7520-1.jpg
Alfa Romeo - Lotteremo per i punti in ogni Gran Premio https://www.formula1.it/news/7519/1/alfa-romeo-lotteremo-per-i-punti-in-ogni-gran-premio- Le batterie sono state ricaricate; i serbatoi riempiti; le luci sul cruscotto tutte verdi. Qualunque sia la metafora, il concetto di base rimane: la pausa estiva è stata una spinta gradita per tutti. Dopo 28 gare in 56 settimane, la possibilità di fare un passo indietro, riorganizzarsi e rilassarsi per un paio di settimane ha permesso a tutti nello sport di confortare corpo e mente e prepararsi per l'impegnativa seconda metà della stagione.

Ci attende una lunga serie di gare, tutte in cui lottare per migliorare la classifica del campionato, e che posto per ripartire: la storica Spa-Francorchamps.

Il circuito nella foresta delle Ardenne non ha bisogno di presentazioni: uno dei capisaldi del calendario fin dalla prima stagione nel 1950 (solo altre quattro sedi hanno registrato più gare di campionato del mondo), Spa ha visto scrivere pagine incredibili della storia del nostro sport.

L'Alfa Romeo ha contribuito all'orgogliosa eredità della pista, con entrambe le edizioni del 1950 e 1951 vinte da auto Alfa Romeo - Juan Manuel Fangio e Nino Farina hanno scritto i loro nomi nel libro dei vincitori.

I 44 giri della gara di questo fine settimana saranno una prova intensa sia per gli uomini che per le macchine: Spa è ancora una pista della vecchia scuola che punisce gli errori e dove un po' di magia - nell'abitacolo e ai box - può essere premiata. Con un triplo appuntamento che ci porterà anche nei Paesi Bassi e a Monza, e con il corpo e la mente pronti per il compito da svolgere, siamo pronti a scaricare tutta questa energia ritrovata.

Le dichiarazioni dei protagonisti Alfa Romeo prima del Gp del Belgio
 
Frédéric Vasseur, Team Principal di Alfa Romeo Racing ORLEN: "La squadra torna in azione con la determinazione di continuare il nostro lavoro e portare a casa i risultati che meritiamo. I livelli di motivazione sono alti, sia per questa stagione che per la prossima, e sappiamo di avere l'opportunità di lottare per i punti in ogni pista per il resto dell'anno. Dobbiamo assicurarci di massimizzare tutte le opportunità per aggiungere punti al nostro conteggio e lottare per una posizione migliore in campionato: ci sono un sacco di possibilità di ribaltare la situazione, a partire da questo triplo appuntamento, e siamo fiduciosi di poter essere nella mischia già qui in Belgio".

Kimi Räikkönen (Auto #7): "Mi è piaciuto il tempo libero: passare così tanto tempo con la famiglia non è qualcosa che facciamo spesso, quindi ho fatto in modo di sfruttarlo al meglio. Ora, però, le vacanze sembrano già nel passato e non vedo l'ora di correre di nuovo: Spa è il posto perfetto per tornare, è una bella pista dove si fanno delle belle gare e la domenica può essere imprevedibile. La situazione in pista sarà simile a quella di prima dell'estate: dobbiamo essere acuti e ottenere il massimo dalla nostra auto e dalle circostanze e possiamo portare a casa un buon risultato".

Antonio Giovinazzi (Auto #99): "Sono stato in grado di trascorrere alcune settimane con la famiglia e gli amici, che è sempre una cosa bella da fare quando hai un calendario così impegnativo. La pausa estiva è stata una buona occasione per allenarsi un po' ma soprattutto per recuperare, fisicamente e mentalmente, dai primi sette mesi della stagione: è stata una bella pausa e mi sento bene, ma non vedo l'ora di tornare in macchina. Spa è una pista epica, dove si sente che il pilota può fare una differenza enorme, e voglio iniziare la seconda parte della stagione nel miglior modo possibile. Siamo motivati a fare bene dall'inizio della corsa alla fine dell'anno"

]]>
Wed, 25 Aug 2021 14:33:03 +0000 https://www.formula1.it/news/7519/1/alfa-romeo-lotteremo-per-i-punti-in-ogni-gran-premio- http://www.formula1.it/admin/foto/alfa-romeo-lotteremo-per-i-punti-in-ogni-gran-premio--7519-1.jpg
Formula uno e casinò, un legame indissolubile https://www.formula1.it/news/7518/1/formula-uno-e-casino-un-legame-indissolubile  

Come tutti sanno, la Formula 1 è tra gli sport più rischiosi al mondo. Un pilota di Formula 1 che si rispetti ama il brivido e l’adrenalina che solo la propria auto in corsa può regalargli durante una gara. Questo sentimento viene spesso proiettato in hobby ed attività che vanno al di fuori della sua carriera professionale, ma che in qualche modo diventano profondamente legati.

 

È proprio questa voglia di vivere sempre sul filo del rasoio che spinge tantissimi piloti di Formula 1 a partecipare a competizioni e tornei che tengono vive le emozioni: tra questi, il poker. Molti di loro, infatti, tra i più famosi al mondo, sono riusciti a trasferire questo grande senso di competitività e passione nel gioco d’azzardo, diventando esperti giocatori di poker.

Quali sono i grandi piloti appassionati di poker?

È facile capire, quindi, come alcuni famosissimi piloti di Formula 1 siano diventati pian piano degli esperti appassionati del gioco d’azzardo. Tra i professionisti più conosciuti nel campo della Formula 1 troviamo Michael Schumacher, uno dei più grandi piloti della storia. Quest’ultimo divenne un vero appassionato di poker: il pilota tedesco ha partecipato a numerosissimi tornei di beneficenza, inoltre, era solito giocare a poker anche poco prima di una gara. Il gioco d’azzardo, diceva, lo aiutava a placare l’ansia.

Anche Giancarlo Fisichella, altro noto ex pilota di Formula 1, è entrato a far parte del mondo del gioco d’azzardo online, per poi passare a veri e propri tornei di poker dal vivo. Ma non solo. Anche un altro famosissimo pilota ha trasferito la sua competitività e il suo amore incondizionato per il rischio nel gioco d’azzardo. Si tratta di Fernando Alonso, che più volte è stato avvistato in alcuni Casino di elite estremamente eleganti e raffinati.

In base, anche, agli esempi sopra riportati, si può tranquillamente affermare che tra la Formula 1 e il casino esiste un legame indissolubile. La crescita del settore del gioco d’azzardo interessa anche tantissime altre persone che con il tempo si sono appassionate al poker e ai vari giochi proposti nei casino. 

Proprio per questo il mondo dei casino si è notevolmente evoluto dal punto di vista tecnologico: oggi sono disponibili persino i casino online live, ovvero dei casino che simulano l’esperienza in presenza. 

Si tratta di una grandissima innovazione, che permette agli utenti di giocare dal proprio PC in diretta con un vero croupier.

Casino online e casinò live: quali sono le differenze?

Il casino online consente ai giocatori del gioco d’azzardo di partecipare a tornei e competizioni virtuali, offrendo la possibilità di gioco a chi non può fisicamente recarsi in un casino. Anche i casino live seguono lo stesso principio, ma rispetto ai precedenti riducono notevolmente le differenze tra il gioco virtuale e quello reale.

L’utente che gioca nel casinò online live infatti, prova quasi le stesse emozioni di un torneo di poker dal vivo.

È fondamentale in ogni caso, scegliere sempre i casino online autorizzati al gioco d’azzardo legale, per evitare eventuali truffe e proteggere sia i propri dati, sia il proprio denaro.

]]>
Wed, 25 Aug 2021 12:12:53 +0000 https://www.formula1.it/news/7518/1/formula-uno-e-casino-un-legame-indissolubile http://www.formula1.it/admin/foto/formula-uno-e-casino-un-legame-indissolubile-7518-1.jpg
Bottas: Hamilton vuole che resti alla Mercedes. Intanto l'Alfa... https://www.formula1.it/news/7517/1/bottas-hamilton-vuole-che-resti-alla-mercedes-intanto-l-alfa Dopo 11 Gp disputati, Valtteri Bottas è al quarto posto della classifica piloti con 108 punti conquistati. Un risultato che non convince appieno la Mercedes, la quale starebbe pensando di sostituirlo per le prossime stagioni con un altro profilo (Russell in pole). Ad oggi, il futuro del finlandese è ancora tutto da definire. Tuttavia, Bottas ha un importante sponsor che potrebbe indirizzare la Scuderia tedesca verso una sua conferma.

La rivelazione è arrivata dal diretto interessato ai microfoni di MTV Sport. Di seguito un estratto delle sue dichiarazioni.

L'ottimismo (?) di Bottas - "Purtroppo, non c'è niente da dire. Resta da vedere cosa accadrà. Non credo che ci saranno novità nel prossimo futuro, ma sì, certe cose saranno chiare nel tempo. Tutto sta andando nella giusta direzione".

L'indiscrezione (mancata) - "Quali sono le offerte che ho ricevuto? Non posso dire con chi parleremo e cosa sta succedendo, ma si sta discutendo in modo da poter trovare l'opzione migliore per la prossima stagione".

Lo sponsor - "Lewis mi ha detto in modo abbastanza esplicito che vorrebbe che continuassi ad essere suo compagno di squadra. Insieme possiamo fare molto bene, ma certe scelte riguardano soprattutto il team".

Bottas, anche se non lo ha ammesso pubblicamente, è finito nel mirino dell'Alfa Romeo, Scuderia che vorrebbe ingaggiarlo per sostiutire Kimi Raikkonen nel caso quest'ultimo dovesse ritirarsi a fine stagione. Non a caso è sempre più frequente la presenza di Vasseur nel box Mercedes.

Probabilmente, per il futuro del vice-campione del Mondo saranno decisive le prossime gare. Tra settembre e ottobre magari sapremo se si sarà esaudito il desiderio di Hamilton oppure se l'Alfa avrà centrato un gran bel colpo di mercato.

]]>
Mon, 23 Aug 2021 16:42:45 +0000 https://www.formula1.it/news/7517/1/bottas-hamilton-vuole-che-resti-alla-mercedes-intanto-l-alfa http://www.formula1.it/admin/foto/bottas--7517-1.jpg
Sainz: incredibile quello che ha fatto Ferrari dopo il Gp di Francia https://www.formula1.it/news/7516/1/sainz-incredibile-quello-che-ha-fatto-ferrari-dopo-il-gp-di-francia- Guardando indietro alla prima metà della stagione, c'è stato un palese punto più basso per la Ferrari, in mezzo ad altre incoraggianti 11 gare: Il Gran Premio di Francia. Ma Carlos Sainz dice che la reazione della squadra quando ha lasciato il Paul Ricard senza punti è una delle cose più impressionanti che ha visto in F1.

Il Gran Premio di Francia è stato il momento peggiore della Ferrari, con la squadra che ha lottato con le pessime prestazioni dei pneumatici per chiudere con Charles Leclerc 16° e Sainz 11°. L'ex pilota della McLaren, a 99,3 secondi dal leader al Paul Ricard, ha detto che è stato impressionato da come la squadra è tornata a Maranello e ha lavorato instancabilmente per risolvere il problema degli pneumatici.

"Beh, c'è stata molta enfasi e concentrazione su questo problema. Il ripiego al Paul Ricard è stato così drammatico in un certo senso perché eravamo tutti così sorpresi e abbiamo detto: 'OK, dobbiamo cambiare questo, e dobbiamo affrontarlo in modo aggressivo e il più presto possibile. Nel momento in cui è successo, siamo tornati tutti a Maranello, abbiamo messo insieme alcune riunioni, alcune analisi e sono stati due, quasi tre giorni di lavoro intenso nel simulatore, nelle simulazioni, nella comprensione della nostra auto per vedere quale fosse il problema a causare questo enorme problema, e il modo in cui la squadra ha reagito a questo, è stato piuttosto impressionante. Vedere una squadra così grande, una barca così grande in cui tutti remavano in una direzione tutti spingendo nello stesso modo, e vedere quante teorie, quanti progetti sono venuti fuori per cercare di risolverlo è stata una delle cose più impressionanti che ho vissuto come un pilota da corsa"

Ora, il team di Maranello è su una striscia di quattro gare consecutive a punti con Sainz che ha conquistato un podio in Ungheria mentre Leclerc purtroppo si è ritirato nel caos di giro 1 all'Hungaroring dopo l'ottima gara a Silverstone. Sainz ha continuato a spiegare che gli ingegneri della Ferrari meritano di essere elogiati per il loro lavoro nel risolvere i problemi di gomme della Ferrari.

"Mi sono divertito molto, ed è stato un buon processo. Come piloti ovviamente non possiamo fare molto di più che dare un feedback preciso, dettagli precisi di ciò che sentiamo in macchina, come sentiamo che le gomme sono influenzate dalla nostra guida, circa l'equilibrio che abbiamo e lasciare che gli ingegneri si occupino del resto. È stato divertente e mi sono divertito molto"

Articolo originale su formula1.com]]>
Sat, 21 Aug 2021 07:32:30 +0000 https://www.formula1.it/news/7516/1/sainz-incredibile-quello-che-ha-fatto-ferrari-dopo-il-gp-di-francia- http://www.formula1.it/admin/foto/sainz-incredibile-quello-che-ha-fatto-ferrari-dopo-il-gp-di-francia--7516-1.jpg
Alfa Romeo, decisione dolorosa ma necessaria https://www.formula1.it/news/7515/1/alfa-romeo-decisione-dolorosa-ma-necessaria Quando a gennaio Alfa Romeo ha preso la decisione di interrompere lo sviluppo della sua monoposto 2021, sapeva che avrebbe potuto affrontare diversi problemi nel breve termine.
La scuderia è bene inserita nella serrata lotta di centro gruppo e qualsiasi piccolo miglioramento che i rivali porteranno rischia di far scivolare l'Alfa Romeo nelle zone più arretrate della classifica.

Nonostante il grande progresso fatto in termini di ritmo, al momento non sono stati raccolti molti più punti della passata stagione, e con la Williams che ha beneficiato più delle altre del caos nel GP d'Ungheria conquistando 10 punti preziosi, l'Alfa Romeo sembra destinata a portare a casa un nono posto quest'anno, sapendo che non porterà altri aggiornamenti alle sue vetture.

Al momento è chiaro che la Haas è dietro in termini di ritmo e punti, ma la distanza da Aston Martin è troppa e forse anche Williams continuerà a migliorare. Nonostante questo il boss di Alfa Romeo Fred Vasseur non ha assolutamente rimpianti per la scelta che è stata presa.

Certo c'è un po' di frustrazione per la mancata competitività, come Kimi Raikkonen ha espresso via radio alla squadra dopo il GP di Gran Bretagna, ma a lungo termine Vasseur è convinto che questo è un caso di dolore a breve termine per un guadagno a lungo termine.

"Mi piacerebbe che la squadra segnasse più punti. Abbiamo fatto alcuni grandi sforzi all'interno della squadra, ma la ragione principale per cui stiamo perdendo un po' in prestazioni dall'inizio della stagione è perché abbiamo deciso di passare, da gennaio, al 100% sul 2022.. Quando vedo gli aggiornamenti degli altri team, anche se tutti dicono che sono passati alla vettura 2022, hanno aggiornamenti ogni singolo weekend! Ma quando abbiamo preso la decisione sapevo che se si passa al 100% alla macchina del prossimo anno, allora non si svilupperà la macchina del 2021. E questo è il caso. Ma penso che sia stata la decisione giusta per noi, perché considerando dove eravamo l'anno scorso, se manteniamo la stessa macchina e continuiamo a investire e svilupparla, non sono sicuro che abbia completamente senso in termini di posizione in campionato. Se si dà un'occhiata al divario con Toro Rosso [AlphaTauri] o Renault [Alpine], il divario è enorme, ma sono davvero convinto che sia stata la decisione giusta. Sapevamo che c'era un lato positivo e uno negativo, ma ora bisogna affrontare il lato negativo."

Vasseur comunque pensa che ci sia ancora molto da giocare in questa stagione. E ritiene che i piccoli margini che la squadra ha bisogno di fare in Q3 possono essere trovati sia dai piloti che dagli ingegneri estraendo di più dal pacchetto attuale.

"Non torneremo nella galleria del vento di sicuro, e il motore è congelato. Ma come squadra abbiamo un sacco di spazio per migliorare. Se si dà un'occhiata al confronto tra i nostri piloti, uno è più performante in qualifica, l'altro in gara. E dobbiamo ottenere il meglio da entrambi. Con le operazioni in pista, sono sicuro che abbiamo spazio per migliorare, proprio come in termini di gestione delle gomme, set up della vettura e su ogni singolo argomento che si deve affrontare in pista. Questo è importante per me, perché tutti i miglioramenti che faremo come squadra su questo lato, è anche probabilmente quello che si può portare avanti per il prossimo anno. Abbiamo margini di miglioramento e non stiamo parlando di secondi. Molto spesso tra P8, P9 e P14 ci sono solo un paio di decimi. Voglio tenere tutti sotto pressione e continuare a spingere nella stessa direzione".

Ma la ragione per cui Vasseur accetta i problemi attuali è perché prevede la possibilità di un decente passo avanti il prossimo anno.

Oltre al vantaggio che spera che l'Alfa Romeo abbia ottenuto grazie al nuovo regolamento, l'ulteriore riduzione del tetto dei costi e un cambiamento della struttura dei premi in denaro della F1, consente di essere ottimisti.

"Questo è il motivo per cui abbiamo deciso di muoverci molto rapidamente e molto presto sul 2022. Anche se abbiamo il budget cap in questa stagione, sappiamo perfettamente che le auto attuali sono state sviluppate prima che questo arrivasse. Il 2022 sarà la prima stagione con l'auto sviluppata sotto il budget cap, da zero. Direi che siamo ancora molto al di sotto del tetto massimo, e spero di arrivarci l'anno prossimo. È una vera opportunità per noi. La sto considerando come un'opportunità che giocherà a nostro favore; quando la maggior parte delle altre squadre dovrà ridurre la dimensione della loro squadra o cambiare l'approccio o farlo in modo diverso. Siamo ancora nella posizione di aumentare le dimensioni, la capacità, l'organico. Significa che siamo ancora con una dinamica positiva. Il tetto dei costi, per noi, è solo il passo successivo. E la migliore distribuzione dei premi, sarà anche un'opportunità per noi. Sul quadro globale sono più che positivo. Ciò che è molto importante è anche la stabilità della squadra. Abbiamo rinnovato l'accordo con Alfa Romeo, e penso che su ogni singola area della società abbiamo i semafori verdi. Ma, sapete, non è abbastanza per me. So perfettamente che bisogna fare una buona macchina, avere una buona formazione di piloti, fare un buon lavoro in pista. Alla fine si tratta di corse, non è solo una questione di numeri".

Tornando sulla frustrazione che Raikkonen ha mostrato via radio dopo Silverstone, Vasseur la considera attualmente come il segnale positivo che le persone sono pienamente motivate a fare meglio.

"Penso che quando sei ambizioso, e Kimi è ambizionso e tutta la squadra è fatta di persone ambiziose, la reazione, quando stai lottando, e sei appena fuori dai punti, perché a due giri dalla fine siamo P10... allora la frustrazione è lì. Dobbiamo avere una macchina migliore. Abbiamo bisogno di rendere la macchina più veloce, di sicuro. Ma abbiamo preso una decisione e non è sullo sviluppo aerodinamico che avverrà ancora. Ma abbiamo alcuni cose da migliorare sulla macchina, il setup o la gestione delle gomme, per essere più veloci. Si capisce perfettamente la frustrazione del pilota quando è in macchina e vuole fare un lavoro migliore. E penso che sia una prova di motivazione per me. Quindi mi va bene così".

]]>
Thu, 19 Aug 2021 13:22:34 +0000 https://www.formula1.it/news/7515/1/alfa-romeo-decisione-dolorosa-ma-necessaria http://www.formula1.it/admin/foto/alfa-romeo-decisione-dolorosa-ma-necessaria-7515-1.jpg
UFFICIALE - Cancellato il Gp del Giappone: il comunicato della Formula 1 https://www.formula1.it/news/7514/1/ufficiale-cancellato-il-gp-del-giappone-il-comunicato-della-formula-1 È ufficiale: il Gran Premio del Giappone è stato cancellato dal calendario 2021. L'appuntamento era previsto ad ottobre, ma non si svolgerà a causa della complicata situazione del Coronavirus nel Paese asiatico. Ora le gare totali diventano 21.

Ecco il comunicato della Formula 1 a riguardo:

"Dopo lunghe discussioni con gli organizzatori e le autorità giapponesi, è stata presa la decisione da parte del governo del Giappone di cancellare la gara in questa stagione a causa delle complessità causate dalla pandemia nel paese. La Formula 1 sta ora lavorando sui dettagli del calendario rivisto e annuncerà i dettagli finali nelle prossime settimane. La Formula 1 ha dimostrato quest'anno, e nel 2020, che possiamo adattarci e trovare soluzioni alle incertezze odierne ed è entusiasta del livello di interesse da parte delle autorità locali per ospitare eventi di Formula 1 quest'anno e oltre".

Quello del Giappone è il quinto weekend di gara ad essere cancellato quest'anno dopo Australia, Cina, Canada e Singapore. Da capire, adesso, se sarà rimpiazzato in scaletta un altro Gp.

]]>
Wed, 18 Aug 2021 10:46:54 +0000 https://www.formula1.it/news/7514/1/ufficiale-cancellato-il-gp-del-giappone-il-comunicato-della-formula-1 http://www.formula1.it/admin/foto/ufficiale-cancellato-il-gp-del-giappone-il-comunicato-della-formula-1-7514-1.jpg
Vettel spiega difetti e pregi delle nuove gomme Pirelli da 18 pollici https://www.formula1.it/news/7513/1/vettel-spiega-difetti-e-pregi-delle-nuove-gomme-pirelli-da-18-pollici Quando è trascorsa precisamente metà della stagione di Formula 1, già si inizia a guardare al futuro con grande ansia. Il 2022, infatti, sarà un anno importante per il Cirucs con tante novità in arrivo: una vera e propria rivoluzione. Alcuni cambiamenti sono stati accolti positivamente, mentre altri hanno fatto già discutere. Diverse idee, infine, sono in fase di valutazione.

Una cosa certa è che ci saranno le gomme Pirelli da 18 pollici. A riguardo ha detto la sua Sebastian Vettel, che le ha provate nei test a Silverstone. Il quattro volte Campione iridato ha sottolineato difetti e pregi dei nuovi pneumatici. Ecco le sue dichiarazioni rilasciate ai microfoni di "Auto Motor und Sport".

Difetti - "Le dimensioni più grandi limitano la visibilità all’anteriore, un problema al quale contribuiscono anche gli specchietti. Era meglio quando questi erano montati sull’Halo. Con le vetture 2022 la situazione peggiorerà ulteriormente. Ho paura che non si vedranno i cordoli".

Pregi - "Si può spingere maggiormente al limite senza che si surriscaldino, e offrono più grip sui cordoli e nelle curve a bassa e a media velocità. In sezioni con questa tipologia di curve ero più veloce rispetto alle gomme che utilizziamo attualmente".

]]>
Tue, 17 Aug 2021 10:09:55 +0000 https://www.formula1.it/news/7513/1/vettel-spiega-difetti-e-pregi-delle-nuove-gomme-pirelli-da-18-pollici http://www.formula1.it/admin/foto/vettel-7513-1.jpg
Red Bull, Verstappen parla da veterano: ecco come vivo la lotta per il titolo https://www.formula1.it/news/7512/1/red-bull-verstappen-parla-da-veterano-ecco-come-vivo-la-lotta-per-il-titolo Dopo 11 gare, il Mondiale di Formula 1 vede in testa Lewis Hamilton con 195 punti. Staccato di 8 lunghezze, lo insegue Max Verstappen, che fino a qualche Gp comandava la classifica. Sarà l'annata buona per spezzare il dominio del sette volte Campione iridato britannico? Questo solo la pista potrà dirlo, intanto il giovane talento olandese della Red Bull promette battaglia. Ecco il contenuto dell'intervista che ha rilasciato ai microfoni di "The Race":

Sulla lotta per il titolo

"Lottare per il mondiale da belle sensazioni ad essere sincero. E’ incoraggiante sapere che puoi contare sulla vettura giusta per raggiungere certi traguardi. Se una situazione di questo tipo non ti mette a proprio agio, allora forse è meglio cambiare lavoro e dedicarsi ad altro. In tutta sincerità non mi sto facendo trasportare da questa situazione. Sono concentrato al massimo su ogni week-end di gara, ben consapevole del fatto che abbiamo tra le mano un pacchetto che può dire la propria per la vittoria”.

Sulla sua crescita

"Rispetto al passato sono migliorato sulla costanza. Cerco di conquistare punti in ogni singolo Gran Premio, anche perchè, quando hai una vettura da vertice, non hai bisogno di rischiare sempre il tutto per tutto. Sotto questo punto di vista direi che sta andando molto bene. In passato volevo sempre piazzarmi al vertice, mentre adesso sono più riflessivo. È difficile dire quanto sono migliorato, ma ho più esperienza e credo che questo aiuti in termini di performance".

]]>
Mon, 16 Aug 2021 11:16:12 +0000 https://www.formula1.it/news/7512/1/red-bull-verstappen-parla-da-veterano-ecco-come-vivo-la-lotta-per-il-titolo http://www.formula1.it/admin/foto/red-bull-verstappen-parla-da-veterano-ecco-come-vivo-la-lotta-per-il-titolo-7512-1.jpg
Alonso: aspettative non centrate, perso troppo terreno dalla McLaren https://www.formula1.it/news/7511/1/alonso-aspettative-non-centrate-perso-troppo-terreno-dalla-mclaren Alpine, prima chiamata Renault, e McLaren sono stati coinvolti in una tesa lotta a tre per il terzo posto nel campionato costruttori 2020, una battaglia che comprendeva anche Racing Point, ora Aston Martin.

Mentre McLaren ha continuato la sua traiettoria verso l'alto nel 2021 e ora sta lottando con una risorta Ferrari per il terzo posto, Alpine e Aston Martin hanno entrambi avuto una importante frenata.

Dopo la vittoria shock di Esteban Ocon in Ungheria, Alpine ha fatto un bel salto dal settimo al quinto posto in classifica, scavalcando sia Aston Martin che AlphaTauri.

Il trionfo di Ocon è stata la prima vittoria della scuderia di Enstone dal Gran Premio d'Australia 2013, dove correva come Lotus Renault, ma nel 2021 è stata spesso carente in velocità e costanza rispetto allo scorso anno.

Alonso ha spiegato che Alpine aveva predetto che la Ferrari sarebbe tornata forte dopo un 2020 traballante, ma ha ammesso che la sua squadra è più lontana dalla McLaren di quanto sperato.

"Penso che le aspettative o le nostre ambizioni all'inizio dell'anno era di ripetere ciò che la Renault è stata in grado di fare l'anno scorso. Sapendo che la Ferrari ha avuto una stagione 2020 molto strana con prestazioni piuttosto basse, ci aspettavamo che forse la Ferrari sarebbe stata davanti a noi. Ma è anche vero che abbiamo perso un po' troppo terreno dalla McLaren. La Renault stava lottando con la McLaren fino all'ultima gara l'anno scorso e non siamo in grado di farlo quest'anno".

Una buona notizia per Alpine è che ha ridotto il divario con i frontrunner Mercedes e Red Bull, e che i nuovi regolamenti del 2022 forniranno l'opportunità di fare un grande passo avanti nel momento in cui Alpine introdurrà la sua prima power unit nuova di zecca dal 2019.

"Guardando e analizzando tutti i numeri in un certo senso, abbiamo ridotto il divario con la Mercedes e con alcuni degli avversari. Quindi anche se siamo in P7 nel campionato costruttori, abbiamo ridotto il divario con i leader e questo è dimostrazione di quanto tutto il gruppo si sia ravvicinato. Dal nono al primo posto, tutti sono più vicini. Lo stesso con Aston Martin. Racing Point l'anno scorso stava lottando per i podi e ha anche vinto un gran premio e quest'anno siamo più vicini a loro. Quindi sì, ci sono stati un po' di alti e bassi per tutte le squadre, anche per noi"

Articolo originale su autosport.com

]]>
Mon, 16 Aug 2021 08:57:53 +0000 https://www.formula1.it/news/7511/1/alonso-aspettative-non-centrate-perso-troppo-terreno-dalla-mclaren http://www.formula1.it/admin/foto/alonso-aspettative-non-centrate-perso-troppo-terreno-dalla-mclaren-7511-1.jpg
Ferrari, Binotto svela quando potrebbe essere pronto il nuovo simulatore https://www.formula1.it/news/7510/1/ferrari-binotto-svela-quando-potrebbe-essere-pronto-il-nuovo-simulatore Con l'enorme quantità di modifiche regolamentari previste nel 2022, la Ferrari ha investito in un nuovo simulatore che ha progettato e costruito nel corso dell'ultimo anno. Matteo Binotto, team principal della Scuderia di Maranello, ha rivelato ai microfoni di RacingNewss365.com quando potrebbe essere pronto per l'uso. Ecco un estratto delle sue parole:

"Il simulatore è stato assemblato, ma i nostri piloti non l'hanno ancora testato. Attualmente, stiamo attraversando una fase di messa in servizio che durerà almeno per i prossimi due o tre mesi. Il nostro obiettivo è iniziare ad utilizzare il nuovo simulatore entro la fine della stagione in corso, per prepararci bene in vista della successiva. Ci saranno molte cose da confrontare con il vecchio simulatore. Sarà un lavoro molto lungo, ma anche molto utile per il 2022. Crediamo che avere un buon simulatore sia molto importante. Se hai un buon simulatore in termini di risposte riesci sicuramente a fare le cose in maniera molto pià precisa. Il simulatore attuale è meno buono di quello dei nostri concorrenti. Per questo motivo era per noi importante fare un upgrade".

Il nuovo simulatore, basato su un concept creato dalla Ferrari con la società britannica Dynisma, è una soluzione su misura per il Cavallino e si troverà in un nuovo edificio a Maranello. L'attuale simulatore rimarrà in uso per il lavoro di sviluppo, per la preparazione dei weekend di gara e per far crescere i giovani piloti della Driver Academy.

]]>
Fri, 13 Aug 2021 12:44:49 +0000 https://www.formula1.it/news/7510/1/ferrari-binotto-svela-quando-potrebbe-essere-pronto-il-nuovo-simulatore http://www.formula1.it/admin/foto/ferrari-binotto-svela-quando-potrebbe-essere-pronto-per-l-uso-il-nuovo-simulatore-7510-1.jpg
Marko: la Mercedes ha causato tre milioni di euro di danni alla Red Bull https://www.formula1.it/news/7509/1/marko-la-mercedes-ha-causato-tre-milioni-di-euro-di-danni-alla-red-bull Il consigliere della Red Bull Helmut Marko ha rivelato che il conto delle riparazioni della sua squadra, a causa degli incidenti nei Gran Premi di Gran Bretagna e Ungheria, ammonta a tre milioni di euro.

Max Verstappen ha subito un pesante incidente a Silverstone con il suo rivale per il titolo Lewis Hamilton che è stato ritenuto responsabile della collisione.

Nella gara successiva in Ungheria, Verstappen è stato vittima di un incidente causato da Valtteri Bottas, che ha colpito Lando Norris mandando il pilota della McLaren sul posteriore di Verstappen. Bottas ha anche colpito Sergio Perez in una collisione secondaria pochi secondi dopo.

"Fino alle ultime due gare, la prima metà della stagione è stata positiva. Poi tutto è andato male. Di conseguenza, dobbiamo chiederci se il sistema di penalità sia corretto dopo due errori della Mercedes. Forse ci dovrebbero essere diversi livelli di penalità. Antonio Giovinazzi ha ottenuto una penalità di stop/go per eccessiva velocità nella corsia dei box e Sebastian Vettel viene squalificato per non avere abbastanza carburante nel suo serbatoio, mentre gli 0,3 litri che erano nel suo serbatoio sarebbero stati sufficienti per il controllo. Dall'altra parte, abbiamo due motori rotti a causa delle azioni dei piloti Mercedes e questo significa che dobbiamo incassare un duro colpo finanziariamente. Abbiamo tre milioni di danni ed è una somma che non possiamo più trovare facilmente".

Hamilton ha ricevuto una penalità di 10 secondi, ma è andato a vincere il GP di Gran Bretagna dopo il suo incidente con Verstappen, mentre Bottas prenderà una penalità di cinque secondi alla prossima gara di Formula 1 a Spa. Marko pensa che le sanzioni siano troppo indulgenti.

"Queste cose possono essere il fattore decisivo nella lotta per il titolo. Questo è il motivo per cui dobbiamo guardare la cosa in modo diverso e se i piloti che l'hanno causata sono stati negligenti. Per esempio, che questo danno non conti nel budget cap o che possiamo usare qualche tipo di jolly".

Articolo originale su racingnews365.com

]]>
Fri, 13 Aug 2021 09:56:23 +0000 https://www.formula1.it/news/7509/1/marko-la-mercedes-ha-causato-tre-milioni-di-euro-di-danni-alla-red-bull http://www.formula1.it/admin/foto/marko-la-mercedes-ha-causato-tre-milioni-di-euro-di-danni-alla-red-bull-7509-1.jpg
Ferrari: danni per 2.5 milioni di euro mettono in crisi il budget cap https://www.formula1.it/news/7508/1/ferrari-danni-per-25-milioni-di-euro-mettono-in-crisi-il-budget-cap Un conto salatissimo quello maturato fino ad ora per i danni associati agli incidenti in pista, danni solo parzialmente causati da errori dei piloti Ferrari, e che ammontano ad oltre 2,5 milioni di euro evidenziando il problema del tetto dei costi della F1.

I top team di F1 hanno affrontato grandi problemi  quest'anno nel tentativo di tagliare le loro spese per scendere sotto il limite di 145 milioni di dollari introdotto per 2021.

Sia Mercedes che Red Bull questo inverno hanno dovuto dolorosamente affrontare il licenziamento del personale che non potevano più permettersi di mantenere.

Ma mentre la stagione avanzava c'è stata ulteriore preoccupazione per le complicazioni che si affrontano quando si tratta di pagare per danni imprevisti.

L'incidente di Valtteri Bottas a Imola ha spinto la Mercedes a temere che avrebbe dovuto tagliare gli aggiornamenti di sviluppo, mentre la Red Bull non ha nascosto i problemi per un conto di 1,8 milioni di dollari che ha affrontato per l'incidente di Max Verstappen nel Gran Premio di Gran Bretagna.

Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, dopo il GP d'Ungheria quando Charles Leclerc è stato fatto fuori da Lance Stroll alla prima curva, ha suggerito che le scuderie i cui piloti sono colpevoli di aver causato un incidente dovrebbero pagare per qualsiasi danno causato.

Non tutte le squadre credono che tale scenario sia realistico, mentre Binotto pensa che ci siano motivi giustificabili per almeno riunirsi e parlarne.

Un controllo delle fatture della prima metà del 2021 mostra che la Ferrari ha dovuto pagare 2,5 milioni di euro (3 milioni di dollari) per danni, evidenziando il basso margine di manovra previsto in questo momento nei bilanci per eventi inaspettati.

"Questi sono danni complessivi, e a volte causati da noi stessi, a volte sono le altre squadre che ci danneggiano. Ora, ovviamente, ci sono state molte discussioni sul fatto che se c'è un incidente e c'è un pilota colpevole, nel caso in cui non sei colpevole e se sei stato danneggiato allora il costo dovrebbe essere esente dal limite di bilancio? Penso che sia certamente un punto importante, perché la ragione per cui ho menzionato 2,5 milioni di euro è per mostrare che nel complesso il danno può essere significativo. Quindi dovremmo considerare un diverso tipo di regolamentazione in quei casi? Penso che certamente si dovrebbe entrare nel merito. Penso che certamente non ci sono soluzioni ovvie, ma è qualcosa che senza dubbio discuteremo con la FIA, la F1 e le squadre nelle prossime settimane, forse per affrontarlo, per vedere se c'è qualche soluzione per il futuro".

Al di là del costo del danno, c'è anche un nuovo dibattito sul fatto che le squadre dovrebbero affrontare esenzioni dalle penalità in griglia se subiscono danni al motore come risultato dell'errore di un altro pilota e sono costretti a utilizzare una nuova power unit.

Leclerc ha perso la sua seconda power unit dell'anno dopo che è stato tamponato da Stroll alla prima curva del Gran Premio d'Ungheria.

Binotto pensa che ci siano le basi per discutere un potenziale cambiamento anche qui:

"Non c'è una soluzione ovvia. Se si danneggia un motore che, come nel nostro caso in Ungheria, non è nuovo, sostituendolo, si monta qualcosa di nuovo, quindi non lo si fa con qualcosa di uguale chilometraggio e con la stessa durata di vita. Quindi è complicato. Si parla di un'ulteriore riduzione nel 2025, di passare da tre motori a due per stagione quindi è chiaro che meno motori ci sono, più importante diventa la questione. Discuteremo con tutte le altre squadre, e con la FIA, perché questo è certamente un problema attuale, portato alla luce da diverse scuderie, e quindi merita di essere esplorato. Ma non credo che ci sia una soluzione facile".

Articolo originale su autosport.com

]]>
Thu, 12 Aug 2021 18:00:10 +0000 https://www.formula1.it/news/7508/1/ferrari-danni-per-25-milioni-di-euro-mettono-in-crisi-il-budget-cap http://www.formula1.it/admin/foto/ferrari-danni-per-25-milioni-di-euro-mettono-in-crisi-il-budget-cap-7508-1.jpg
Piloti di Formula 1 che amano le scommesse e il gioco d'azzardo https://www.formula1.it/news/7507/1/piloti-di-formula-1-che-amano-le-scommesse-e-il-gioco-d-azzardo Una curva a 200 km/h, un sorpasso ruota a ruota, prendere o lasciare: qual è il rischio che vuoi correre? Se lo saranno chiesti migliaia di volte i protagonisti della massima categoria motoristica delle quattro ruote: i nostri amati piloti della Formula 1. E, mentre paure, gioie, emozioni e una sana incoscienza riempiono i weekend di gara e allietano le domeniche di tutti gli appassionati, c'è chi cerca competizione e brivido anche fuori dalla pista. Chi? Sempre i nostri amati piloti della Formula 1. Alcuni di questi, infatti, hanno la sana passione per le scommesse. 

Ad unire gare e gioco d'azzardo: l'adrenalina, il divertimento e, talvolta, anche nobili scopi.

È il caso, ad esempio, di Alonso, Kubica, Liuzzi, Pantano, Fisichella, Irivine, Nico Rosberg e Sutil, che pochi anni fa non si tirarono indetro a partecipare al "Pit Stop Poker", un format televisivo trasmesso su Sky in cui piloti di Formula 1 si sfidavano con l’obiettivo di raggiungere il Final Table e di conquistare l’alloro. Il tutto per beneficenza. Un evento che rivelò come le varie guide di Formula 1 fossero grandi amanti del Texas Hold’Em. A tal proposito, si scoprì infatti che, durante i sabato sera pre-gara, questi piloti si ritrovavano per delle entusiasmanti partite.

Ma andiamo a scoprire più nel dettaglio.

Dal Paddock al tavolo verde

Fernando Alonso

Tra i più assidui frequentatori dei tornei che si organizzano (o si organizzavano) nel paddock c’è Fernando Alonso. Lo spagnolo due volte campione del mondo, come molti altri colleghi, nel tempo libero gioca a Poker anche in versione online, ma preferisce il tavolo verde tradizionale. Non è infatti raro che sui profili social dell’ex Ferrarista vengano pubblicate foto che lo ritraggono impegnato al tavolo durante tornei di Texas Hold’em.

Giancarlo Fisichella

Il romano è stato uno dei capostipiti del poker nel paddock. Questi è stato anche testimonial di un noto sito di poker online e, in numerose interviste, ha rivelato la sua passione per il gioco d’azzardo, in particolare per il Texas Hold’em.

Nico Rosberg

Nico Rosberg, campione del mondo nel 2016 ritiratosi dopo aver vinto il titolo, è uno dei piloti a cui piace giocare. Il tedesco, infatti, risulta essere uno dei più abili al tavolo verde. Lo dimostrò proprio a Pit Stop Poker, quando vinse le edizioni del 2008 e del 2009. Quella del Texas Hold’em è una passione che coltiva ancora oggi: l’ex pilota Mercedes si riunisce con gli amici per passare il tempo tra un all in e un altro.

Adrian Sutil

Sutil, attivo in Formula 1 dal 2007 al 2011 e dal 2013 al 2014 rispettivamente con Spyker, Force India e Sauber, a Pit Stop Poker, dimostrò di avere una certa abilità anche dietro al tavolo verde del Casinò di Venezia. Purtroppo un gioco non buonissimo gli costò una cocente sconfitta nel 2009 nonostante avesse dimostrato un coraggio e una capacità di mantenere la calma non da tutti, almeno sul tavolo verde

Felipe Massa

L'ex Ferrari è un altro grande amante del tavolo verde. Nel 2014, infatti, prese parte al torneo di poker BSOP Millions (Brazilian Series Of Poker), dove conquistò il secondo posto (perdendo l’heads up finale con l’ex calciatore della nazionale brasiliana Evandro Guimaraes. Con lui al tavolo Ronaldo "Il Fenomeno", il cantante Dinho Ouro Preto, la campionessa olimpica Maureen Maggis, il nuotatore Fernando Scherer e il cantante Dado Villa­Lobos.

Poker che passione!

Nel settore dell’intrattenimento e delle scommesse, il Poker è sicuramente uno dei giochi più appassionanti e coinvolgenti: basti pensare a quanti amici amano organizzare serate in compagnia di carte e chips, ordinando una pizza e sfidandosi fra risate e bluff. La popolarità del Poker ha conquistato anche la rete: tutti i migliori provider di gioco lo includono nel loro ventaglio di alternative e organizzano costantemente tornei dalle ghiotte vincite. 888sport bonus, per esempio, offre un ampissima scelta nella sua sezione casinò e poker: i vari giochi e le slot sono molto interessanti, e probabilmente i migliori bonus che ti offriranno gli sportsbook per le sezioni casinò e poker sono proprio quelli di 888.

]]>
Thu, 12 Aug 2021 01:40:06 +0000 https://www.formula1.it/news/7507/1/piloti-di-formula-1-che-amano-le-scommesse-e-il-gioco-d-azzardo http://www.formula1.it/admin/foto/piloti-di-formula-1-che-amano-le-scommesse-e-il-gioco-d-azzardo-7507-1.jpg
La Ferrari annuncia un significativo aggiornamento al suo motore di F1 https://www.formula1.it/news/7506/1/la-ferrari-annuncia-un-significativo-aggiornamento-al-suo-motore-di-f1 Ferrari ha rivelato i piani per portare un aggiornamento 'significativo' del motore già in questa stagione, quando utilizzerà l'ultima versione di power unit stagionale.

Nonostante i limiti di omologazione in atto per i costruttori, che li limitano a un solo aggiornamento dallo scorso anno, è emerso che la Ferrari non ha finora sfruttato tutte le modifiche preparate per la sua power unit 2021.

Mentre altri costruttori hanno introdotto tutti i loro nuovi componenti all'inizio dell'anno e ora devono attenersi a quella stessa specifica, Ferrari ha invece corso fino ad ora con alcuni elementi che hanno design 2020.

Avendo usato solo alcune parti aggiornate per il suo motore 2021, molto migliorato rispetto a quello 2020, le è quindi permesso di introdurre elementi di nuova concezione quando porterà la sua ultima Power Unit stagionale.

La tempistica con cui saranno introdotti i nuovi componenti non è chiara, e il team principal della Ferrari Binotto ha confermato che non accadrà prima del Gran Premio d'Italia il mese prossimo.

Ciò significa che la nuova power unit che Charles Leclerc dovrà utilizzare dal GP del Belgio, a causa del suo incidente nel GP d'Ungheria, avrà le specifiche attuali e solo la successiva quarta unità, che prevede penalizzazioni in griglia, avrà i nuovi componenti. 

Parlando del piano di aggiornamento del motore, Binotto ha detto:

"Porteremo sviluppi della power unit. Solo per chiarire quali sono i regolamenti nel 2021: si può avere una power unit nuova di zecca nel 2021. Significa che si può portare un aggiornamento in tutti i componenti della power unit, qualunque sia ICE, turbo, MGU-H, batterie, MGU-K, ecc. Ma all'inizio della stagione, non abbiamo cambiato l'intera power unit. Quindi ci sono ancora componenti che sono quelli dell'anno scorso. E porteremo un'evoluzione di quelli. Quindi, penso che sarà per noi un passo significativo per la parte finale della stagione".

Con la nuova power unit che non arriverà fino a dopo Monza, la Ferrari dovrà giocare in difesa in quelle piste difficili che dipendono molto dalla potenza del motore, Belgio e appunto Italia in particolare.

Guardando alle prospettive dopo la pausa estiva, a partire da Spa, Binotto ha detto:

"Sarà una gara difficile per noi, perché ci mancano sette decimi rispetto ai migliori e la maggior parte di questi decimi, almeno il 60 per cento, viene dal motore. Ci manca questo rispetto ai migliori e quindi ci consideriamo ad oggi dietro a Mercedes e Honda. Su una pista come il Belgio, se si guardano le nostre simulazioni, è una pista dove il motore conta molto e su un giro di qualifica penso che la differenza sarà significativa".

 

Cosa dice esattamente il regolamento

Le regole della F1 che sono state introdotte sulla scia della pandemia di coronavirus hanno introdotto limiti rigorosi nel numero di aggiornamenti del motore che possono essere utilizzati. Mentre per il 2020 le squadre dovevano attenersi alle stesse specifiche con cui avevano corso alla prima gara della stagione, la situazione è cambiata per quest'anno.

Le regole 2021 stabiliscono che un singolo aggiornamento può essere introdotto in qualsiasi momento durante la stagione in corso.

L'appendice 2 del regolamento tecnico della F1 afferma circa lo sviluppo del motore: "Dal 2021 in poi, un aggiornamento delle specifiche è possibile tra la fine della stagione precedente e la fine della stagione in corso".

Articolo originale su autosport.com]]>
Tue, 10 Aug 2021 10:13:42 +0000 https://www.formula1.it/news/7506/1/la-ferrari-annuncia-un-significativo-aggiornamento-al-suo-motore-di-f1 http://www.formula1.it/admin/foto/la-ferrari-annuncia-un-significativo-aggiornamento-al-suo-motore-di-f1-7506-1.jpg